Lunedì 23 gennaio la V Municipalità di Napoli propone una manifestazione letteraria e musicale in occasione della “Giornata della Memoria”

locandina-giorno-della-memoria-2017Lunedì 23 gennaio, alle ore 10.00, nellambito delle iniziative promosse in occasione della Giornata della Memoria, la Municipalità 5 di Napoli ha organizzato un evento nella Parrocchia di San Gennaro al Vomero (via Bernini, 55).

Programma

Presentazione dibattito a cura di Ersilia Di Palo

Presentazione teatralizzata dal libro “Irena Sendler – La terza Madre del Ghetto di Varsavia” di Roberto Giordano

Interventi di Titti Marrone e Mario De Simone, lettura di poesie a cura di Clotilde Punzo

Concerto di Musica Ebraica a cura dell’Amati Ensemble, con la partecipazione di Angela Yael Amati (violino), Alessandro Yosef Parfitt (violoncello solista), Francesca Cardone (arpa), e con i solisti del Liceo Musicale Margherita di Savoia ed il Coro diretto da Antonella Palazzo.

Saranno eseguiti i seguenti brani:

Hatikvà (la speranza)
Deborah Henson-Conant: The Nightingale per arpa
C. Saint-Saëns: Fantasia per arpa
J. Williams: Schindler’s List
M. Bruch: Kol Nidrei per violoncello ed arpa
N. Piovani: La vita è bella

Ingresso libero

Pubblicato in Dal mondo della musica | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Concerti a Napoli dal 23 al 29 gennaio 2017

Luigi Ricci (1805 - 1859)

Luigi Ricci (1805 – 1859)

Questi gli appuntamenti previsti dal 23 al 29 gennaio 2017:

Lunedì 23 gennaio, alle ore 18.00, nella Sala del Toro Farnese del Museo Archeologico Nazionale, per il terzo appuntamento con il Festival Barocco Napoletano, concerto dell’Ensemble barocco Accademia Reale, formato da Roberta Andalò (soprano), Giovanni Borrelli (violino barocco di concerto), Vincenzo Bianco (violino barocco), Carmine Matino (viola barocca), Francesco Scalzo (violoncello barocco), Michele Del Canto (violone), Valerio Celentano (tiorba), Antonio Falco (chitarra barocca), Tina Soldi (clavicembalo), Enzo Pinelli (percussioni), il Gruppo di Danze storiche Danzar Gratioso con costumi d’epoca, costituito da Paola Cassella, Fabio De Bardi, Giulio D’Amore, Patrizia Sarzi, Daniela Zappa, in collaborazione con Associazione Culturale Rievocatori Storici “Fantasie d’epoca”.

Programma

A. Falconieri: Folias echa para mi Senore Dona Tarolilla de Carallenos da Il primo libro di Canzone, Sinfonie…..(1650)

Anonimo: Villanella, cor. F. Caroso, Il Ballarino (1581)

G. G. Gastoldi: Alta Mendozza, coreografie C. Negri, Le Gratie d’amore (1602)

A. Falconieri
Passacalle da Il primo libro di Canzone, Sinfonie…..(1650)
Bella porta di rubini per soprano, archi e basso continuo

P. F. Caroubel: Pavane de Spagne, coreografie J. A. Jaque, El Libro de Danzar, XVII sec.

O. Vecchi: So ben mi ch’a bon tempo, coreografie C. Negri, Le Gratie d’amore (1602)

Anonimo: Chiara Stella, coreografie F. Caroso, Il Ballarino (1581)

A. Falconieri
O bellissimi capelli per soprano, archi e basso continuo
L’Austria altra Canciona da Il primo libro di Canzone, Sinfonie…..(1650)
Villanella Occhietti amati per soprano, archi e basso continuo

E. de’ Cavalieri: Laura Suave, Balletto in lode della Ser.ma Madama Christina di Lorena de’ Medici, musica desunta dal Sesto Intermedio della Pellegrina – coreografie F. Caroso, Nobiltà di Dame (1600).

Anonimo: Spagnoletta nuova, coreografie F. Caroso, Il Ballarino (1581)

M. Praetorius: Volta, coreografie Danzar Gratioso

Ingresso libero
________________________________________________________

Lunedì 23 gennaio, alle ore 20.30, a Palazzo Serra di Cassano (via Monte di Dio, 14), il Centro Italiano di Musica da Camera, in collaborazione con Fondazione Pietà de’ Turchini, Galleria Toledo e Istituto Italiano per gli Studi Filosofici propone, per il quarto appuntamento con il ciclo “Le sonate per violino e pianoforte di Mozart”, il concerto del duo formato da Alberto Maria Ruta (violino) e Dario Candela (pianoforte)
Introduce il critico Stefano Valanzuolo

