La prima parte del “Maggio della Musica” si chiude con il trascinante concerto della Tribunal Mist Jazz Band

Tribunal Mist Jazz BandL’ultimo concerto, prima della pausa estiva, della rassegna “Maggio della Musica”, affidata alla direzione artistica del maestro Michele Campanella, ha ospitato la Tribunal Mist Jazz Band, costituita in buona parte da avvocati con la passione della musica, fondata nel 1991 dall’avvocato Paolo Pannella e diretta dal maestro Antonio Solimene.
Sul palco dell’Auditorium di Castel S. Elmo, la compagine ha dato vita ad un trascinante concerto dal titolo “America-Napoli…e… ritorno”, incentrato su pezzi molto noti, tratti dal repertorio jazz, dalla canzone napoletana e dalla musica leggera italiana.
Apertura con Take the “A” train, scritto da Billy Strayhorn e portato al successo da Duke Ellington, seguito da Green Dolphin Street, che il polacco Bronislaw Kaper compose, avvalendosi del testo di Ned Washington, per la colonna sonora dell’omonimo film di Victor Saville, basato su una novella di Elisabeth Goudge.
E’ stata poi la volta di Tu vuò fa l’ americano (Nisa-Carosone), trait d’union fra Usa e Napoli, con la quale si è aperta l’ampia pagina rivolta alla musica napoletana d’autore, rappresentata da alcuni capolavori quali Silenzio cantatore (Bovio-Lama), Funiculì Funiculà (Turco-Denza), ‘O sarracino (Nisa-Carosone), Tammurriata Nera (Nicolardi-E. A. Mario), l’antica Palummella ed infine Palomma ‘e notte (Di Giacomo-Bongiovanni).
Dopo una breve incursione nella canzone d’autore italiana con Arrivederci (Calabrese-Bindi) e Vecchio frac di Modugno, gran finale tutto dedicato a standard jazz, partendo da The Lady is a tramp (Rodgers-Hart), passando per It don’t mean a thing (Ellington-Mills) e l’afro-cubano Manteca (Gillespie-Pozo-Fuller), fino a Blue Rondo à la Turk, omaggio al genio di Dave Brubeck, pianista e compositore scomparso lo scorso anno.
Un programma quanto mai ricco di musica bella e piena di brio, proposta negli arrangiamenti curati dal maestro Solimene, cha hanno messo in evidenza un formidabile ed affiatatissimo gruppo musicale, costituito da 4 trombettisti, 4 trombonisti, 5 sassofonisti, un clarinettista, un pianista, un contrabbassista, un chitarrista, un batterista e, dulcis in fundo, l’avvocato Pannella come vibrafonista.
Solitamente l’organico si completa con un cantante, ma per l’occasione ne sono stati chiamati ben tre, il versatile Carlo Lomanto, che ha interpretato sia brani napoletani, sia pezzi jazz, mostrando una naturale propensione per questi ultimi, Clara Arcucci, di estrazione jazz, alle prese con alcuni classici napoletani, e Roberta Nasti, dotata di una splendida voce, giovanissimo talento con una carriera già prestigiosa nell’ambito della musica leggera di qualità, accostatasi da qualche anno anche al genere jazz.
Pubblico forse meno numeroso di quanto ci si attendesse, ma i presenti sono riusciti comunque a scaldare abbastanza l’atmosfera (anche se non c’è stato nessun bis), dandosi appuntamento al prossimo concerto, previsto per il 6 ottobre, quando il “Maggio della Musica” ospiterà il Trio di San Pietroburgo, per uno degli eventi più attesi dell’intera stagione.

Questa voce è stata pubblicata in Recensioni concerti e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.