San Francisco Opera Announces Casting for Richard Wagner’s Der Ring Des Nibelungen Three Cycles Presented June 12–July 1, 2018 – Visionary Production of Four-Opera Ring Cycle by Director Francesca Zambello; Donald Runnicles Conducts

san-francisco-opera-the-ringSan Francisco (September 26, 2016) –– San Francisco Opera General Director Matthew Shilvock today announced the casting and schedule for the Company’s summer 2018 presentations of Richard Wagner’s Der Ring des Nibelungen (The Ring of the Nibelung). The four-opera cycle of Das Rheingold, Die Walküre, Siegfried and Götterdämmerung—widely considered the greatest and most ambitious work ever conceived for the lyric stage—will be presented in three complete cycles from June 12 through July 1, 2018. Francesca Zambello directs the visually spectacular production of Wagner’s epic narrative of gods, mortals, corruption and redemption, which premiered at the War Memorial Opera House in June 2011. Donald Runnicles, one of the world’s foremost Wagnerian conductors, reunites with Zambello and the production to lead the cast and San Francisco Opera Orchestra and Chorus.

Tickets for the complete four-opera Ring cycle are now on sale to current San Francisco Opera subscribers and donors only. Four-opera cycle tickets go on sale for the general public beginning in January 2017.

Shilvock said, “The Ring is one of humanity’s defining works of expression. Its narrative sweep charts the creation and destruction of the world and such an epic undertaking coalesces the incredible forces of San Francisco Opera in a powerful way. I couldn’t be more delighted that we are undertaking this journey in San Francisco and am excited to connect audiences and Company together in this profound experience.”

San Francisco Opera has assembled an exceptional international cast of the world’s leading Wagnerians for the 2018 Ring cycle, beginning with an exciting trio of artists who are new to the Company. German soprano Evelyn Herlitzius (“towering vocal strength, meeting all the challenges of the score with vibrant, thrilling tone,” Opera News) makes her highly anticipated Company debut in the pivotal role of Brünnhilde who appears in three of the four operas: Die Walküre, Siegfried and Götterdämmerung. She has performed Brünnhilde at the Vienna State Opera, Deutsche Oper Berlin, Munich’s Bavarian Opera House, Bayreuther Festpiele and other European opera houses. American tenor Daniel Brenna (“an exciting baritonal sound that can hold its own against the orchestra’s most withering fire,” Parterre) first bows with San Francisco Opera as Siegfried in both Siegfried and Götterdämmerung, a role for which he earned critical acclaim during the 2016 revival of Zambello’s production of the Ring at Washington National Opera. Well known for his accomplished performances in Wagner’s works, especially the Ring, German bass-baritone Falk Struckmann (“Commanding voice and musical intelligence,” New York Times) makes his Company and role debuts as Alberich in Das Rheingold, Siegfried and Götterdämmerung.

Following his unforgettable 2013 performances here as the Dutchman in Wagner’s Der Fliegende Holländer, American bass-baritone Greer Grimsley (“as fine a Wotan as you are likely to encounter on today’s operatic scene,” Seen and Heard) returns to the Company as Wotan/The Wanderer. Admired worldwide for his performances of this central role in the cycle, Grimsley’s well-regarded portrayal will finally come to San Francisco Opera in 2018. Providing a glimpse of her Sieglinde at the David Gockley Gala in June 2016, distinguished Finnish soprano Karita Mattila will sing the role in all three cycles. American tenor Brandon Jovanovich reprises the roles of Froh in Das Rheingold and Siegmund in Die Walküre. Triumphant as Adalgisa in the Company’s 2014 performances of Bellini’s Norma, American mezzo-soprano Jamie Barton will sing the roles of Fricka in Das Rheingold and Die Walküre and Waltraute in Götterdämmerung.

Štefan Margita and David Cangelosi reprise their vividly etched performances of Loge and Mime respectively, portrayals for which the two tenors were highly praised in the Company’s 2011 Ring. American bass Raymond Aceto sings the roles of Fafner in Das Rheingold and Siegfried and Hunding in Die Walküre while Italian bass Andrea Silvestrelli will unleash his deep bass voice as Fasolt in Das Rheingold and Hagen in Götterdämmerung. American baritone Brian Mulligan takes on the roles of Donner in Das Rheingold and Gunther in Götterdämmerung. Also featured are Merola Program alumni mezzo-soprano Ronnita Miller (Erda) and soprano Melissa Citro (Gutrune); and Stacey Tappan (Woglinde and the Forest Bird), Lauren McNeese (Wellgunde) and Renée Tatum (Flosshilde). Additional Ring casting will be announced in January 2017.

Currently the General Music Director of the Deutsche Oper Berlin, Maestro Donald Runnicles reunites with the San Francisco Opera Orchestra and Chorus to conduct all 12 performances. Runnicles, who was last on the War Memorial podium in June 2015 to lead performances of Berlioz’s colossal Les Troyens, has previously conducted the Ring in San Francisco in 1990, 1999 and 2011.

When first unveiled as a complete four-opera cycle during the 2011 Ring Festival, the New York Times hailed Zambello’s production as “boldly contemporary.” The San Francisco Chronicle observed: “San Francisco Opera’s most ambitious undertaking in years also turned out to be the company’s greatest triumph.” Zambello revisited elements of the staging for its May 2016 revival at the Washington National Opera, and the production earned considerable acclaim in the nation’s capital. “Francesca Zambello’s Ring cycle is strong and moving, thought-provoking and powerful,” praised Anne Midgette of The Washington Post, who concluded, “My bottom line for any production, updated or not, is the quality of its storytelling, and this is where Zambello excelled. When a production creates characters that move you, and get you to re-engage with the work in new ways, it is succeeding.” Metro Weekly commented: “The beautiful imagery, [Michael] Yeargan’s evocative sets and Zambello’s clear storytelling make for a powerful vehicle.”

Setting the narrative with visuals from various periods of American history, the director argues for the work’s timeless quality. “The Ring is always contemporary. We are presenting a world in some ways familiar to our audience but also one that will feel very mythic as we look to our country’s rich imagery,” says Zambello. “The great themes of the Ring—nature, power and corruption—resound through America’s past and haunt our present.”

Along with Zambello, the creative team includes set designer Michael Yeargan, costume designer Catherine Zuber, lighting designer Mark McCullough, projection designers S. Katy Tucker and Jan Hartley and chorus director Ian Robertson. The Ring is a co-production with Washington National Opera.

All artists will perform their roles in each of the three cycles, which are scheduled for June 12–17, June 19–24 and June 26–July 1, 2018. Ring cycles performances take place on Tuesday, Wednesday, Friday and Sunday. To provide Ring aficionados and those who are new to the work additional points of engagement, San Francisco Opera will partner with Bay Area cultural institutions to present myriad activities during the 2018 Ring Festival, including lectures, events and other activities.  The full calendar of ancillary activities will be announced at a later date. For more information, visit sfopera.com/ringfestival.

Regarded as one of the world’s leading companies in presenting the entire Ring cycle, San Francisco Opera’s storied history with Wagner’s masterwork goes back eight decades. The Company’s first presentation of the Ring came in 1935 with Friedrich Schorr (Wotan), Lauritz Melchior (Siegmund/Siegfried), Elisabeth Rethberg (Sieglinde) and Kirsten Flagstad (Brünnhilde), the latter in the first complete Ring of her legendary career. Later stagings were in 1972, 1985, 1990, 1999 and 2011. The City of San Francisco has also played host to two other presentations of the Ring: a complete cycle in 1900 by the touring Metropolitan Opera at the Grand Opera House and a partial Ring in 1931 by veteran soprano Johanna Gadski’s touring Grand German Opera Company at the Civic Auditorium.

Tickets and Information

Tickets for Wagner’s Ring are currently offered in complete four-opera cycles and are available for purchase to current San Francisco Opera subscribers and donors only. Complete cycles are priced from $190 to $3,420 and include a tax-deductible contribution to provide extra support for this monumental production. Non-donors and subscribers can become eligible to buy the Ring during this priority period by donating $75 or more. To become a donor, contact the San Francisco Opera Box Office [301 Van Ness Avenue, or by phone at (415) 864-3330] or visit sfopera.com/donate. The Ring will be available to the general public for purchase as four-opera cycles beginning in January 2017.

All Ring cycle subscribers will receive a Festival packet with details about all Ring Festival activities, lectures and events. Additionally, San Francisco Opera will partner with hotels and an airline to accommodate out-of-town subscribers, as well as Bay Area patrons looking to get away and immerse themselves in the Ring Festival. Complete details about the Ring Festival experience will be announced in spring 2017. For more information, visit sfopera.com/ringfestival.

San Francisco Opera has created a Ring Circle for patrons who wish to make a special contribution to this production. Ring Circle memberships begin with donations of $5,000 or more and members enjoy benefits leading up to and during the Ring. For additional information, please contact Cathy Lewis at (415) 551-6239 or clewis@sfopera.com.

The War Memorial Opera House is located at 301 Van Ness Avenue. Patrons are encouraged to use public transportation to attend San Francisco Opera performances. The War Memorial Opera House is within walking distance of the Civic Center BART station and near numerous bus lines, including 5, 21, 47, 49 and the F Market Street. For more public transportation information, visit bart.gov and sfmuni.com.

Casting, programs, schedules and ticket prices are subject to change. For further information about San Francisco Opera’s 2018 Ring Festival and production of Wagner’s Der Ring des Nibelungen, please visit  sfopera.com/ring.

SUMMER 2018 OPERA SEASON: DER RING DES NIBELUNGEN
(The Ring of the Nibelung)

*San Francisco Opera Debut       ♪Role Debut

CYCLE 1: June 12 (7:30 p.m.); June 13 (7 p.m.); June 15 (6:30 p.m.);
June 17 (1 p.m.)
CYCLE 2: June 19 (7:30 p.m.); June 20 (7 p.m.); June 22 (6:30 p.m.);
June 24 (1 p.m.)
CYCLE 3: June 26 (7:30 p.m.); June 27 (7 p.m.); June 29 (6:30 p.m.); July 1 (1 p.m.)

All cycle performances are presented on Tuesday, Wednesday, Friday and Sunday

Production:
Conductor                                               Donald Runnicles
Director                                                   Francesca Zambello
Set Designer                                           Michael Yeargan
Costume Designer                                  Catherine Zuber
Lighting Designer                                  Mark McCullough
Projection Designers                              S. Katy Tucker, Jan Hartley
Chorus Director                                        Ian Robertson

Co-production with Washington National Opera
Sung in German with English supertitles
All performances of the Ring will feature OperaVision, HD video projection screens in the Balcony.

DAS RHEINGOLD by Richard Wagner
June 12 (7:30 p.m.), 19 (7:30 p.m.) and 26 (7:30 p.m.), 2018

Approximate running time: 2 hours, 35 minutes with no intermission

First Performance:                                   Munich; September 22, 1869
First SFO Performance:                           November 1, 1935
Most recent SFO Performance                June 2011

Cast:
Wotan                                                       Greer Grimsley
Loge                                                           Štefan Margita
Alberich                                                    Falk Struckmann*
Fricka                                                       Jamie Barton
Erda                                                         Ronnita Miller
Mime                                                        David Cangelosi
Fasolt                                                       Andrea Silvestrelli
Fafner                                                      Raymond Aceto
Froh                                                         Brandon Jovanovich
Donner                                                    Brian Mulligan                 
Woglinde                                                
Stacey Tappan
Wellgunde                                              Lauren McNeese
Flosshilde                                               Renée Tatum

 

DIE WALKÜRE by Richard Wagner
June 13 (7 p.m.), 20 (7 p.m.) and 27 (7 p.m.), 2018

Approximate running time: 4 hours, 30 minutes with two intermissions
First Performance                                      Munich; June 26, 1870
First SFO Performance                              November 4, 1935
Most recent SFO Performance                  June 2011

Cast:
Brünnhilde                                                   Evelyn Herlitzius*
Wotan                                                            Greer Grimsley
Sieglinde                                                        Karita Mattila
Siegmund                                                      Brandon Jovanovich
Fricka                                                             Jamie Barton
Hunding                                                        Raymond Aceto

 

SIEGFRIED by Richard Wagner
June 15 (6:30 p.m.), 22 (6:30 p.m.) and 29 (6:30 p.m.), 2018

Approximate running time: 4 hours, 50 minutes with two intermissions
First Performance                                           Bayreuth; August 16, 1876
First SFO Performance                                   November 6, 1935
Most Recent SFO Performance                      June 2011

Cast:
Siegfried                                        Daniel Brenna*
Brünnhilde                                    Evelyn Herlitzius                                                     
Mime                                              
David Cangelosi
The Wanderer (Wotan)             Greer Grimsley
Alberich                                         Falk Struckmann
Fafner                                            Raymond Aceto
Erda                                               Ronnita Miller
Forest Bird                                   Stacey Tappan

 

GÖTTERDÄMMERUNG by Richard Wagner
June 17 (1 p.m.), 24 (1 p.m.) and July 1 (1 p.m.), 2018

Approximate running time: 5 hours, 15 minutes with two intermissions
First Performance                                            Bayreuth, August 17, 1876
First SFO Performance                                   November 9, 1935
Most recent SFO Performance
June 2011

Cast:
Brünnhilde                                               Evelyn Herlitzius
Siegfried                                                   Daniel Brenna
Gunther                                                    Brian Mulligan
Hagen                                                      Andrea Silvestrelli
Waltraute                                                Jamie Barton
Gutrune                                                   Melissa Citro
Alberich                                                   Falk Struckmann
Woglinde                                                 Stacey Tappan
Wellgunde                                               Lauren McNeese
Flosshilde                                                Renée Tatum

 

Praise for San Francisco Opera’s production of Der Ring des Nibelungen and Debuting Artists

June 2011 – Premiere of full Ring cycle at San Francisco Opera

“San Francisco Opera’s most ambitious undertaking in years also turned out to be the company’s greatest triumph.” San Francisco Chronicle

“Zambello keeps the intertwined human dramas in tight focus, and there is no shortage of visual wit and imagination.” Chicago Tribune

“Drawing on American imagery in bold, playful ways, it presents the Ring as a story about the amassing of power and its corrupting effect, the despoiling of nature and the oppression of have-nots.” New York Times

“Zambello’s strength is in her focus on personal relationships and her sense of humor. She does show the despoiling of the environment — the Rhine maidens clean up a polluted river. But what she mainly reveals is how women are left to clean up the mess the men make of the world.” Los Angeles Times

“In the pit, former Music Director Donald Runnicles led a performance of majestic power and sweep, eliciting thrillingly great playing from the tireless Opera Orchestra.” San Francisco Chronicle

“It’s a spectacle for the digital age.” Mercury News

May 2016 – Revival at Washington National Opera

“Francesca Zambello’s Ring cycle is strong and moving, thought-provoking and powerful, with musical performances and insightful directing supporting each other in an experience that will leave those who saw it thinking and savoring for a long time to come.” The Washington Post

“My bottom line for any production, updated or not, is the quality of its storytelling, and this is where Zambello excelled. When a production creates characters that move you, and gets you to re-engage with the work in new ways, it is succeeding.” The Washington Post

“Zambello’s take on Wagner’s epic underlines the familiar issues of greed and power, while adding layers of ecological sensitivity, not to mention feminist sensibility.” Opera News

“The staging of the final scene of this Walküre came together with outstanding dramatic and musical commitment from all involved to present what is certainly the most emotionally intense Act III I have personally seen live, a reminder of the cathartic power this work wields in the right hands and how often productions stop short of its full impact.” Parterre

“And when it comes to Zambello’s vision, it cannot be emphasized enough how much the projections and video of Jan Hartley and S. Katy Tucker complement and expand, not just the themes, but the entire mood of the cycle.” Metro Weekly

Evelyn Herlitzius, soprano (Brünnhilde) *San Francisco Opera Debut

“… a soprano voice of immense power and a svelte body capable of moving agilely. Climactic phrases ring out gloriously and with authority” New York Times

“… towering vocal strength, meeting all the challenges of the score with vibrant, thrilling tone” Opera News

Daniel Brenna, tenor (Siegfried) * San Francisco Opera Debut

“…an exciting baritonal sound that can hold its own against the orchestra’s most withering fire […] Still very early in his career, he is, as they say, a Siegfried to watch.” Parterre

“Brenna is simply amazing in every facet of this role.” DC Metro Theater Arts

Falk Struckmann, bass-baritone (Alberich) * San Francisco Opera Debut

“Commanding voice and musical intelligence” New York Times

“Blessed with a luxuriant baritone that commands attention” The Huffington Post

Greer Grimsley, bass-baritone (Wotan)

“The show may be called “The Valkyrie,” but it’s Wotan who does the heavy lifting, and Greer Grimsley has never been more impressive in that role with its lengthy narratives and its wide emotional range.” Seattle Times

“Greer Grimsley is as fine a Wotan as you are likely to encounter on today’s operatic scene.” Seen and Heard

2018 RING CYCLE ARTIST BIOGRAPHIES

For biographies of all cast and creative team members, go to sfopera.com/ring.

Evelyn Herlitzius (Brünnhilde)
Acclaimed for her portrayals of some of the most demanding roles in the dramatic soprano repertory, Evelyn Herlitzius makes her much anticipated Company debut as Brünnhilde. Herlitzius has performed with the leading opera houses of Europe, including Vienna State Opera, Munich’s Bavarian State Opera, Deutsche Oper Berlin and Teatro alla Scala in Milan. The German soprano debuted at the Bayreuth Festival in 2002 as Brünnhilde and returned on numerous occasions, including as Isolde in Tristan und Isolde to open the 2015 Festival. Her highly acclaimed portrayal of the title role in Strauss’ Elektra, which the Telegraph called “a creature of mesmerizing intensity,” has been seen at Dresden’s Semperoper, the Bavarian State Opera, Deutsche Oper Berlin, Teatro alla Scala and Zürich Opernhaus. A DVD of the 2013 Festival d’Aix-en-Provence Elektra—conducted by Esa-Pekka Salonen and in the late French director Patrice Chéreau’s final production—is available from BelAir Classiques. Future engagements include Elektra at Berlin’s Staatsoper im Schiller Theater, Brünnhilde in the Ring in Wiesbaden and Berlin, and Ortrud in Lohengrin at Paris Opéra.

Greer Grimsley (Wotan)
Greer Grimsley made his San Francisco Opera debut as Baron Scarpia in the 2001 production of Tosca and returned as Count Monterone (Rigoletto), Jokanaan (Salome), and in the title role of Der Fliegende Holländer. He garnered critical acclaim in 2005, 2009, and 2013 as Wotan/the Wanderer in Seattle Opera’s Ring cycle, which he also performed in Cologne in 2010 and at the Metropolitan Opera in 2013. The American bass-baritone’s recent engagements include the title role of Sweeney Todd at Vancouver Opera and the Glimmerglass Festival, Wotan (Die Walküre) in Barcelona and Tokyo, in the title role of Macbeth with Minnesota Opera, Don Pizarro in Fidelio with Santa Fe Opera, and Claggart (Billy Budd) with Los Angeles Opera. Upcoming engagements include Jokanaan and Don Pizarro at the Met.

Daniel Brenna (Siegfried)
American tenor Daniel Brenna makes his Company debut as Siegfried in Siegfried and Götterdämmerung. He appeared as Siegfried in Francesca Zambello’s production of the Ring at Washington National Opera in May 2016. The Washington Post applauded Brenna’s “robust sound,” declaring, “this singer is definitely someone to watch.” Internationally known for his portrayal of Siegfried, Brenna has performed the role in Budapest, Stuttgart, Longborough Festival Opera and at Opéra de Dijon (in Dijon’s 2013 Ring cycle, he also performed Siegmund in Die Walküre). Brenna debuted at the Metropolitan Opera in 2015 as Alwa in a new production of Lulu and has performed Desportes in Die Soldaten at the Salzburg Festival, Munich’s Bavarian State Opera and Milan’s Teatro alla Scala. Other notable performances include the title role of Tannhäuser and Aron in Moses and Aron. Upcoming engagements include Laca Klemeň in Olivier Tambosi’s production of Jenůfa at the Metropolitan Opera, Aegisth in Elektra with Edmonton Opera, and the world premiere of David Hefti’s opera Anna’s Mask at Theater St. Gallen in Switzerland.

Falk Struckmann (Alberich)
One of today’s foremost Wagnerians, German bass-baritone Falk Struckmann made his premiere engagement at the Bayreuth Festival in 1993 as Kurwenal in Tristan und Isolde under Daniel Barenboim and later appeared there in the Ring under James Levine and Christian Thielemann. In the Ring, he has performed Wotan, Fafner, Hunding, and Hagen and, for his San Francisco Opera debut, will take on the role of Alberich in Das Rheingold, Siegfried, and Götterdämmerung for the first time. Struckmann bowed at Milan’s Teatro alla Scala in Siegfried under Riccardo Muti and at New York’s Metropolitan Opera in the title of Wozzeck under the baton of James Levine. His appearances with the Berlin Staatsoper include new productions of Der Fliegende Holländer, Die Meistersinger von Nürnberg, Der Ring des Nibelungen and Parsifal. His numerous engagements at the Vienna State Opera include Lohengrin, Die Frau ohne Schatten, Tristan und Isolde and Der Ring des Nibelungen. Upcoming roles include Baron Scarpia (Tosca) at Deutsche Oper Berlin, Rocco (Fidelio) at the Metropolitan Opera, and Hagen (Götterdämmerung) at Vienna State Opera.

Karita Mattila (Sieglinde)
Finnish soprano Karita Mattila is recognized internationally for the beauty and versatility of her lyric voice and the dramatic intensity of her performances. She made her San Francisco Opera debut in 1989 as Ilia in Idomeneo and subsequently has appeared with the Company as Eva (Die Meistersinger von Nürnberg), in her role debut as Elsa (Lohengrin), in the title roles of Kát’a Kabanová and Manon Lescaut, and as Emilia Marty in The Makropulos Case. Her most recent engagement last summer was her first stage appearance as Kostelnička in Jenůfa. In 2003 Mattila was honored by the French Minister of Culture as a Chevalier de l’Ordre des Arts et des Lettres. She has won Grammy awards for her recordings of Jenůfa with Bernard Haitink on Erato and Die Meistersinger von Nürnberg with Sir Georg Solti on the Decca label.

Brandon Jovanovich (Siegmund)
American tenor Brandon Jovanovich has been a frequent performer at San Francisco Opera, including as Walther von Stolzing in Die Meistersinger von Nürnberg (2015), Susannah (2014), the title role of Lohengrin (2012), and the 2011 Ring cycle (Siegmund, Froh). Recent career highlights include Sergei in Shostakovich’s Lady Macbeth of Mtsensk at the Metropolitan Opera; Beethoven’s Missa Solemnis with the Los Angeles Philharmonic; a concert version of Fidelio with the San Francisco Symphony; and Janáček’s Glagolitic Mass with Jiří Bělohlávek and the Czech Philharmonic at Vienna’s Musikverein. In the 2016–17 season, Jovanovich returns to Lyric Opera of Chicago (Énée in Les Troyens), sings Siegmund at Deustche Oper Berlin, and made his house debut at the Wiener Staatsoper as Don José in Carmen.

Jamie Barton (Fricka, Waltraute)
American mezzo-soprano Jamie Barton won the 2015 Richard Tucker Award and both the Main and Song Prizes at the 2013 BBC Cardiff Singer of the World Competition; she is also a winner of the 2007 Metropolitan Opera National Council Auditions and a Grammy nominee. Barton made her San Francisco Opera debut in 2014 as Adalgisa in Norma. Her 2016–17 season includes a U.S./U.K. recital tour with pianist James Baillieu; a return to the Metropolitan Opera for her role debut as Ježibaba (Rusalka) and as Fenena (Nabucco); her first Princess Eboli (Don Carlo) in her Deutsche Oper Berlin debut; and her New York Philharmonic debut as Fricka in Das Rheingold. This fall, Delos Music releases Barton’s first solo album, All Who Wander, featuring songs by Mahler, Dvořák, and Sibelius.

Štefan Margita (Loge)
Štefan Margita first appeared with San Francisco Opera in 2007 as Walther von der Vogelweide in Tannhäuser. He made his critically acclaimed role debut as Loge in the Company’s 2008 production of Das Rheingold with an encore performance in the 2011 Ring cycle. Margita has performed Laca Klemeň (Jenůfa) to great praise around the world, including the Glyndebourne Festival, Prague National Theatre, and Paris’s Théâtre du Châtelet. He began his international career as Vána Kudrjáš (Kát’a Kabanová) at the Grand Théâtre de Genève, where he returned in 2004 as Luka Kuzmič (From the House of the Dead)—a role he has also performed at Teatro alla Scala, the Metropolitan Opera and the Aix-en-Provence Festival. The tenor’s upcoming engagements include Loge at Lyric Opera of Chicago, the Drum Major (Wozzeck) at Paris Opéra, and Luka Kuzmič at Paris Opéra and Royal Opera, Covent Garden.

Donald Runnicles (Conductor)
Recipient of the 2009 San Francisco Opera Medal, Donald Runnicles served as music director and principal conductor of San Francisco Opera from 1992 to 2009. He first led the Company in two Ring cycles in 1990 and has since conducted more than 60 productions here, including Les Troyens in 2015 and the world premieres of Adams’ Doctor Atomic and Susa’s The Dangerous Liaisons; the West Coast premiere of Wallace’s Harvey Milk; the North American premiere of Messiaen’s Saint François d’Assise; and the 1999 and 2011 Ring cycles. Runnicles made his North American debut in 1988 conducting Berg’s Lulu at the Metropolitan Opera. He appears regularly at the BBC Proms and Edinburgh Festival, and has built strong relationships as a guest conductor with the Bayreuth, Salzburg, and Glyndebourne festivals, as well as the Vienna State Opera. He is currently general music director of Deutsche Oper Berlin, principal guest conductor of the Atlanta Symphony Orchestra, and music director of the Grand Teton Music Festival. Maestro Runnicles was named Officer of the British Empire in 2004.

Francesca Zambello (Director)
Recipient of the 2015 San Francisco Opera Medal, Francesca Zambello began her long association with the Company in 1983 as assistant stage director for Ariadne auf Naxos and has since been involved in more than 50 productions here, including Luisa Miller, La Traviata, La Voix humaine, La Bohème, Prince Igor, Jenůfa, the West Coast premiere of Rachel Portman’s The Little Prince, Porgy and Bess, her 2011 Ring cycle, and the world premieres of Heart of a Soldier and Two Women. She is currently general and artistic director of the Glimmerglass Festival and artistic director of Washington National Opera. In addition to her work in opera, she has also staged plays and musicals on Broadway and around the world. Her many honors include France’s Chevalier des Arts et des Lettres and the Russian Federation’s medal for service to culture, three Olivier Awards, two French Grand Prix des Critiques and Germany’s Palme d’Or. An adjunct professor at Yale, she began her career as an assistant director to the late Jean-Pierre Ponnelle. This November, she returns to San Francisco Opera to direct a new production of Aida.

ABOUT DER RING DES NIBELUNGEN (THE RING OF THE NIBELUNG)
Based loosely on Norse mythology, the plot of Wagner’s epic music-drama Der Ring des Nibelungen revolves around a ring made from gold stolen from the Rhine River—the ring can only be forged by one who renounces love forever, and it gives its possessor unlimited power. But the ring carries a deadly curse that determines the destiny of all who come in contact with it. Throughout the cycle, various mythic figures struggle to obtain the ring; chief among them is Wotan, ruler of the gods. Wotan strives to undo the curse by fathering a pure-of-heart hero, but events spin out of control as his offspring—the half-mortal twins Siegmund and Sieglinde and the Valkyrie Brünnhilde—defy his will. The ring is eventually won by the hero Siegfried, son of Siegmund and Sieglinde, and he braves a circle of fire to awaken the sleeping Brünnhilde, after which the two fall ecstatically in love. Siegfried gives the ring to Brünnhilde as a token of their union and leaves for new adventures, but he is ultimately slain and Brünnhilde sacrifices herself to return the ring to its natural home in the Rhine, thus ending the rule of the gods and restoring the world to its natural order.
Composed from 1853 to 1874, Der Ring des Nibelungen is arguably the pinnacle of operatic art. The composer, who also wrote the libretto, drew inspiration for his magnum opus from early Germanic and Norse mythology and from the poem Nibelungenlied, which was written by an anonymous German poet in the 13th century. In 1848 Wagner drafted a prose outline for his drama, and throughout the next five years he wrote the librettos for Das Rheingold, Die Walküre, Siegfried and Götterdämmerung in reverse order. While Das Rheingold and Die Walküre received their premieres in Munich in 1869, the first performance of the complete Ring cycle was in 1876 in Bayreuth, Germany.
Der Ring des Nibelungen is regarded by many as the artistic ancestor of such 20th-century epics as The Lord of the Rings and Star Wars. Common themes such as the lust for power, the lure of wealth, the sacred beauty of nature and the destructive force of mankind remain relevant today.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Pubblicato in Dal mondo della musica | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Giovedì 29 settembre il ciclo “America Novecento” di Bologna Festival 2016 prosegue con la prima assoluta del ciclo American Songs di Luca Mosca interpretato da Cristina Zavalloni e Gaia Mattiuzzi

Logo Bologna Festival 2016Giovedì 29 settembre, ore 20.30, all’Oratorio San Filippo Neri, prosegue il ciclo America Novecento, nell’ambito de Il Nuovo l’Antico di Bologna Festival, con la prima esecuzione assoluta di American Songs di Luca Mosca.
Il nuovo lavoro del compositore milanese comprende canzoni originali e trascrizioni di canzoni americane degli Anni Quaranta e Cinquanta, alcune delle quali sono divenute celebri standard jazzistici.
La cantante bolognese Cristina Zavalloni, interprete duttile e sofisticata, voce poliedrica che spazia dalla Nuova Musica al jazz con disinibita inventiva, nell’esecuzione delle Canzoni Americane sarà affiancata da Gaia Mattiuzzi, cantante di formazione classica e jazz molto attiva in Italia e all’estero, spesso coinvolta in progetti interdisciplinari al fianco di artisti come Moni Ovadia, Wu Ming, il ballerino Melaku Belay o il violinista Aldo Orvieto.
Luca Mosca, compositore, pianista e clavicembalista, ha studiato a Milano con il pianista Antonio Ballista e con i compositori Franco Donatoni e Salvatore Sciarrino.
È un compositore brillante e versatile in grado di muoversi fra la neoavanguardia, il nitore stravinskiano e la musica di consumo.
Su commissione di Bologna Festival, per il progetto “America Novecento” ideato da Mario Messinis, Luca Mosca ha trascritto per voce e un complesso da camera una dozzina di celebri canzoni americane e insieme ha composto altrettanti brani su testi di originali del poeta Gianluigi Melega.
Il Gruppo di Musica da Camera del Conservatorio “A. Boito” di Parma, che frequenta il repertorio del Novecento sotto la guida competente di Pierpaolo Maurizzi, già coinvolto in prime esecuzioni assolute di diversi compositori, torna ad esibirsi al Bologna Festival nell’ambito del progetto contemporaneo “America Novecento”.

Il progetto America Novecento, fino al 10 novembre all’Oratorio San Filippo Neri, in cinque concerti affidati a specialisti di questo repertorio, traccia un percorso nella musica cameristica statunitense dagli Anni Venti alla fine del secolo scorso, presentando in prima esecuzione il lungo ciclo American Songs di Luca Mosca.
«Si vuole sottolineare – precisa il direttore artistico di Bologna Festival Mario Messinisil pluralismo della cultura statunitense tra compositori d’avanguardia e compositori di accessibilità comunicativa: Varèse e Zappa, Carter e Gershwin, Feldman e Adams, Cage e Reich, Bernstein e canzoni degli anni ‘40 e ‘50 trascritte da Luca Mosca, che è anche autore di alcuni Songs inediti».

Biglietti in vendita a Bologna Welcome (Piazza Maggiore 1/E) 051 231454, martedì-sabato ore 13-19 e il giorno stesso del concerto all’Oratorio San Filippo Neri, un’ora prima dell’inizio del concerto.

Ufficio Stampa Bologna Festival
Paola Soffià
tel. 051 6493397
cell. 328 7076143
stampa@bolognafestival.it

_________________________________________________________

America Novecento
Giovedì 29 settembre ore 20.30
Oratorio San Filippo Neri
Ensemble da Camera del Conservatorio “A. Boito” di Parma
Pierpaolo Maurizzi, direttore
Cristina Zavalloni, voce
Gaia Mattiuzzi, voce

American Songs per voce e 14 strumenti
canzoni originali e trascrizioni di Luca Mosca

opera commissionata da Bologna Festival, prima esecuzione assoluta

Accent on youth, Angel eyes, Blue champagne, Don’t go to strangers, Darn that dream, A garden in the rain, Here’s that rainy day, I thought about you, I wonder where our love has gone, It shouldn’t happen to a dream, It’s the talk of the town e 12 Fly Songs originali di Luca Mosca su testi di Gianluigi Melega

Cristina Zavalloni
Di formazione jazzistica, a diciotto anni Cristina Zavalloni intraprende lo studio del belcanto e della composizione nel Conservatorio di Bologna, sua città natale; ha praticato danza classica e contemporanea per molti anni.
Collabora con il compositore olandese Louis Andriessen, che ha scritto per lei diversi lavori, tra cui Letter from Cathy, Racconto dall’Inferno, Theatre of the World e il monodramma Anaïs Nin.
Apprezzata interprete di opere come Folk Songs di Berio, La voix humaine di Poulenc, Moonsongs di Uri Caine o Pierrot lunaire di Schönberg, frequenta il repertorio barocco (L’incoronazione di Poppea e il Combattimento di Tancredi e Clorinda di Monteverdi) e quello lirico (The rape of Lucretia, Phaedra, The turn of the screw di Britten); ha eseguito in prima assoluta lavori di Boccadoro, Mosca, McMillan.
La sua multiforme attività la vede impegnata in concerti jazzistici con artisti come Paolo Fresu, Jason Moran, Benoît Delbecq, Stefano Bollani, con complessi sinfonici come BBC Symphony Orchestra, Los Angeles Philharmonic Orchestra, London Sinfonietta, Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai di Torino, con gli ensemble Sentieri Selvaggi, Brass Bang! e con il pianista Andrea Rebaudengo.
Si è esibita nei più noti festival jazz internazionali e per importanti istituzioni musicali europee e americane.
Tra le sue incisioni, Idea (2006), Tilim-Bom con Andrea Rebaudengo (2008), Solidago (2009), La donna di cristallo con la Radar Band (2012), The Soul Factor con Uri Caine (2014).

Luca Mosca
Luca Mosca è nato a Milano nel 1957.
Ha compiuto gli studi musicali nel Conservatorio della sua città diplomandosi in pianoforte con Eli Perrotta e Antonio Ballista, clavicembalo con Marina Mauriello e composizione con Franco Donatoni e Salvatore Sciarrino.
Sue composizioni sono state eseguite in importanti sedi e manifestazioni quali: Radio France, Beaubourg di Parigi, Festival di Strasburgo, Lione, Avignone, Varsavia, WDR di Colonia, Auditorio Nacional de Madrid, Festival Wien Modern, stagioni da camera di Londra, Manchester, Rotterdam, stagioni sinfoniche RAI di Napoli, Roma, Milano, Orchestra Regionale Toscana, Unione Musicale di Torino, Biennale di Venezia, Bologna Festival, Musica nel Nostro Tempo e Milano Musica, Teatro Massimo di Palermo, Gran Teatro La Fenice di Venezia, Piccola Scala di Milano, Maggio Musicale Fiorentino, Bologna Festival. Come pianista e clavicembalista ha dato numerosi concerti in Italia e all’estero, seguendo soprattutto il repertorio del secondo dopoguerra e la sua musica.
Ha inciso per la CGD l’integrale degli Études di Claude Debussy e musiche di Chopin, Liszt, Scriabin, Gershwin.
Fra le sue composizioni più importanti si segnalano le opere Il sogno di Titania, Peter Schlemihl, America e K., Un uomo di vetro (su libretto di Pilar Garcìa) e Mr. Me, Signor Goldoni, Freud, Freud, I Love You e L’Italia del destino (su libretti di Gianluigi Melega); cinque Concerti per pianoforte e orchestra, Quindici divertimenti per oboe e orchestra, Tredici fantasie per violino e orchestra, Concerto in due movimenti per flauto e orchestra, Cinque ballate per oboe e orchestra, Trenta Novellette per soprano, pianoforte e orchestra; Undici Poemetti, La passeggiata improvvisa e Una mano piena di ore per orchestra; Dreifaltigkeitslied e Down by the delta per coro e orchestra; quattro Sinfonie concertanti (per violino, viola e archi, per oboe, violino e archi, per nove strumenti antichi, per violoncello,contrabbasso e archi); dodici Trii, due Ottetti, due Quintetti e moltissima musica per svariati ensembles e per pianoforte solo.
Negli ultimi anni ha collaborato intensamente con Gianluigi Melega, sui cui testi poetici ha scritto, oltre alle opere Mr. Me, Signor Goldoni, Freud, Freud, I Love You e L’Italia del destino, anche la cantata Down by the Delta per coro e orchestra, Concerto per soprano e sei strumenti, An Ode to Ludwig Wittgenstein per soprano e dieci strumenti, A Lie in High C per tenore e sei strumenti, In the garden at Ninfa per soprano e sei strumenti, e il ciclo di ventotto haiku Words to Score a Rhyme; Bus 130, canzonetta per mezzosoprano e cinque strumenti; She-Donkey, jazz song per voce e dieci strumenti e, nel 2015-2016, dodici Fly Songs per voce e strumenti, parte dell’opera American Songs, una raccolta di ventitré canzoni scritta su commissione di Bologna Festival. Lavori di Luca Mosca sono stati proposti da Bologna Festival anche in altre occasioni, quali l’esecuzione della Kammersymphonie n.2 op.38 di Schönberg nella sua elaborazione per cinque strumenti dedicata all’Überbrettl Ensemble.
Tra i suoi prossimi impegni si segnalano le prime esecuzioni di Nothing per soprano e mezzosoprano in ottobre alla Biennale di Venezia e di Aura una nuova opera in scena in novembre al Teatro Comunale di Treviso.
Luca Mosca vive ed insegna a Venezia.
Le sue opere sono pubblicate dalle Edizioni Suvini Zerboni – SugarMusic S.p.A., Milano.

Ensemble da Camera del Conservatorio di Parma
Il gruppo da camera del Conservatorio “A. Boito” di Parma nasce su iniziativa di Pierpaolo Maurizzi, docente di musica da camera e titolare del relativo Biennio Specialistico dell’istituto, mentre quello di musica contemporanea è legato a Danilo Grassi, docente principale dei corsi di Alto Perfezionamento per percussionisti.
Gli studenti più meritevoli, alternandosi, affrontano prevalentemente opere fondamentali del Novecento, tra cui Pierrot Lunaire e Serenade di Schönberg, Oiseaux exotiques di Messiaen, Kammerkonzert di Berg, O King e Folk Songs di Berio, Octandre e Ionisation di Varèse, The Yellow Shark di Zappa, Sextet di Reich, Through Roses di Neikrug.
L’ensemble ha eseguito in prima assoluta brani di Magnanensi, Ghezzi, Garau, Caprioli oltre al lavoro su musiche di Mahler Urlicht, appositamente commissionato ad Uri Caine.
Negli ultimi anni, grazie al Progetto Erasmus, l’ensemble si è arricchito della presenza di musicisti di varie nazionalità: oltre duecento giovani strumentisti di talento provenienti da Albania, Argentina, Austria, Bosnia, Brasile, Cile, Corea, Croazia, Finlandia, Russia e Kazakistan.
L’ensemble collabora da alcuni anni con Bologna Festival, nell’ambito delle rassegne Talenti e Il Nuovo l’Antico.

Pierpaolo Maurizzi
Fondatore del Trio Brahms e dello Überbrettl Ensemble – deve la sua formazione musicale a Lidia Proietti, Piero Guarino e Dario De Rosa.
Fertili sono stati poi gli incontri con Pierre Fournier, Franco Gulli e Detlef Kraus. Dall’affermazione al Concorso “Johannes Brahms” di Amburgo (1983) ha dedicato la sua vita musicale al repertorio cameristico a fianco di musicisti quali Yves Savary, Rainer Honeck, Kolja Lessing.
Si è esibito in Europa, Stati Uniti, Canada e America del Sud.
È titolare del Biennio Specialistico al Conservatorio di Parma dove è docente da trent’anni.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Pubblicato in Prima del concerto | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Martedì 27 settembre il Pasquale Mandia Jazz Trio inaugura a Salerno la V edizione di Erasmus on Stage

Pasquale Mandia

Pasquale Mandia

Serata inaugurale, martedì 27 settembre per la V edizione di Erasmus on Stage, rassegna musicale diretta da Margherita Coraggio e ideata da Anna Bellagamba, promossa dal Conservatorio di Musica “G. Martucci” di Salerno, in collaborazione con la Bottega San Lazzaro di Chiara Natella.
Alle ore 20, nella abituale cornice della Chiesa di Sant’Apollonia, sarà di scena il jazz.
E’ questo il genere di musica che è l’immagine stessa dell’incrocio sonoro.
Concetto chiave nella formazione dell’immagine del jazz, l’improvvisazione è al tempo stesso un feticcio ed una realtà centrale del linguaggio jazzistico, ed è termine che stimola l’immaginazione e fa pensare a sconfinati orizzonti di libertà, ad incontrollabili voli della fantasia, facendolo diventare l’emblema della musica “libera”, senza vincoli, che ha dato il titolo alla serata “E’ come…Erasmus”.
La musica ci invita a viaggiare adottando una visione nel complesso meno rigida delle varie discipline, delle prassi e delle istituzioni che assieme configurano la modernità di oggi.
La serata sarà affidata al veterano del progetto Erasmus, il batterista Pasquale Mandia, che si presenterà in trio con Giuseppe D’Alessio al contrabbasso e Francesco Russo al pianoforte.
Una performance, la sua, che racchiuderà tutto ciò che ha raccolto dopo le tre diverse esperienze europee in Portogallo, Danimarca, Belgio.
Il progetto offre un esempio di rilevante deterritorializzazione ovvero una sublimazione degli idiomi musicali dei luoghi vissuti da Pasquale Mandia.
Tuttavia, il fatto che i suoni apparentemente circolino liberi, spesso inconsapevoli delle rivendicazioni di comunità locali, linguistiche, nazionali, non significa che essi non siano altrettanto saturi di tempo storico e di intensità culturali.
La scaletta prevede tutte composizioni originali, a cominciare da “My Starting Point” e “Genesi”, a cui si aggiungeranno riflessioni in musica sul difficile periodo che stiamo attraversando, come “Palmyra”, dedicato alla strage dell’attuale guerra in Siria.
Il jazz, quindi, come l’unico “grande ombrello” sotto cui si può riparare la creatività dei musicisti di oggi, con la concreta possibilità di poter esprimere qualcosa di nuovo ed inedito, agli inizi di un secolo che segue un altro dove tutto sembra stato fatto. Jazz in senso lato, jazz come possibilità di contaminare e sperimentare, jazz come crocevia di scambio di culture lontane, jazz come zona franca per poter rischiare in nome del nuovo.
Pasquale Mandia donerà un disegno degli spazi, ottimale così come le improvvisazioni dei singoli che ben si inseriranno nel tessuto complessivo schizzato da batteria e contrabbasso andando a realizzare un sound ricco, pieno, a tratti potente a tratti dolcemente espressivo, europeo.

Mercoledì 28 settembre i ragazzi offriranno al pubblico dei preziosi “Souvenirs d’Europa”, a cominciare dalle Romanze op. 94 di Robert Schumann per clarinetto e pianoforte, eseguite da Michele Adelizzi, di ritorno da Lovanio, datate 1849, nate per oboe, tre composizioni dal carattere delicato e quasi salottiero, che passano dalla malinconia della prima, alla serenità e all’incanto melodico della seconda, per arrivare al mistero, quasi magico, della terza.
Tre splendide voci, quindi, i soprano Colette Manciero e Orsola Leone (Cracovia), con il mezzosoprano Luana Grieco e al pianoforte Azzurra Romano (Lovanio) intoneranno arie dei massimi compositori europei dal Mozart del “Così fan tutte” (“Una donna a quindici anni”), a “Il Campiello”, testamento musicale di Wolf Ferrari.

Ingresso libero

Info:
Conservatorio “G. Martucci”
www.consalerno.it
089 237713
chiara15n@gmail.com
089 231330
328 9079642

Olga Chieffi resp.le musicale Studio Apollonia
Cell.: 347 8814172

_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Pubblicato in Prima del concerto | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Il ciclo “I suoni della storia” propone un intenso appuntamento nel segno di Arriaga e Boccherini

Foto Max Cerrito

Foto Max Cerrito

Nuovo appuntamento a Palazzo Zevallos con “I suoni della storia”, ciclo organizzato dall’Associazione Alessandro Scarlatti e dedicato ad Enrique Granados, morto in seguito all’affondamento del piroscafo Sussex durante la Prima Guerra Mondiale.
Ospiti del concerto il Quartetto Gagliano, formato da Carlo Dumont e Sergio Carnevale (violini), Gianfranco Conzo (viola) e Raffaele Sorrentino (violoncello), il chitarrista Edoardo Catemario, la danzatrice Raffaella Caianiello e l’attore Raffaele Ausiello.
Il programma comprendeva il Quartetto n. 1 in re minore di Juan Crisóstomo de Arriaga (1806 – 1826) ed il Quintetto con chitarra in re maggiore G. 448 “Fandango” di Luigi Boccherini (1743-1805).
Nel primo caso eravamo di fronte ad un autore nativo di Bilbao, oggi poco frequentato, definito per la sua precocità “Il Mozart spagnolo”, che studiò al conservatorio di Parigi con Baillot, Cherubini e Fétis.
Musicista molto promettente, morì a soli vent’anni di tubercolosi, lasciando una produzione che, per quanto esigua, appare sufficiente a testimoniare il suo grande talento.
Per quanto riguarda Boccherini, che fu anche un virtuoso violoncellista, deve la sua notorietà soprattutto ad un minuetto, appartenente al Quintetto n. 5 op. 13 in mi maggiore.
Nativo di Lucca, trascorse più della metà della sua vita a Madrid, fra alterne fortune artistiche ed economiche.
Il Quintetto in re maggiore G. 448, proposto nell’occasione, faceva parte di una serie di brani, concepiti fra il 1798 ed il 1799, su richiesta del marchese di Benavente, mecenate che lo aveva sostenuto in un momento di grande indigenza nonché ottimo chitarrista dilettante.
Per tale motivo, Boccherini pensò di utilizzare movimenti di alcuni suoi quintetti scritti in precedenza (per due violini, viole e due violoncelli), sostituendo il secondo violoncello con la chitarra.
Nel caso del Quintetto G. 448, i primi due tempi derivavano dal Quintetto per archi in re maggiore, op. 10/6 (G. 270) del 1771, mentre il terzo e conclusivo venne tratto dal Quintetto per archi in re maggiore, op. 40/2 (G. 341), che terminava al ritmo di un fandango, giustificando l’appellativo con il quale il brano è passato alla storia.
Uno sguardo ora agli interpreti, iniziando dal Quartetto Gagliano, confermatosi ensemble di elevatissimo valore, caratterizzato dalla bravura dei singoli e dal loro ottimo affiatamento, che ha posto in evidenza la sensibilità e la maturità di Arriaga (si fa fatica a pensare che il quartetto sia opera di un diciassettenne) e la musicalità di Boccherini, ricca di sfumature, suggestioni popolari ed originalità (a proposito di particolarità, vanno segnalati alcuni passaggi di grande virtuosismo affidati al violoncello, contraddistinti da note acute che rimandavano alla vocalità del soprano).
Proseguendo con gli esecutori, il chitarrista Edoardo Catemario ha fornito il suo consueto apporto di solista elegante e raffinato, mostrandosi in perfetta sintonia con il quartetto.
Molto brava anche Raffaella Caianiello che, accompagnandosi al suono delle nacchere, ha esaltato, con le sue sensuali movenze, il movimento finale del quintetto di Boccherini.
Ricordiamo infine Raffaele Ausiello, che fra un brano e l’altro, ha letto con marcata espressività pagine appartenenti alla produzione di Benito Pérez Galdos, Federico García Lorca e Luis Cernuda, fra i maggiori rappresentanti della cultura spagnola dell’Ottocento e del Novecento.
In conclusione un bellissimo concerto, che ha portato alla ribalta un paio di brani cameristici di notevole fattura, concepiti da due autori, come Arriaga e Boccherini, meritevoli di attenzioni maggiori.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Pubblicato in Recensioni concerti | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Il soprano polacco Adriana Ferfecka si aggiudica la XXVIII edizione del Concorso Internazionale di Canto Lirico “Iris Adami Corradetti”

adriana-ferfecka-foto-giuliano-ghiraldiniIl primo premio del XXVIII Concorso Internazionale intitolato al soprano Iris Adami Corradetti, ricordata ascoltando una sua registrazione all’inizio della serata conclusiva organizzata a Padova, al Teatro Verdi, sabato 24 settembre 2016, è stato assegnato alla ventiquattrenne soprano polacco Adriana Ferfecka.
Italiana e coreano gli altri giovanissimi cantanti che, al termine del concerto, presentato da Luisa Corna, ha visto esibirsi i dieci finalisti accompagnati dall’Orchestra Regionale Filarmonia Veneta, diretta da Lorenzo Passerini, si sono aggiudicati il secondo e il terzo premio decretato dalla giuria internazionale: Clarissa Costanzo, nata a Capua (Caserta) e il baritono della Corea del Sud Hankyol Kim.
Una borsa di studio è stata assegnata al tenore Azer Zada, (Azerbaijan).

La commissione giudicatrice era composta da Christoph Seuferle, direttore artistico della Deutsch Opera di Berlino e presidente di giuria, Tony Gradsak, casting manager del Teatro alla Scala di Milano; Leonid Jivetski, direttore Artistico del Teatro Bolshoi di Mosca; Sophie Joyce, casting manager della English National Opera; Elisabeth Sobotka, sovrintendente del Festival di Bregenz; Damià Carbonell Nicolau, assistente alla Direzione Artistica del Teatro Real di Madrid; He-ion Seo, docente presso Seoul National University College of Music ; Renate Kupfer, consulente Opera casting; Fortunato Ortombina, direttore artistico del Teatro La Fenice di Venezia; Pierangelo Conte, coordinatore artistico Opera di Firenze Maggio Musicale Fiorentino; Alessandro di Gloria, casting manager del Teatro Massimo di Palermo e Saverio Clemente, dell’agenzia lirica InArt.

Una finale emozionante e caratterizzata da un alto livello dei concorrenti, che ha reso assai difficile decidere chi dovesse essere eliminato, è stata seguita da un numerosissimo pubblico (il teatro era quasi al completo).

Il concorso giunto alla sua ventottesima edizione, promosso e organizzato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova è realizzato grazie al Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con il sostegno della Regione Veneto, ed inserito all’interno della Stagione Lirica di Padova 2016

Concorso Internazionale di Canto Lirico “Iris Adami Corradetti” è nato a Padova nel 1985 al fine di onorare il grande soprano milanese di nascita, ma padovano di adozione, che fu maestra di importanti Artisti e organizzatrice, forte e decisa, fino alla morte.
Dal 2000 il Concorso, ideato dal Comitato della Lirica, è stato fatto proprio dall’Amministrazione Comunale di Padova, che gli ha dato la sicurezza della continuità garantendone l’ adeguato supporto finanziario e organizzativo.

Ufficio Stampa
Studio Pierrepi – Alessandra Canella
via Belle Parti, 17 – 35139 Padova
Mob: 348-3423647
E-mail: canella@studiopierrepi.it
www.studiopierrepi.it

_________________________________________________________

I vincitori

Adriana Ferfecka, soprano (Polonia)
Nata nel 1992, vincitrice di concorsi nazionali e internazionali, tra cui Le Grand Prix de l’Opera International Voice Competition in Romania (Giugno 2014) e l’European Opera Singing Competition in Germania (settembre 2014).
Si esibisce regolarmente in molte città polacche ed altrettante europee.
Ha avuto modo di esibirsi anche nel repertorio di musica sacra.

Clarissa Costanzo, soprano (Italia)
Nata a Capua (Caserta) nel 1991, iniziato lo studio del canto lirico nel 2010 presso il Conservatorio di Musica San Pietro a Majella di Napoli dove si è diplomata con il massimo dei voti la lode e menzione speciale.
Vincitrice di prestigiosi concorsi internazionali, ha già debuttato in teatri importanti quali il Teatro Sociale di Como, il Teatro Ponchielli di Cremona, il Teatro degli Arcimboldi di Milano, il Teatro Manzoni di Bologna, il Teatro Verdi di Pordenone, il Teatro Comunale di Bolzano, il Teatro Municipale di Piacenza, il Teatro Alighieri di Ravenna ed il Teatro Comunale “Luciano Pavarotti” di Modena e il Teatro San Carlo di Napoli.

Hankyol Kim, baritono (Corea del sud)
Nato a Seoul, ha iniziato gli studi di canto all’Università Han-Yang della sua città, sotto la guida del baritono Sunghyun Ko, laureandosi nel febbraio 2013.
In Corea, si è esibito in Rigoletto (title-role), Don Giovanni (Masetto), e in diversi recital operistici.
Ha inoltre ricevuto numerosi premi in concorsi internazionali di canto tra cui il Primo premio assoluto al Concorso internazionale “Cappuccili, Patanè, Respighi” (2015), il Premio Lirica World al Concorso Internazionale per Giovani Cantanti Lirici “Riccardo Zandonai” di Riva del Garda (2016) ed è arrivato finalista al Concorso internazionale “Francisco Viñas” (2016).

Azer Zada, tenore (Azerbaijan)
Si è diplomato in Canto nel 2010 presso il Conservatorio di Baku, in Azerbaijan, suo paese di nascita. Trasferitosi inItalia, ha frequentato l’Accademia d’Arte Lirica di Osimo.
Dal 2009 è solista presso l’Azerbaijan Academic Opera and Ballet Theatre e presso l’Opera Studio di Baku.
Nel 2012 ha vinto il Concorso Lirico Internazionale “Magda Olivero” a Milano ed ha intrapreso una serie di concerti in Italia, Francia, Austria, Slovacchia, Russia, Inghilterra, Emirati Arabi Uniti e Turchia.
Nel 2014 è stato ammesso all’Accademia di Perfezionamento per Cantanti Lirici del Teatro alla Scala. Prossimamente sarà Cavaradossi in Tosca per i giovani al Teatro Petruzzelli di Bari e Macduff in Macbeth al Teatro Verdi di Salerno sotto la bacchetta di Daniel Oren.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Pubblicato in Dal mondo della musica | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Concerti a Napoli dal 26 settembre al 2 ottobre 2016

Michele Carafa

Michele Carafa (1787-1872)

Questi gli appuntamenti previsti dal 26 settembre al 2 ottobre 2016:

Lunedì 26 settembre, alle ore 18.00, presso il Circolo Artistico Politecnico (piazza Trieste e Trento, 48), per “I Lunedì Musicali”, concerto del soprano Dorothy Manzo e del tenore Paolo Plantulli, accompagnati dalla pianista Silvia Siniscalchi, con la partecipazione di Enrico Siniscalchi (voce recitante)
Introduzione di Renata Maione

In programma musiche di Puccini, Verdi, Alfano, Mascagni e poesie di Salvatore di Giacomo

Ingresso gratuito per i soci, associati e ragazzi fino ai 15 anni di età
Per gli ospiti è previsto un contributo
Per info: tel. 081 426543

_________________________________________________________

Martedì 27 settembre, alle ore 18.00 (Turno B), con repliche mercoledì 28 settembre, alle ore 20.00 (Fuori abbonamento), venerdì 30 settembre, alle ore 20.30 (Turno C/D) e domenica 2 ottobre (Turno F – ore 17.00) al Teatro di San Carlo, per la stagione lirica estiva 2016, allestimento dell’opera “Le nozze di Figaro” di Wolfgang Amadeus Mozart su libretto di Lorenzo Da Ponte

Direttore: Ralf Weikert
Regia: Chiara Muti
Scene: Ezio Antonelli
Costumi: Alessandro Lai
Assistente alla Regia: Raffaele Di Florio

Personaggi e interpreti

Il Conte di Almaviva: Simone Alberghini (27 e 30 settembre, 2 ottobre) / Christian Senn (mercoledì 28 settembre)
La Contessa di Almaviva: Cinzia Forte / Eleonora Buratto (2 ottobre)
Susanna: Rosa Feola (27 e 30 settembre, 2 ottobre) / Maria Mudriak (mercoledì 28 settembre)
Figaro: Alessandro Luongo (27 e 30 settembre, 2 ottobre) / Marko Mimica (mercoledì 28 settembre)
Cherubino: Marina Comparato (27 e 30 settembre, 2 ottobre) / Giuseppina Bridelli (mercoledì 28 settembre)
Marcellina: Laura Cherici (27 e 30 settembre, 2 ottobre) / Marilena Laurenza (mercoledì 28 settembre)
Bartolo: Fabrizio Beggi
Basilio: Bruno Lazzaretti
Don Curzio: Saverio Fiore
Barbarina: Giulia Semenzato
Antonio: Matteo Peirone / Marco Camastra

Allestimento del Teatro di San Carlo in coproduzione con il Teatro Petruzzelli di Bari

Orchestra e Coro del Teatro di San Carlo

Costo del biglietto

Intero: da 50 a 28 Euro
Ridotto: da 44 a 24 Euro (titolari Carte dei programmi di Membership, gruppi di almeno 10 persone membri di enti, CRAL ed associazioni convenzionati con il Teatro di San Carlo)
Gruppi: da 38 a 22 euro

Giovani under 30 /Over 65*
Platea (III settore): 25 Euro
Palchi: 15 Euro

*Anziani over 65 con reddito minimo (come da circolare INPS n.1 del 9 gennaio 2015) e / o Social Card
_________________________________________________________

Sabato 1 ottobre, alle ore 18.30, a Palazzo Venezia (v. Benedetto Croce, 19) per l’inaugurazione degli “Incontri Musicali a Palazzo Venezia”, organizzati dall’Accademia Musicale Europea e dall’Ass. PA.VE., concerto dal titolo “Folle Amore! Folle Ebbrezza”, con la partecipazione del soprano Romina Casucci, accompagnata al pianoforte da Luciano Ruotolo

In programma musiche di Giacomo Puccini

Contributo organizzativo: 10 Euro (comprensivo di aperitivo e visita guidata)

Prenotazione obbligatoria
Info:
0815528739
palazzovenezianapoli@gmail.com

_________________________________________________________

Sabato 1 ottobre, alle ore 20.00, al Duomo di Napoli, per la stagione 2016-2017 del Teatro di San Carlo, concerto del Coro e dell’Orchestra del Teatro di San Carlo

Programma

Gaetano Manna: Cantata per la traslazione del sangue del Glorioso San Gennaro per soli, coro e orchestra

Ingresso libero fino ad esaurimento posti
_________________________________________________________

Sabato 1 ottobre, alle ore 20.30, presso il Museum Shop (largo Corpo di Napoli, 3), per “Musica nel Corpo di Napoli”, concerto di Pina Cipriani dal titolo “Napolinscena”.

In programma canzoni della tradizione napoletana antica e moderna

Costo del biglietto: 10 Euro (comprensivo di degustazione)
_________________________________________________________

Domenica 2 ottobre, alle ore 10.30, con repliche alle ore 11.30 e alle ore 12.30, al Museo Diocesano (Largo Donnaregina), Tableaux vivants dall’opera di Michelangelo Merisi, accompagnati dalle musiche di Mozart, Vivaldi, Bach e Sibelius

Costo del biglietto (cumulativo con la visita al Museo Diocesano)
Intero: 10 Euro
Ridotto gruppi: 8 Euro
Ridotto giovani: 6 Euro (dai 7 ai 18 anni)
Gratis fino a 6 anni

Info e prenotazioni: 081 5571365
_________________________________________________________

Domenica 2 ottobre, alle ore 11.30, presso Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano (via Toledo, 185), per il ciclo “I suoni della storia 1916 Musiche dal naufragio”, Mauthausen 1915–’18, concerto del minimoEnsemble, formato da Daniela del Monaco (contralto) e Antonio Grande (chitarra), con la partecipazione di Enzo Salomone (voce recitante)
Ricerche storiche e progetto a cura di Beniamino Cuomo

Programma

A. Califano – E. Cannio: ‘O surdato ‘nnammurato

O. Spadaro: Ninna nanna delle dodici mamme

S. Gambardella – G. Ottaviano: ‘O marenariello

G. Capurro – E. Di Capua: ‘O sole mio

P. Brumana: Valzer Mauthausen (chitarra)

T. Cottrau: Santa Lucia

E. A. Mario: La serenata del cuoco

V. Bellini (attr.): Fenesta ca lucive

E. A. Mario: Presentimento

Anonimo: E anche al mi marito tocca andare (filastrocca)

E. De Curtis – G. De Curtis: Torna a Surriento

Costo del biglietto: 5 Euro
_________________________________________________________

Domenica 2 ottobre, alle ore 12.30, nella chiesa di S. Maria del Soccorso all’Arenella (piazza Arenella, 4), concerto del soprano Filomena Scala, accompagnato all’organo da Keith Goodman

Programma

G. B. Pergolesi: Salve Regina (rev. Giovanni Borrelli)

Ingresso libero
_________________________________________________________

Domenica 2 ottobre, alle ore 18.00, a Villa Pignatelli, concerto inaugurale della stagione della Fondazione Pietà de’ Turchini dal titolo “Trumpet Stravaganza”, con la partecipazione dell’Ensemble Concerto de’ Cavalieri, diretto da Marcello Di Lisa e di Andrea di Mario (tromba barocca).

In programma musiche di Corelli, Albinoni, Vivaldi, Torelli, Händel

Costo del biglietto: non ancora pervenuto
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Pubblicato in Classica a Napoli | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Si inaugura domenica 2 ottobre a Villa Pignatelli la XIX stagione della Fondazione Pietà de’ Turchini

Logo Fondazione Turchini def.aiAl via la diciannovesima stagione 2016-17 “Danze e… altre stravaganze” della Fondazione Pietà de’ Turchini presieduta da Marco Rossi, ideata dal Comitato Artistico con la direzione di Mariafederica Castaldo.
Accanto a una ricercata ed esclusiva programmazione concertistica, sono in programma incontri di parola, progetti per le scuole, percorsi formativi e divulgativi e altri amatoriali sul canto e la danza barocca.

