La Stagione Lirica di Padova 2012 apre venerdì 19 ottobre con La Traviata di Verdi in una produzione del Teatro di Maribor firmata dal regista argentino Hugo de Ana

In tempo di crisi anche in campo culturale “l’unione fa la forza”.
Teatri ed Istituzioni corrono ai ripari e si associano scambiandosi produzioni artistiche di altissimo livello.
Questo accade anche a Padova, dove il Comune si è impegnato nella quinta edizione del progetto Li.Ve. in collaborazione con la Regione del Veneto e le amministrazioni comunali di Bassano del Grappa e Rovigo.
Accanto a questa ormai consolidata coproduzione artistica si affianca una nuova collaborazione con il Teatro di Maribor.
Maribor, capitale europea della cultura, ha scelto Padova come città-partner per dare il via ad un sodalizio artistico che porterà quest’anno nella città del Santo una straordinaria mise en scene de “La Traviata” con la regia di Hugo de Ana.
La Stagione Lirica di Padova promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova e realizzata con il sostegno della Regione Veneto e della Fondazione Antonveneta, vede in cartellone due opere tratte dal grande repertorio operistico, La Traviata e Nabucco, che anticipano le celebrazioni per i duecento anni dalla nascita di Giuseppe Verdi.
La Traviata, opera romantica per eccellenza, inaugura la Stagione Lirica di Padova 2012, al Teatro Verdi, venerdì 19 e sabato 20 ottobre alle ore 20.45 e domenica 21 ottobre alle ore 16.
Il libretto scritto per Verdi da Francesco Maria Piave tratto dal celebre romanzo La Dame aux camélias di Alexandre Dumas, scritto nel 1848, sarà proposto in una regia di Hugo De Ana, acclamato in tutti i più grandi teatri del mondo.
Protagonista di questa coproduzione tra il Comune di Padova e Teatro Nazionale di Maribor (Slovenia), un cast di altissimo livello e di fama internazionale.
Nel ruolo della protagonista, Violetta Valery, il soprano francese Nathalie Manfrino, eletta “rivelazione dell’anno tra gli artisti lirici” alle “Vittorie della Musica Classica 2006”.
Nel ruolo di Alfredo, il tenore nuorese Piero Pretti, il baritono veneto Elia Fabbian, vestirà i panni di Giorgio Germont.
Grande attesa per l’italo americano Steven Mercurio, una bacchetta d’eccezione sul podio alla guida dell’Orchestra, Coro e Ballo del Teatro Nazionale di Maribor.

Steven Mercurio è oggi uno dei più acclamati direttori d’orchestra e compositori, la cui versatilità musicale abbraccia il mondo operistico e sinfonico.
Per cinque anni Direttore Musicale del Festival di Spoleto e Direttore stabile della Opera Company di Filadelfia, Mercurio ha collaborato a molti progetti discografici, arrangiamenti e film.
In teatro ha diretto più di quarantacinque opere in sei lingue diverse, ed è apparso sul podio di prestigiosi teatri tra cui l’Opera di Roma, il Bellini di Catania, il Verdi di Trieste, la Monnaie di Bruxelles, l’Opera di Bonn, il Massimo di Palermo, la English National Opera, San Francisco, Washington, Filadelfia, Seattle, Detroit, Opera Pacific, Florida Grand, Pittsburgh, Dallas e Cincinnati.

Completano il cast il tenore Orfeo Zanetti nel ruolo di Gastone, Visconte de Letorières, Irena Petkova sarà Flora Bervoix, Jaki Jurgec il Barone Douphol, Gabriele Nani il Marchese d’Obigny, Valentin Pivovarov il Dottor Grenvil, Michela Bregantin sarà Annina, Andrea Capovilla Giuseppe, servo di Violetta, e Antonio Bortolami il Commissionario.
Sul podio dell’ Orchestra, Coro e Ballo del Teatro Nazionale di Maribor il già citato Steven Mercurio.
La coreografia sarà curata da Leda Lojodice.
Maestro del coro sarà la giovane direttrice ungherese Zsuzsa Budavari-Novak.

Rappresentata per la prima volta a Venezia, al Teatro La Fenice, il 6 marzo 1853, La Traviata, dramma lirico in tre atti, racconta la storia d’amore fra un giovane di onorata famiglia ed una cortigiana di dubbi costumi.
I pregiudizi sociali divideranno i due amanti, riuniti dalla verità e dall’amore solo pochi istanti prima che la protagonista, Violetta Valery, muoia di tisi.
Due sono i cardini del dramma: amore e morte e intorno a questi s’aggira l’ispirazione del musicista che forse non salì mai tanto alta nell’espressione del dolore.
La morte è già negli estenuanti accordi con cui si apre il preludio dell’opera, con cui Verdi riesce a rendere una rapida sintesi del dramma.

Secondo titolo in cartellone, domenica 23 dicembre, alle ore 20.45 e giovedì 27 dicembre, alle ore 16.00, Nabucco di Giuseppe Verdi, opera tra le più conosciute del grande maestro di Busseto, con la regia, scene e costumi del regista Stefano Poda.
Antonio Pirolli dirigerà Orchestra e coro della Fondazione Teatro G. Verdi di Trieste.
Maestro del coro sarà Paolo Vero.

Info:
Biglietteria Teatro Verdi
Via Livello, 32 – 35139 Padova (PD)
Orari:
lunedì: 15.00-18.30, da martedì al venerdì: 10.00-13.00 e 15.00-18.30
sabato mattina: 10.00-13.00
Telefono: 049 87770213 / 8777011.

Comune di Padova-Settore Attività Culturali-Servizio Manifestazioni e Spettacolo
Tel: 049 8205611 – 5623 – 3883085379
www.padovanet.it
padovacultura
cultura@comune.padova.it

Ufficio Stampa
Studio Pierrepi di Alessandra Canella
Cell: (+39) 345-7154654
www.studiopierrepi.it
canella@studiopierrepi.it

________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Questa voce è stata pubblicata in Dal mondo della musica e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.