A “Diciassette & Trenta Classica” un piacevole pomeriggio rivolto alla musica lirica

20140423 - TEATRO | NAPOLI - XIX Stagione Concertistica - La Musica es Vida - PHOTO/©FELICE DE MARTINO

20140423 – TEATRO | NAPOLI – XIX Stagione Concertistica – La Musica es Vida – PHOTO/©FELICE DE MARTINO

Il penultimo appuntamento di “Diciassette & Trenta Classica”, rassegna affidata alla direzione artistica di Antonello Cannavale ed Alberto Maria Ruta, ha rivolto la sua attenzione al repertorio operistico.
Protagonisti il maestro Rolando Nicolosi, che ha accompagnato al pianoforte due soprani, la ceca Leona Pelešková e l’argentina Haidée Dabusti, in un excursus attraverso brani tratti principalmente dal repertorio operistico italiano.
Dopo l’ apertura dedicata a un’Ave Maria composta dal maestro Nicolosi e cantata dalle due artiste nelle loro lingue d’origine, è stata poi la volta dell’aria “Pleurez! Pleurez mes yeux!”, da “Le Cid” del francese Jules Massenet, eseguita dalla Pelešková, alla quale ha fatto seguito “Vissi d’arte” dalla “Tosca” di Giacomo Puccini e “Io son l’umile ancella” da “Adriana Lecouvrer” di Francesco Cilea, entrambe interpretate dalla Dabusti.
Toccava quindi a “Casta Diva” da “Norma” di Vincenzo Bellini, affidata al soprano ceco, mentre l’artista argentina si è confrontata con “Addio, del passato bei sogni ridenti” da “Traviata” di Giuseppe Verdi.
La prima parte si è chiusa con una versione a due voci di El día que me quieras, celebre canzone di Carlos Gardel, che si avvalse del testo del brasiliano Alfredo Le Pera.
Dopo un breve intervallo, il concerto è ripartito con Leona Pelešková che ha cantato La música es vida, pezzo del maestro Nicolosi che ha dato il nome all’intero recital.
Da questo punto in poi le due artiste si sono alternate, con la Dabusti che ha interpretato “Pace, pace mio Dio” da “La forza del destino” di Giuseppe Verdi e “La mamma morta” da “Andrea Chénier” di Umberto Giordano, mentre il soprano ceco ha cantato “Ebben, ne andrò lontana” da “La Wally” di Alfredo Catalani e Měsíčku na nebi hlubokém (Canzone alla luna) da Rusalka di Antonín Dvořák.
Una Parafrasi dalla Turandot di Rolando Nicolosi, eseguita dall’autore al pianoforte, ha preceduto il gran finale consistente nel “Duetto dei fiori”, da “Lakmé” di Léo Delibes, aria famosissima in quanto utilizzata come colonna sonora di diversi film e di alcune pubblicità.
Venendo ai protagonisti, Rolando Nicolosi, dall’alto della sua esperienza, si è confermato un grande pianista, sia come solista, sia in qualità di accompagnatore.
Molto brave le due cantanti, anche se va sottolineato come il Teatro Diana, sede del concerto, ha contribuito a penalizzare soprattutto i brani ricchi di sfumature, in quanto le voci giungevano abbastanza attutite.
Ciò era riscontrabile maggiormente nella prima parte, in quanto nella seconda le due artiste sono riuscite a prendere le necessarie contromisure.
Ad ogni modo eravamo di fronte a due interpreti validissime, che hanno dato lustro ad un programma dove brani, autori e opere celebri erano abbinati a pezzi, musicisti e opere poco frequentate.
Proprio per questo motivo, risultava estremamente prezioso l’apporto della musicologa Orchidea Salvati che, per ogni brano, ha fornito una serie di notizie molto utili a vantaggio dell’erudizione del numerosissimo e un po’ irrequieto pubblico presente.
In conclusione una serata piacevole, all’insegna della buona musica lirica, che ha confermato la validità di una rassegna come “Diciassette & Trenta Classica”, meritevole sicuramente di maggiori attenzioni da parte degli addetti ai lavori.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Questa voce è stata pubblicata in Recensioni concerti e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.