Giovedì 4 luglio “Miti di Musica” si chiude con la sonorizzazione del film muto di Elvira Notari “Fantasia ‘e Surdate”

Elvira Notari

Giovedì 4 luglio 2019, alle ore 20.15, quinto ed ultimo appuntamento del ciclo “Miti di Musica”, collaborazione fra il Museo Archeologico Nazionale di Napoli e l’Associazione Alessandro Scarlatti, con la sonorizzazione di Fantasia ‘e Surdate di Elvira Notari, capolavoro del cinema muto; sul palco il duo formato da Antonella Monetti alla voce e fisarmonica e Michele Signore alla chitarra e mandolino.
La proiezione, in collaborazione con la Cineteca Nazionale di Roma avverrà all’aperto nel Cortile della Vanella e sarà presentato dalle esperte Anna Masecchia e Simona Frasca.

Negli anni ’20 l’unica produzione italiana a non subire la crisi e conoscere la sua massima espansione fu proprio la Dora Film di Elvira Notari, donna produttrice e regista.
Per lei lavoravano il marito, alla fotografia, e il figlio, Eduardo, come uno degli interpreti, mentre gli altri attori venivano preparati in una Scuola di recitazione da lei fondata.
Una vera factory.
I suoi film partivano, sulle navi per l’America, con il “cantante appresso”.
Fantasia ‘e surdate è forse il film che contiene il maggior numero di elementi ricorrenti nel cinema della Notari: l’amore, la gelosia, il tradimento, la famiglia distrutta, la mala femmina e l’onore conquistato in battaglia.
Caratteristica principale dei film della Notari era quella di ispirarsi a una canzone tradizionale, in modo tale da rendere esportabile il prodotto, specie negli Stati Uniti. In questo caso le vicende sono tratte dal monologo in romanesco “Er fattaccio” di Amerigo Giuliani (di qui l’ambientazione romana) e dalla canzone napoletana Fantasia ‘e surdate di Beniamino V. Canetti e Nicola Valente, che dà il nome al film.

Antonella Monetti e Michele Signore si accostano alle immagini con un duo da concertino, da posteggia, reinventando l’ambiente musicale delle piccole sale cinematografiche, quelle dove si facevano proiezioni una dopo l’altra, intervallate da spettacoli d’arte varia.
In quelle sale popolari forse proprio con fisarmonica, mandolino, violino, con una bella voce si accompagnava l’emozione dell’arte filmica, collegando tra loro sentimenti, pensieri, azioni sceniche per tenere il pubblico col fiato sospeso fino alla fine..
Michele Signore si occupa di comporre e arrangiare i brani mentre Antonella Monetti cura le ricerche musicali e i testi.
Assieme, eseguono dal vivo il commento musicale del film condividendo col pubblico un rapimento temporale.

La partecipazione ai concerti è inclusa nel ticket ridotto serale (2 euro), acquistabile al MANN, a partire dalle 20 di ogni giovedì sera.

Con il medesimo biglietto, sarà possibile visitare, sino alle 23, collezioni permanenti ed esposizioni temporanee (“Corto Maltese. Un viaggio straordinario”; “L’arte sa nuotare” dello street artist Blub).
____________________________________________________________

Giovedì 4 luglio 2019, ore 20.15 – Cortile della Vanella del Museo Archeologico Nazionale

Miti di celluloide- Elvira Notari
Fantasia ‘e Surdate (1927, Elvira Notari)
Sonorizzazione a cura di
Passo 15 Duo
Antonella Monetti , voce e fisarmonica
Michele Signore, chitarra e mandolino

Presentazione a cura di Anna Masecchia e Simona Frasca

Antonella Monetti
Allieva della Bottega teatrale di Firenze diretta da Gassmann, attrice, cantante, regista.
Nel 2013 ha dato vita al personaggio di “Dolores Melodia Posteggiatrice Chic”, fisarmonicista e chansonnier, struggente interprete del repertorio Vivianesco e della canzone napoletana a 360 gradi.
Nel dicembre 2018 porta in scena con Teatri d’Imbarco un primo studio su “Dolly, Fefe’ e Madame Fougez “Drammaturgia di Antonella Monetti, regia di Beatrice Visibelli.
Nel giugno 2018 ha curato, assieme al musicista Michele Signore, la colonna sonora di “Un amore selvaggio” (1912 anonimo) con Raffaele e Luisella Viviani per Cinema Ritrovato di Bologna, replicato ancora in dicembre al FilmMuseum di Vienna.
Nel 2017 sempre col violinista Michele Signore, cura la colona sonora dal vivo di due film muti: “Napoli canta” di Roberto Roberti e “Fantasia ‘e surdate” di Elvira Notari rappresentati nella rassegna Transito/Elvira Notari al Festival a Francoforte.
Nella stagione 2017 ha ideato e diretto con Ciro Riccardi, lo spettacolo musicale Devoti a Viviani Repertorio per Piccola Banda Urbana, per il festival Cantieri Viviani, ha condiviso la direzione musicale di Arrevuoto con Maurizio Capone, Nel cast di D.A.d.P. A di Luciano Melchionna, nel dicembre 2016 ha presentato il suo primo lavoro discografico: Fino all’urdemo Suspiro, edito da Napoli Monitor.

Michele Signore
Violinista, mandolinista e mandoloncellista, produttore e compositore di musica.
Ha studiato violino al Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli.
Dopo una lunga esperienza in formazioni classiche cameristiche e sinfoniche nel 1980 collabora con una serie di lavori musicali e teatrali con : Nino Taranto, Patroni Griffi, Leopoldo Mastelloni, Peppe Barra, Lina Sastri ed altri, successivamente si unisce come violinista e compositore al gruppo Nuova Compagnia di Canto Popolare (attività che svolge ormai da circa 35 anni).
Da allora la sua esperienza è stata un susseguirsi di eventi internazionali registrando dischi ed effettuando concerti e collaborazioni in tutto il mondo con numerosi artisti fra cui: Roberto Murolo, Naná Vasconcellos, Pino Daniele, Enzo Avitabile, Enzo Gragnaniello, Eugenio Bennato, Almamegretta, Daniele Sepe, Bill Laswell.
Nel 2013 ha collaborato come produttore nel lavoro discografico di Alessio Arena “Bestiario Familiare” dove l’artista al festival Musicultura vince i primi premi sia per la migliore composizione che per la migliore produzione Discografica della kermesse.
Di recente ha curato la composizione di colonne sonore dedicate alla proiezione di film muti del primo periodo del 1900 fra cui Fantasia ‘e Surdate presentato al Festival di Francoforte e al Museo del Cinema di Vienna con la Presidenza di Martin Scorsese, L’Italia s’è desta di Elvira Notari Un Amore Selvaggio (di recente restaurato dalla Cineteca di Bologna e proiettato in prima nella stessa Cineteca per Il Festival del Cinema Muto di Bologna 2018 in collaborazione con la Cineteca di Amsterdam), Scarpetta e l’americana 1908 con Vincenzo Scarpetta.

Questa voce è stata pubblicata in Cinema e Musica e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.