Programma

W. A. Mozart
Sonata K 302 in mi maggiore per violino e pianoforte
Sonata K 379 in sol maggiore per violino e pianoforte
Sonata K 526 in la maggiore per violino e pianoforte
Sonata K 547 in fa maggiore per violino e pianoforte

Costo del biglietto: 5 Euro
________________________________________________________

Martedì 24 gennaio, alle ore 20.00 (Turno C / D), con replica mercoledì 25 gennaio, alle ore 20.00 (Turno M Opera), giovedì 26 gennaio, alle ore 18.00 (Turno B), sabato 28 gennaio, alle ore 20.00 (Fuori abbonamento) e domenica 29 gennaio, alle ore 17.00 (Fuori abbonamento), al Teatro di San Carlo, per la stagione lirica 2016-2017, allestimento di “Rigoletto”, opera in tre atti di Giuseppe Verdi su libretto di Francesco Maria Piave.
Orchestra e Coro del Teatro di San Carlo, diretti da Nello Santi / Jordi Bernàcer (date non specificate sul sito)
Regia: Giancarlo Cobelli
Scene e costumi: Paolo Tommasi
Assistente ai costumi: Concetta Nappi

Personaggi ed interpreti

Il Duca di Mantova: Piero Pretti / Stefan Pop (25 e 29 gennaio)
Rigoletto, George Petean / Enkhbat Amartuvshin (25 e 29 gennaio)
Gilda: Rosa Feola / Jessica Nuccio (25 e 29 gennaio)
Maddalena, Anna Malavasi / Rossana Rinaldi (25 gennaio) / Annunziata Vestri (29 gennaio)
Sparafucile: Antonio Di Matteo (24 e 28 gennaio), Giorgio Giuseppini
Marullo: Donato Di Gioia
Giovanna: Antonella Carpenito
Il Conte di Monterone: Maurizio Lo Piccolo
Matteo Borsa: Enzo Peroni / Stefano Pisani (25 e 29 gennaio)
Il Conte di Ceprano: Francesco Musinu
La Contessa di Ceprano: Miriam Artiaco

Costo del biglietto

Turni B – C / D – M Opera

Intero (Tariffa IV)
da 95 a 35 Euro
Palco Reale: 300 Euro

CRAL ed Enti convenzionati, Gruppi dalle 10 alle 20 persone (Tariffa XVII C)
da 86 a 32 Euro
Palco Reale: 270 Euro

Gruppi oltre 20 persone (Tariffa XVIII C)
Da 81 a 30 Euro
Palco Reale: 255 Euro

Programmi di Membership (Tariffa XIX C)
Da 76 a 28 Euro
Palco Reale: 240 Euro

Giovani under 30 / Anziani over 65 * (Tariffa X)
Ultime due file di platea: 30 Euro
Palchi laterali: 25 Euro

*con reddito minimo come da circolare INPS n.1 del 9 gennaio 2015 e/o titolari di Social Card

Fuori abbonamento

Intero (Tariffa III)
da 110 a 35 Euro
Palco Reale: 400 Euro

CRAL ed Enti convenzionati, Gruppi dalle 10 alle 20 persone (Tariffa XVII B)
da 99 a 32 Euro
Palco Reale: 360 Euro

Gruppi oltre 20 persone (Tariffa XVIII B)
Da 94 a 30 Euro
Palco Reale: 340 Euro

Programmi di Membership (Tariffa XIX B)
Da 88 a 28 Euro
Palco Reale: 320 Euro

Giovani under 30 / Anziani over 65 * (Tariffa X)
Ultime due file di platea: 30 Euro
Palchi laterali: 25 Euro

*con reddito minimo come da circolare INPS n.1 del 9 gennaio 2015 e/o titolari di Social Card
________________________________________________________

Mercoledì 25 gennaio, alle ore 17.00, presso la Chiesa di Santa Caterina da Siena (via Santa Caterina, 38), nell’ambito della Stagione della Fondazione Pietà de’ Turchini, presentazione del volume “Saverio Mattei: Tradizione e invenzione”, a cura di Milena Montanile e Renato Ricco (Edizioni di Storia e Letteratura, 2016)

Saluti
Paologiovanni Maione (Centro di Musica Antica “Pietà de’ Turchini”)
Sebastiano Martelli (Università di Salerno)
Beatrice Alfonzetti (Società Italiana di Studi sul XVIII secolo)

Interventi
Paolo Fabbri, Università di Ferrara
Anna Maria Rao, Università di Napoli “Federico II”
Beatrice Alfonzetti, Università di Roma “La Sapienza”

