Venerdì 29 aprile la III edizione di Dissonanzen al Riot Studio propone “Recordari” con il duo formato da Tommaso Rossi e Ciro Longobardi

Logo DissonanzenVenerdì 29 aprile, alle ore 21.00, al Riot Studio (via San Biagio dei Librai, 39 – Napoli), con il concerto “Recordari” nuovo appuntamento della III edizione di Dissonanzen al Riot Studio.
Sul palco Tommaso Rossi e Ciro Longobardi per una performance incentrata sul fecondo rapporto tra musica antica e musica contemporanea.
In programma ben tre prime assolute, Il vento nelle grondaie di Carlo Boccadoro, per flauto dolce tenore, dedicato a Tommaso Rossi, dall’andamento quasi improvvisato, da antica ballata cinquecentesca, Bravade per flauto solo e Amarilli mia bella per flauto e pianoforte di Alessandra Bellino.
I brani della Bellino sono ispirati a due composizioni di Jacob Van Eyck, organista e flautista olandese della metà del ‘600, e rappresentano una sorta di rielaborazione onirica, all’insegna del divertissement nel caso di Bravade, e di appassionato riecheggiare nel caso di Amarilli.
Recordari come “ricordo”, ovvero memoria, ma anche come “recorder”, la parola inglese con cui si designa il flauto dolce, protagonista di questo progetto che diventerà a breve un disco pubblicato per l’etichetta Stradivarius, che prevede anche la commissione di nuove musiche per questo strumento.
Il programma è aperto da Krishna e Rada di Scelsi e dalla Sonata in si minore BWV 1030 di Bach.
Qui il gioco è tra lo stile improvvisativo di Scelsi e il controllo della forma di Bach, polarità che sembrano escludersi ma che alla fine raccontano il comune sentire di un’appassionata ricerca.
Chiudono il programma i due pezzi “neo-classici” di Debussy (Hommage à Rameau) e di Poulenc (Sonata per flauto e pianoforte), dove la sperimentazione dei due compositori si rivolge alle forme della tradizione “barocca”.
Qui la tradizione è vista come punto di riferimento per sfuggire alle contraddizioni del presente, ma anche come nostalgico e utopico mondo perduto.

Ingresso con tesseramento (10 Euro)

Info:
www.dissonanzen.it
www.riotstudio.it

Ufficio stampa:
Giusi Zippo
mob. 3396276954
e-mail: giusizippo@alice.it

_________________________________________________________

Venerdì 29 aprile, Riot Studio (Via S. Biagio dei Librai, 39 – Napoli)
Recordari

Tommaso Rossi, flauto dolce e flauto traverso
Ciro Longobardi, pianoforte

Programma

Giacinto Scelsi (1905-1988): Krishna e Rada

Johann Sebastian Bach (1685-1750): Sonata in si minore BWV 1030

Alessandra Bellino: Amarilli mia bella variazione-invenzione per flauto in DO e pianoforte sul tema omonimo di G. Caccini dal “Der Fluyten Lust-hof” di Jacob van Eyck (2014, prima esecuzione assoluta)

Jacob Van Eyck: Amarilli mia bella

Carlo Boccadoro: Il vento nelle grondaie (2016, prima esecuzione assoluta)

Claude Debussy (1862-1918): Hommage à Rameau

Jacob Van Eyck (1590-1657): Bravade

Alessandra Bellino: Bravade variazione-invenzione per flauto in do amplificato e riverberato sull’omonimo tema dal “Der Fluyten Lust-hof” di Jacob van Eyck (2016, prima esecuzione assoluta)

Francis Poulenc (1899-1963): Sonata per flauto e pianoforte

Una serata d’eccezione per un viaggio musicale che spazia tra passato e presente, con l’esecuzione di partiture inedite come quelle di Carlo Boccadoro, compositore marchigiano d’adozione milanese e Alessandra Bellino, compositrice napoletana, che si ispirano alla tradizione musicale del ‘500 e del ‘600 europei.
Il pezzo di Boccadoro Il vento nelle grondaie si ispira alla forma dell’antica ballata Cinquecentesca e rimanda ad immagini malinconiche.
Il titolo è tratto dal racconto autobiografico della scrittrice tedesca Herta Muller, che in un’intervista narrava di alcuni suoni che le erano rimassi impressi nella memoria dell’infanzia, tra cui, appunto, quello del vento che soffiava nelle grondaie.
Le composizioni della Bellino rimaneggiano le partiture di Van Eyck, esponente di spicco della musica fiamminga, partiture ricche di elaboratissime variazioni dedicate al flauto dolce.
Un programma composito a cui si vanno ad aggiungere Scelsi e Bach, in un gioco di contrapposizione stilistica, Debussy e Poulenc, che reinterpretano la tradizione barocca.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Questa voce è stata pubblicata in Prima del concerto e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...