L’inaugurazione è domenica 2 ottobre 2016 (ore 18, Museo Villa Pignatelli Cortes a Napoli).
In collaborazione con il Polo Museale della Campania, l’ensemble Concerto de’ Cavalieri diretto da Marcello Di Lisa eseguirà “Trumpet Stravaganza”, un programma pensato per lo straordinario virtuoso della tromba barocca, Andrea Di Mario.
Sulle note di Corelli, Albinoni, Vivaldi, Torelli e Händel, il pubblico potrà sperimentare la ricchezza espressiva e l’ispirazione che tale strumento suggerì ai più noti compositori europei del Sei-Settecento.
Dal 6 all’8 ottobre, esperti e studiosi internazionali si riuniranno per il convegno “Il mondo di Gennaro Magri: danza, musica e opera a Napoli nell’Europa dei Lumi”, con conferenze-spettacolo e performance coreutiche aperte al pubblico. L’iniziativa è promossa dall’Università Sorbonne di Parigi in collaborazione con la Pietà de’ Turchini, il Cid di Parigi, la Sun, Memus-Teatro di San Carlo e Palazzo Zevallos di Stigliano, con il patrocinio dell’UNESCO e dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli.
Il 13 ottobre Soqquadro Italiano, innovativo gruppo della scena internazionale, noto per le sue creazioni costruite con linguaggi diversi, debutterà a Napoli con la voce di Vincenzo Capezzuto e la regia di Claudio Borgianni, in uno spettacolo che accosta Monteverdi, Kapsberger, Gino Paoli e Bruno Canfora.
Dal 24 ottobre il ciclo “Le sonate per violino e pianoforte di Mozart”, in collaborazione con il Centro Italiano per la Musica da Camera, proseguirà con Dario Candela, Francesco Manara ed Héloïse Geoghegan.
Il 3 novembre al Teatrino di Corte di Caserta, Carlo Vistoli e Stefano Demicheli condurranno il pubblico alla scoperta delle “Note regali: la musica secondo l’epistolario di Carlo di Borbone”, progetto speciale ideato per le Celebrazioni per il sovrano.
Il 18 novembre alla Galleria Toledo, Andrea De Carlo dirigerà l’oratorio di Alessandro Stradella “Ester liberatrice del popolo ebreo”, con mise en espace di Cesare Scarton, in coproduzione i festival Stradella di Nepi, Pergolesi-Spontini e Grandezze e Meraviglie, e la Società Barattelli.
Al Mann, il 3 dicembre l’ensemble Talenti Vulcanici della Pietà de’ Turchini – per il prossimo triennio con un nuovo organico – diretto da Stefano Demicheli, affiancherà Francesca Aspromonte in un recital su brani sulla Natività, di autori di Scuola Napoletana.
Si rinnova la collaborazione con MiNa Vagante di Piera e Alessandra Cusani, per la seconda edizione de “Il suono della parola”, che da ottobre accoglierà scrittori, musicisti, registi e giornalisti, in incontri e conversazioni per raccontare il proprio personale percorso tra musica e letteratura; con Matthieu Mantanus, Diego De Silva, Ruggero Cappuccio, Luciano Stella, Alessandro Rak e molti altri ospiti.
La programmazione si svolgerà in prestigiosi luoghi di musica e d’arte cittadini, e nelle chiese di Santa Caterina da Siena e di San Rocco a Chiaia, sedi della Fondazione e di percorsi corali per adulti e bambini guidati da Davide Troìa, di incontri con le scuole per il ciclo “Pane&Musica”, nonché di un nuovo percorso dedicato alla chitarra a cura di Clara Campese e di molte altre “stravaganze”.
Il programma della seconda parte della Stagione verrà reso noto da gennaio 2017, e comprenderà tra l’altro il barocco sudamericano con uno degli ensemble più autorevoli del genere, Villancico diretto dal paraguaiano Peter Pontvik, e la ripresa della sezione aperta lo scorso anno sulla “Scuola” compositiva contemporanea napoletana con la supervisione di Gaetano Panariello e l’ensemble La. Vi. Co.

Informazioni su date e programmi dettagliati:
www.turchini.it
info@turchini.it
pagine fb della Fondazione
.

Ufficio Stampa
Paolo Popoli
paolopopoli@gmail.com

_________________________________________________________

Fondazione Pietà de’ Turchini – Stagione 2016/2017 “Danze e… altre Stravaganze”
Appuntamenti da ottobre a dicembre 2016

Domenica 2 ottobre, ore 18.00
Museo Diego Aragona Pignatelli Cortes, Napoli
Trumpet Stravaganza
Ensemble Concerto de’ Cavalieri
Andrea di Mario, tromba
Marcello Di Lisa, clavicembalo e direzione
Musiche di Corelli, Albinoni, Vivaldi, Torelli e Händel
——————————————————————————————————-
Da giovedì 6 a sabato 8 ottobre, Napoli
Memus-Teatro San Carlo, Gallerie d’Italia-Palazzo Zevallos Stigliano, Chiesa di Santa Caterina da Siena
Il mondo di Gennaro Magri: danza, musica e opera a Napoli, nell’Europa dei Lumi
Convegno Internazionale in collaborazione con Paris-Sorbonne, (labex OBVIL, ELCI, REIGENN), il CND (Centro nazionale della danza di Parigi, l’Associazione ACRAS (Francia)
Con il patrocinio morale della Commissione Nazionale italiana dell’UNESCO, il Comune di Napoli, la Fondazione del Teatro San Carlo, l’Institut français Napoli, la Seconda Università di Napoli e l’Associazione AIRDANZA (Italia)

Nell’ambito del convegno
venerdì 7 ottobre, ore 18.30
Chiesa di Santa Caterina da Siena, Napoli
Le Contraddanze di Gennaro Magri
Letizia Dradi e Ornella Di Tondo
——————————————————————————————————-
Giovedì 13 ottobre, ore 20.30
Museo Diego Aragona Pignatelli Cortes, Napoli
Il cielo in una stanza
Kapsberger, Limiti, Strozzi, Soffici, Monteverdi, Ortiz, Paoli, Canfora
Soqquadro Italiano
Vincenzo Capezzuto, voce
Claudio Borgianni, regia
Luciano Orologi, sax
Simone Vallerotonda, tiorba
——————————————————————————————————-
Venerdì 14 ottobre, ore 18.00
Chiesa di Santa Caterina da Siena, Napoli
Il cantiere della voce a cura di Sara Mingardo
Pierfrancesco Borrelli, cembalo e pianoforte
Allievi della masterclass
——————————————————————————————————-
Sabato 15 ottobre, ore 20.30
Chiesa di San Rocco a Chiaia, Napoli
24 mani
Composizioni originali e arrangiamenti di temi famosi dell’opera lirica italiana e della tradizione napoletana
In collaborazione con Pianocity
Al pianoforte: Giuseppe Aprea, Giuseppe Leone, Emily Previte, Lorenzo Corrado, Giosuè Salzillo, Rosario Ariosto, Francesco Capozzi, Sossio Noviello, Gianluca Pacilio, Antonella Giovanelli, Luca Scognamiglio, Fabio Maggio
——————————————————————————————————-
Lunedì 24 ottobre, ore 20.30
Museo Diego Aragona Pignatelli Cortes, Napoli
Per il ciclo “Le sonate per violino e pianoforte di Mozart”
In collaborazione con il Centro Italiano per la Musica da Camera
Introduce Sandro Cappelletto
Francesco Manara, violino
Dario Candela, pianoforte
——————————————————————————————————-
Giovedì 3 novembre, ore 19.00
Teatro di Corte della Reggia, Caserta
Note regali: la musica secondo l’epistolario di Carlo di Borbone
Carlo Vistoli, controtenore
Stefano Demicheli, clavicembalo
Progetto speciale nell’ambito del Convegno Internazionale per le celebrazioni del terzo centenario della nascita di Carlo di Borbone
——————————————————————————————————-
Venerdì 18 novembre, ore 20.30
Galleria Toledo, Napoli
Ester liberatrice del popolo ebreo
Oratorio di A. Stradella. Libretto di Lelio Orsini
Ensemble Mare Nostrum
Andrea De Carlo, direttore
Cesare Scarton, mise en espace
Costumi dell’Accademia di Belle Arti di Roma curati da Isabella Chiappara
In collaborazione con Galleria Toledo, Festival Stradella di Nepi, Società Barattelli dell’Aquila, Festival Grandezze e Meraviglie di Modena, Festival Pergolesi Spontini di Jesi
——————————————————————————————————-
Sabato 3 dicembre, ore 20.30
Chiesa di Santa Caterina da Siena, Napoli
Napoli Barocca per la Natività
Musiche di Sabatino, Provenzale, Alfonso Maria de’ Liguori, Mancini
Francesca Aspromonte, soprano
Talenti Vulcanici
Stefano Demicheli, direttore
——————————————————————————————————-
Lunedì 12 dicembre, ore 11.00
Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, Napoli
Per il ciclo “Le sonate per violino e pianoforte di Mozart”
In collaborazione con il Centro Italiano per la Musica da Camera
Introduce Riccardo Scognamiglio
Héloïse Geoghegan, violino
Dario Candela, pianoforte
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Pubblicato in Dal mondo della musica | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento