Dal 16 al 18 giugno le prove finali al Conservatorio di San Pietro a Majella della dodicesima edizione del Premio Sigismund Thalberg, dedicato a Poalo Isotta

La dodicesima edizione del Premio Pianistico Internazionale Sigismund Thalberg sarà dedicata al critico musicale, musicologo e scrittore italiano Paolo Isotta scomparso a febbraio scorso.
Ci è sembrato naturale rendergli omaggio in questa edizioneha dichiarato il Maestro Francesco Nicolosi, direttore artistico della manifestazioneIsotta seguiva con attenzione, sempre, in prima fila, il nostro Premio che considerava, come spesso ha scritto, un trampolino di lancio importante per tanti giovani artisti. Paolo Isotta con le sue critiche ha segnato il percorso artistico di tanti musicisti, la sua memoria va tenuta viva e questo sarà il nostro impegno”.
Nato ventitré anni fa il premio, che viene assegnato ogni due anni, ha avuto il merito di lanciare giovani pianisti di assoluto valore che non a caso dopo aver trionfato al Premio Thalberg hanno vinto altri Premi importanti e avuto una carriera di altissimo livello.
Primo fra tutti Michail Liftis, terzo premio Thalberg nel 2004 e Primo Premio Busoni nel 2009 e Sofia Guljak, Premio Thalberg nel 2006 e Primo Premio al Leeds International Piano Competition sempre nel 2009 e ancora Giovanni Bertolazzi vincitore del Thalberg nel 2018, ormai pianista affermato in tutto il mondo.

La giuria di quest’anno è composta oltre che dal direttore artistico Francesco Nicolosi, da Violetta Egorova, personalità artistica fra le più apprezzate della grande scuola pianistica russa, Marian Mika, famoso pianista polacco, Ilia Kim, pianista coreana considerata nel mondo per anni un enfant prodige avendo cominciato ad esibirsi a soli 4 anni e, infine, Julia Dahlkvist Mustonen, docente e pianista dell’Università di Karlstad in Svezia.

La manifestazione si terrà dal 16 al 18 giugno nella Sala Scarlatti del Conservatorio San Pietro a Majella.

In tutto si sono iscritti al premio 46 giovani.

Quindici i finalisti: Arturo Abellan Sanchez (Spagna), Viktoria Baskakova (Russia), Ivana Damjanov Ilic (Serbia), Quirino Farabella (Italia), Jacopo Feresin (Italia), Leo Kim Dongkyu (Corea del Sud), Chu Kyung Wha (Corea del Sud), Alessandro Mennini (Italia), Leonardo Merlini (Italia), Yuki Mihara (Giappone), Maria Moskovich (Russia), Alberto Occhipinti (Italia), Gabriele Rosario Rapisarda (Italia), Umberto Ruboni (Italia), Yim Jungyeon (Stati Uniti).
Le preselezioni si sono tenute online.

Le fasi finali saranno chiaramente in presenza con serata finale e premiazione il 18 giugno alle ore 18.30.

Al primo classificato andrà un premio di tremila euro, al secondo di duemila, al terzo mille euro.

Inoltre saranno dati il Premio Vincenzo e Francesca Principi di Strongoli alla migliore esecuzione del brano di Thalberg (mille euro), il Premio Vincenzo Vitale al più giovane artista finalista (mille euro), il Premio Ninetta e Valerio Mangoni alla migliore finalista donna (mille euro), il Premio Italo de Feo al miglior finalista italiano (mille euro).

Ancora una voltaha dichiarato infine il maestro Francesco Nicolosiringrazio la famiglia Ferrara Pignatelli di Strongoli che con il suo contributo rende possibile da ventitré anni la realizzazione di questo straordinario evento internazionale”.

Ufficio Stampa
Raffaella Tramontano
Email: raffaella.tramontano@gmail.com
Mob. +39 3928860966

Questa voce è stata pubblicata in Dal mondo della musica e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.