Ingresso libero
________________________________________________________

Giovedì 26 gennaio, alle ore 20.00, presso il Circolo Canottieri Napoli (via Molosiglio 1), per la stagione concertistica della Fondazione Franco Michele Napolitano, concerto dal titolo “Virtuosismi” con la partecipazione dei violinisti Annastella, Donatella e Giuseppe Gibboni, accompagnati al pianoforte dalla madre Gerardina Letteriello.
Presentazione del prof. Massimo Lo Iacono

In programma musiche di Paganini, Sarasate, Bazzini, Ernst, Dinieu, Rimskij-Korsakov

Costo del biglietto: 10 Euro
________________________________________________________

Venerdì 27 gennaio, alle ore 17.30, al Teatro Diana (via Luca Giordano, 64), nell’ambito della stagione ANCEM, “Concerto della Memoria” con la partecipazione dell’ Orchestra da Camera Accademia di Santa Sofia

In programma musiche di Bloch, Silvia Colasanti, Williams, Shostakovich

Costo del biglietto
Platea: 12 Euro
Galleria: 10 Euro

________________________________________________________

Venerdì 27 gennaio, alle ore 18.00, presso la Sala Scarlatti del Conservatorio, l’Associazione Mozart Italia di Napoli, in collaborazione con il Conservatorio, propone il Concerto – Spettacolo “261 ma non li dimostra”, a cura di Roberto De Simone, con la partecipazione dell’Orchestra e del Coro del San Pietro a Majella, diretti dal maestro Francesco Vizioli, della pianista Maria Gabriella Mariani, degli attori Franco Javarone e Biagio Abenante e dei musicologi Stefano Valanzuolo e Daniela Tortora

Ingresso libero fino ad esaurimento posti
________________________________________________________

Venerdì 27 gennaio, alle ore 19.30, nella chiesa dell’Immacolata al Vomero (piazza Immacolata), per la XI edizione della rassegna “Sette secoli di musica sacra per organo a Napoli – Vespri d’organo”, organizzata dall’Associazione Trabaci, concerto del maestro Nicola Florio dal titolo “Quando i Tedeschi copiavano gli Italiani”

Programma

W. A. Mozart: Eine kleine fuge, KV 154

G. Frescobaldi, dai Fiori Musicali, Messa della Domenica (Orbis Factor)
Toccata avanti la Messa
Kyrie
Christe
Kyrie ultimo
Canzon dopo l’Epistola

Johann Gottfried Walther:
Concerto del Signor Albinoni, appropriato all’Organo da J.G. Walther
Concerto del Signor Torelli appropriato all’Organo da J.G. Walther

J. S. Bach (1685-1750):
Concerto in re minore BWV 974 da Alessandro Marcello
Concerto in la minore BWV 593 da Antonio Vivaldi

Ingresso libero
________________________________________________________

Venerdì 27 gennaio, alle ore 19.30, nella Chiesa Luterana (via Carlo Poerio, 5), concerto dei partecipanti alla Masterclass di perfezionamento di canto lirico tenuta dal soprano Jenny Anvelt

Ingresso libero
________________________________________________________

Venerdì 27 gennaio, alle ore 20.30 (Turno S / P), al Teatro di San Carlo, per la stagione sinfonica 2016-2017, concerto in occasione della “Giornata della Memoria”, con la partecipazione dell’Orchestra del Teatro di San Carlo, diretta da Maurizio Agostini, del violinista Fabrizio von Arx, del pianista Antonio Valentino e di Giulia Vecchio (voce recitante)

Programma

G. Klein: Allegro dalla Partita per archi (1944), trascrizione per orchestra d’archi di Vojtěch Saudek

F. Mendelssohn-Bartholdy: Doppio concerto per violino, pianoforte e archi

Alain Resnais / Hanns Eisler: Nuit et brouillard (Notte e nebbia 1955), proiezione del documentario di Resnais con esecuzione dal vivo della colonna sonora di Hanns Eisler e recitazione del testo di Jean Cayrol
Voce recitante: Giulia Vecchio

Costo del biglietto

Intero (Tariffa VIII)
da 45 a 25 Euro
Palco Reale: 150 Euro

CRAL ed Enti convenzionati, Gruppi dalle 10 alle 20 persone (Tariffa XVII)
da 41 a 23 Euro
Palco Reale: 135 Euro

Gruppi oltre 20 persone (Tariffa XVIII)
Da 38 a 21 Euro
Palco Reale: 128 Euro

Programmi di Membership (Tariffa XIX)
Da 36 a 20 Euro
Palco reale: 120 Euro

Giovani under 30 / Anziani over 65 * (Tariffa XI)
Ultime due file di platea: 20 Euro
Palchi laterali: 15 Euro

*con reddito minimo come da circolare INPS n.1 del 9 gennaio 2015 e/o titolari di Social Card
________________________________________________________

Sabato 28 gennaio, alle ore 18.00, a Palazzo Venezia (via Benedetto Croce, 19), serata di sensibilizzazione per i progetti “Friends and Bikers Onlus” per la diffusione dell’acqua potabile nei villaggi rurali dell’Africa sub-sahariana

In programma interventi musicali curati dall’Accademia Musicale Europea, con esecuzioni di allievi e docenti, dai corsi ordinari a quelli dell’Alta Formazione, alternati ad illustrazioni interattive con proiezioni di immagini e video delle attività svolte dalla Onlus.

Ingresso libero
E’ gradita la prenotazione telefonica allo 0815528739 oppure tramite mail al seguente indirizzo: palazzovenezianapoli@gmail.com

________________________________________________________

Domenica 29 gennaio, alle ore 11.00, presso il Centro Culturale Domus Ars (via Santa Chiara 10c), per la stagione dell’Associazione Musica Libera, concerto dell’AMA trio formato da Annarita Terrazzano (soprano), Antonio Baldino (tromba), Grazia Petrosino (pianoforte)

Programma

A. Dvořák: “Měsíčku na nebi hlubokém”, da “Rusalka”

G. Puccini: “Vissi d’arte”, da “Tosca”

C. François – P. Anka: “My way” (tromba e pianoforte)

C. Gounod: Air des bijoux, da “Faust”

F. Poulenc: “Les Chemins de l’amour” (soprano, tromba e pianoforte)

G. Puccini: “Si, mi chiamano Mimì”, da “La Bohème”

F. Cilea: “Ecco, respiro appena… Io son l’umile ancella”, da “Adriana Lecouvreur”

L. Guglielmi: “La vie en rose” (tromba e pianoforte)

G. Verdi: “Pace, o mio Dio”, da “La forza del destino”

G. Gershwin: “Summertime” (soprano, tromba e pianoforte)

Costo del biglietto: 12 Euro
Ingresso gratuito per i soci dell’Associazione

________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Pubblicato in Classica a Napoli | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Domenica 22 gennaio sul canale 42 del digitale terrestre è di scena il Canto Beneventano del Conservatorio di Musica “Nicola Sala”

logo conservatorio bnDomenica 22 gennaio 2017, su canale 42 Rai Gulp del digitale terrestre, dalle ore 22.45 – 23.00, sarà di scena il Canto Beneventano del Conservatorio di Musica “Nicola Sala” di Benevento.
Infatti verrà trasmesso il concerto, realizzato in occasione della Conferenza sul canto beneventano, che si è svolto il 29 settembre 2016, presso la splendida Chiesa di Santa Sofia a Benevento.
Quindi, domenica sera, rivivremo questo significativo evento musicale e culturale sul canale 42 Rai Gulp: ci saranno le immagini del concerto presso la Chiesa di Santa Sofia, le riprese effettuate presso la suggestiva Sala Bonazzi del Conservatorio beneventano con le esecuzioni delle eccellenze studentesche; di seguito verranno mostrate le immagini riprese dalla troupe televisiva presso la Biblioteca Arcivescovile riguardanti i codici liturgico-musicali in scrittura beneventana
Tra i relatori della Conferenza ricordiamo: Angelo Rusconi e Mons. Don Lupo Ciaglia, compositore e insegnante del corso di Canto Beneventano presso il “Nicola Sala”.
Il concerto, volto a sottolineare i contenuti del convegno è stato realizzato dai Cantori del Canto Beneventano, diretto dal M° Antonella Moles, docente, titolare della cattedra di clavicembalo presso l’Istituzione di Alta Formazione Musicale sannita.

Grande la soddisfazione espressa dal Direttore del Conservatorio Giuseppe Ilario e dalla Presidente Caterina Meglio: “Ancora una volta il Conservatorio si conferma protagonista sulla scena artistica italiana, conquistando l’attenzione della stampa e della televisione nazionale ed assurgendo al fondamentale ruolo di polo di formazione didattica e promozione culturale”.

Maestro Rossella Vendemia
Ufficio Stampa e Comunicazione del Conservatorio “Nicola Sala” di Benevento
Via Mario La Vipera, 1
82100 Benevento
Tel. 0824.21102
fax: 0824.50355
sito web: http://www.conservatorio.bn.it/

_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Pubblicato in Dal mondo della musica | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Al Festival Barocco Napoletano Enza Caiazzo propone brani per tastiera del Seicento e della prima metà del Settecento

enza-caiazzo-2Il secondo concerto del Festival Barocco Napoletano, rassegna organizzata dal dott. Massimiliano Cerrito (presidente dell’omonima associazione), la cui direzione artistica è affidata al maestro Giovanni Borrelli, ha ospitato la clavicembalista Enza Caiazzo.
In programma una serie di brani legati alla produzione tastieristica di alcuni autori attivi a Napoli nel Seicento e nella prima parte del Settecento.
Apertura nel segno di Gregorio Strozzi (1615 – 1687), con la Sonata II del Settimo Tono naturale e la Mascara sonata e ballata da più cavalieri Napolitani nel Regio Palazzo, entrambe tratte dalla raccolta Capricci da sonare cembali et organi op. 4 (1687).
Nato a San Severino Lucano, Strozzi studiò prima con Frescobaldi e poi, a Napoli, con Giovanni Maria Sabino, acquisendo uno stile influenzato dai suoi maestri, ma che si avvaleva anche di sonorità arabe.
Personalità eclettica, affiancò alla carriera di compositore quella universitaria, in qualità di docente di diritto canonico e diritto civile, ed ecclesiastica, giungendo al titolo di abate.
Sacerdote fu pure il sannita Giovanni Salvatore (1611-1688), nativo di Castelvenere, allievo di Sabino al Conservatorio della Pietà dei Turchini.
Come organista lo troviamo alla Chiesa dei SS. Severino e Sossio (l’attuale Archivio di Stato), nella Basilica di San Lorenzo Maggiore e, verso il 1675, presso la Chiesa del Carmine, incarico abbinato, in questi due ultimi casi, a quello di maestro di cappella.
Primo maestro del Conservatorio della Pietà dei Turchini dal 1662 al 1673, passò poi nel 1675, al Conservatorio dei Poveri di Gesù Cristo, dove insegnò fino al 1688 (presunto anno di morte).
Alla sua produzione appartenevano la Canzona Francese II del Nono Tuono naturale e la Toccata I del Primo Tuono finto, contenute nel primo volume dei Ricercari a quattro voci, canzoni francesi, toccate et versi, risalente al 1641, dedicato ad Adriana Basile, nota cantante e compositrice dell’epoca, sorella del celebre Giambattista.
La seconda parte del concerto è stata rivolta ad Alessandro Scarlatti (1660-1725) ed al figlio Domenico (1685-1757).
Per quanto riguarda Alessandro, considerato fra i padri della scuola napoletana del Settecento, ancora oggi gode nella città partenopea di una discreta fama, ma soprattutto come intestatario di strade, associazioni ed orchestre perché, se ci riferiamo alle numerosissime composizioni, sia vocali (cantate e opere), sia strumentali, risultano in larga parte inedite e manca un progetto organico di recupero e divulgazione delle stesse.
Eppure si tratta di musica di eccezionale valore, come era possibile apprezzare ascoltando la Toccata VII di ottava stesa, scritta nel 1723, ovvero nell’ultimo periodo della sua vita, durante il quale aveva maturato uno stile troppo raffinato, che ormai non andava più incontro ai gusti del pubblico.
Domenico Scarlatti deve invece la costante notorietà alle sue 555 sonate per tastiera, concepite per Maria Barbara di Braganza, figlia del re del Portogallo e moglie del re di Spagna, presso la quale Domenico Scarlatti prestò servizio, prima a Lisbona, dal 1719 al 1727, poi a Madrid tra il 1733 ed il 1757.
Solo le prime 30 furono pubblicate a Londra, nel 1738, presumibilmente sotto la diretta supervisione dell’autore, mentre tutte le altre si desumono da copie manoscritte conservate in due raccolte custodite nella biblioteca Marciana di Venezia ed in quella Palatina di Parma e giunsero in Italia con Farinelli, collaboratore e grande amico di Domenico Scarlatti alla corte madrilena, che li aveva ereditati alla morte della regina.
L’intero corpus delle sonate (fra le quali il maestro Caiazzo ha scelto la K 474 in mi bemolle maggiore, la K 475 in mi bemolle maggiore, la K 268 in si bemolle maggiore e la K 269 in si bemolle maggiore), agli albori del Novecento fu riveduto, corretto e raggruppato secondo ritmi e tonalità da Alessandro Longo, per complessivi dieci volumi stampati da Ricordi, da cui la lettera L che precedeva ogni brano.
Successivamente, nel 1953, uscì un’edizione curata dal musicologo e clavicembalista statunitense Ralph Kirkpatrick, basata sull’ordine cronologico dei vari pezzi, che è quella oggi maggiormente utilizzata, per cui le sonate sono precedute dalla lettera K.
Uno sguardo sull’interprete, per sottolineare la bravura di Enza Caiazzo nell’eseguire brani di notevole difficoltà, in modo molto raffinato e con grande ricchezza di sfumature, superando inoltre le difficoltà legate a problemi di natura climatica, in quanto la meravigliosa Sala del Toro Farnese del Museo Nazionale, sede del concerto, risultava estremamente gelida.
A ciò va aggiunta la proposizione di un programma interessantissimo (chiuso con un bis contemporaneo rivolto a Old Song di Carlo Mormile, presente in sala), che ha portato alla ribalta un Seicento in gran parte sconosciuto, meritevole di riemergere da un colpevole oblio nel quale si trova attualmente.
Si può quindi concludere che, se il Settecento a Napoli fu una stagione irripetibile, lo si deve anche ai numerosi fermenti artistici già presenti in città nel secolo precedente.
________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Pubblicato in Recensioni concerti | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Giovedì 26 gennaio la stagione concertistica dell’Orchestra di Padova e del Veneto propone una serata rivolta a Saint-Saëns e Satie

Giovanni-Battista-Rigon

Giovanni Battista Rigon

La 51ª Stagione concertistica dell’Orchestra di Padova e del Veneto prosegue giovedì 26 gennaio (ore 20.45) all’Auditorium Pollini con un concerto ideato e organizzato in collaborazione e con il contributo di Palazzetto Bru Zane – Centre de musique romantique française.
Sul podio salirà Giovanni Battista Rigon, che ha diretto in importanti teatri italiani quali La Fenice di Venezia, il Teatro San Carlo di Napoli ed il Filarmonico di Verona, ed è tra i maggiori specialisti di Rossini e Mozart, ma capace di spaziare anche in altri repertori, con una predilezione per il recupero di partiture dimenticate o versioni alternative di noti capolavori.

Dopo l’appuntamento dello scorso 12 gennaio dedicato alla Spagna, questa volta il concerto sarà incentrato su due compositori francesi attivi tra Otto e Novecento: Camille Saint-Saëns ed Erik Satie.
Di Saint-Saëns è prevista l’esecuzione di una pagina celeberrima come Il carnevale degli animali, dove il Maestro Rigon, oltre OPV, dirigerà il duo pianistico formato da Alfonso Alberti e Anna D’Errico, musicisti agguerriti e versatili che suonano insieme dal 2014.
Sempre di Saint-Saëns si ascolteranno, in prima esecuzione italiana, alcune Mélodies per voce e orchestra che saranno affidate a uno degli interpreti più interessanti del repertorio operistico e liederistico francese, il baritono greco Tassis Christoyannis.
Il programma si chiuderà con Parade di Erik Satie, nella nuova versione per orchestra da camera di Stefano Pierini, eseguita in prima esecuzione assoluta.

Composto da Saint-Saëns nel 1886, Il Carnevale degli animali per due pianoforti e piccola orchestra è formato da 14 brani molto brevi, ognuno riferito a un animale.
Gli intenti dichiaratamente satirici e umoristici sfociano in una divertente galleria di caratteri non solo animaleschi ma anche umani, attraverso i quali il compositore si prende gioco di alcuni esponenti della società musicale dell’epoca: compositori, critici musicali, pianisti principianti.

Di segno espressivo diverso le Mélodies per voce e orchestra.
Come quelle concepite con accompagnamento pianistico, appartengono a una produzione di Saint-Saëns meno nota al grande pubblico e riscoperta solo negli ultimi tempi grazie al lavoro di ricerca svolto dal Palazzetto Bru Zane che ha realizzato le partiture di 19 mélodies inedite.
Si tratta di vere e proprie opere liriche in miniatura, dotate di un intreccio, ricche di sfumature psicologiche e caratteriali.
Attente al valore poetico del testo, le mélodies si distinguono anche per la raffinatezza e l’originalità armonica-timbrica dell’accompagnamento orchestrale.
In concomitanza con questo concerto ci sarà inoltre una novità discografica: un CD con le Mélodies per voce e orchestra che vede protagonista il baritono Tassis Christoyannis e il tenore Yann Beuron pubblicato dall’etichetta Alpha.

L’ultimo pezzo in programma, Parade, è una inedita versione per orchestra da camera del balletto-pantomima musicato da Satie su un soggetto di Jean Cocteau, e rappresentato nel 1917 allo Châtelet di Parigi con scene e costumi di Pablo Picasso.
Un vero scandalo per l’epoca, e non solo per i personaggi insoliti rappresentati (acrobati, prestigiatori, prostitute).
Satie utilizza infatti in partitura rumori singolari come la macchina da scrivere, i colpi di pistola e le sirene, rifiutando polemicamente le sonorità dell’orchestra romantica.

Il giorno stesso del concerto, sempre all’Auditorium Pollini, alle 10.30, sarà aperta al pubblico la prova generale (biglietto intero € 7, ridotto studenti € 3) e alle 19 il direttore Giovanni Battista Rigon introdurrà il programma con una guida all’ascolto.

La 51ª Stagione concertistica dell’Orchestra di Padova e del Veneto è realizzata con il sostegno della Fondazione Antonveneta.

Biglietti

Concerto: interi €22, ridotti in convenzione €20, ridotti amici OPV €18, ridotti under35 €8, ridotti speciali famiglie €30, in prevendita a partire da una settimana prima rispetto alla data del concerto presso Gabbia (via Dante, 8) o in vendita al botteghino dell’Auditorium Pollini, il giorno del concerto dalle ore 20.00.

I biglietti interi possono essere acquistati online sul sito www.opvorchestra.it

Info:
www.opvorchestra.it
tel. 049 656848

Ufficio stampa
Studio Pierrepi
Via delle Belle Parti 17 – 35139 Padova
Mob.: 348-3423647
E-mail: opvorchestra@studiopierrepi.it
www.studiopierrepi.it

_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Pubblicato in Prima del concerto | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento

Mercoledì 25 gennaio il Chiara Pancaldi Trio allo Zingarò Jazz Club di Faenza

chiara-pancaldiMercoledì 25 gennaio 2017, la voce di Chiara Pancaldi sarà protagonista sul palco dello Zingarò Jazz Club (via Campidori, 11 – Faenza).
La cantante presenterà il suo nuovo progetto in trio, Songs don’t grow old alone, insieme a Giancarlo Bianchetti alla chitarra e Stefano Senni al contrabbasso.

Il concerto avrà inizio alle 22 con ingresso libero

Le canzoni non maturano da sole, hanno bisogno di essere condivise.
Chiara Pancaldi costruisce un concerto intimo e delicato, cerca nella comunicazione intensa e coinvolgente tra i musicisti ed il pubblico l’ingrediente segreto che permette alle canzoni di svilupparsi e maturare.
La musica brasiliana, gli standard della tradizione jazzistica e i brani originali vengono interpretati con freschezza e con la spiccata attitudine verso l’interplay e l’improvvisazione.
Un filo melodico ed espressivo tracciato dalla voce insieme alla versatile disposizione di due musicisti esperti e sensibili come il chitarrista Giancarlo Bianchetti e il contrabbassista Stefano Senni.

Chiara Pancaldi si avvicina alla musica con lo studio del pianoforte classico.
La sua grande passione, però, è il canto.
Dopo aver iniziato come autodidatta, a 18 anni inizia a studiare tecnica vocale: attraverso un lungo percorso, approfondisce lo studio del belcanto con diversi insegnanti e avvia il primo approccio al jazz.
Le jam sessions sono la sua prima scuola e poi affina via via la tecnica vocale con seminari e workshop internazionali e con un percorso accademico di secondo livello in canto jazz presso il Conservatorio di Bologna.
Si esibisce da oltre dieci anni in numerosi festival, rassegne e jazz club con varie formazioni.
È stata finalista al concorso Chicco Bettinardi nel 2009 e vincitrice della Borsa di Studio per i corsi Berklee di Umbria Jazz al Premio Massimo Urbani nel 2010.
Nel 2012, è uscito The song is you, il suo primo disco realizzato in quintetto per la Dodicilune Dischi.
Grazie all’incontro con il pianista Cyrus Chestnut, si esibisce con il suo trio al Dizzy’s Club di New York.
A seguito di questa esperienza, registra I Walk A Little Faster, con il trio formato da Cyrus Chestnut, John Webber al contrabbasso e Joe Farnsworth alla batteria.
Il disco, pubblicato dall’etichetta olandese Challenge Records, vede la partecipazione di Jeremy Pelt in qualità di produttore artistico.

La stagione dello Zingarò Jazz Club è accompagnata dalla nuova installazione fotografica di Lorenzo Gaudenzi dedicata al jazz: gli scatti hanno anche una valenza ecologica, in quanto Gaudenzi ha utilizzato un particolare cartoncino riciclato sia per la stampa che per la confezione della mostra.

Mercoledì 1° febbraio 2017, lo Zingarò Jazz Club ospita uno sguardo al jazz sudafricano con Rainbow Nation, la formazione composta da Gaspare De Vito al sax alto, Francesco Bucci al trombone, Federico Squassabia al Fender Rhodes, Pierluigi Mingotti al basso e Youssef Ait Bouazza alla batteria.

Contatti:

Zingarò Jazz Club
Via Campidori, 11. Faenza (RA)
Tel: +39.0546.21560
e-mail: info@ristorantezingaro.com
web: www.ristorantezingaro.com; www.twitter.com/zingarojazzclub

Direzione Artistica: Michele Francesconi

Rapporti con la Stampa:
Fabio Ciminiera
e-mail: fabiociminiera@jazzconvention.net
mob: +39.347.4098632
skype: fabio.ciminiera

_________________________________________________________

Logo Zingarò jazz club

Zingarò Jazz Club – Programma Gennaio/Febbraio 2017

Mercoledì 25 Gennaio 2017

Chiara Pancaldi Trio “Songs don’t grow old alone”
Chiara Pancaldi. voce
Giancarlo Bianchetti. chitarra
Stefano Senni. contrabbasso
Mercoledì 1 Febbraio 2017
Rainbow Nation
Gaspare De Vito. sax alto
Francesco Bucci. trombone
Federico Squassabia. Fender Rhodes
Pierluigi Mingotti. basso
Youssef Ait Bouazza. batteria

Mercoledì 8 Febbraio 2017
Gianni Azzali Quartet
Gianni Azzali. sassofoni, flauto
Mario Zara. pianoforte
Mauro Sereno. contrabbasso
Luca Mezzadri. batteria

Mercoledì 15 Febbraio 2017
Joe Pisto & Fausto Beccalossi “Interplay”
Joe Pisto. chitarra
Fausto Beccalossi. fisarmonica, arrangiamenti

Mercoledì 22 Febbraio 2017
Relendo Villa Lobos
Cristina Renzetti. voce, chitarra, percussioni
Michele Francesconi. pianoforte
Gabriele Zanchini. fisarmonica, arrangiamenti
Emilio Galante. flauto, ottavino
Davide Bernaro. percussioni

Lunedì 27 Febbraio 2017
Fiato Al Brasile
VI Edizione Fiato al Brasile: Concerto Finale
________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Pubblicato in Prima del concerto | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Lunedì 23 gennaio il terzo appuntamento con il Festival Barocco Napoletano propone le musiche di Andrea Falconieri

locandina-fbn-concerto-23-gennaioLunedì 23 gennaio, alle ore 18.00, nella Sala del Toro Farnese del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, prosegue la I Edizione del Festival Barocco Napoletano, rassegna organizzata dal presidente dell’Associazione Festival Barocco Napoletano dott. Massimiliano Cerrito e affidata alla direzione artistica del maestro Giovanni Borrelli.
Protagonisti del terzo appuntamento, intitolato Symphonie, Canzoni, Pass’emmezzi, Balletti, Gagliarde e Ritornelli, Musiche e Danze del XVII secolo, l’Ensemble barocco Accademia Reale, formato da Roberta Andalò (soprano), Giovanni Borrelli (violino barocco di concerto), Vincenzo Bianco (violino barocco), Carmine Matino (viola barocca), Francesco Scalzo (violoncello barocco), Michele Del Canto (violone), Valerio Celentano (tiorba), Antonio Falco (chitarra barocca), Tina Soldi (clavicembalo), Enzo Pinelli (percussioni), il Gruppo di Danze storiche Danzar Gratioso con costumi d’epoca, costituito da Paola Cassella, Fabio De Bardi, Giulio D’Amore, Patrizia Sarzi, Daniela Zappa, in collaborazione con Associazione Culturale Rievocatori Storici “Fantasie d’epoca”.

In programma musiche di Falconieri, Gastoldi, Caroubel, Vecchi, de’ Cavalieri, Praetorius

Ingresso libero

Info
info.fbn@libero.it

________________________________________________________

Lunedì 23 gennaio, ore 18.00
Museo Archeologico di Napoli – Sala del Toro Farnese

Programma

A. Falconieri (1685 – 1656): Folias echa para mi Senore Dona Tarolilla de Carallenos da Il primo libro di Canzone, Sinfonie…..(1650)

Anonimo: Villanella, cor. F. Caroso, Il Ballarino (1581)

G. G. Gastoldi (1555 – 1622): Alta Mendozza, coreografie C. Negri, Le Gratie d’amore (1602)

A. Falconieri
Passacalle da Il primo libro di Canzone, Sinfonie…..(1650)
Bella porta di Rubini per soprano, archi e basso continuo

P. F. Caroubel (1556 – 1615): Pavane de Spagne, coreografie J. A. Jaque, El Libro de Danzar, XVII sec.

O. Vecchi (1550 – 1605): So ben mi ch’a bon tempo, coreografie C. Negri, Le Gratie d’amore (1602)

Anonimo: Chiara Stella, coreografie F. Caroso, Il Ballarino (1581)

A. Falconieri
O bellissimi capelli per soprano, archi e basso continuo
L’Austria altra Canciona da Il primo libro di Canzone, Sinfonie…..(1650)
Villanella Occhietti amati per soprano, archi e basso continuo

E. de’ Cavalieri: Laura Suave, Balletto in lode della Ser.ma Madama Christina di Lorena de’ Medici, musica desunta dal Sesto Intermedio della Pellegrina – coreografie F. Caroso, Nobiltà di Dame (1600).

Anonimo: Spagnoletta nuova, coreografie F. Caroso, Il Ballarino (1581)

M. Praetorius (1571 – 1621): Volta, coreografie Danzar Gratioso.

Ricostruzioni coreografiche di Gloria Giordano, Bruna Gondoni, Ana Yepes, Daniela Zappa.
________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Pubblicato in Prima del concerto | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento