Giovedì 30 il “Settembre dell’Accademia” ospita l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia

L’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia ha una presenza stabile al Settembre dell’Accademia, tanto che nell’ultimo decennio vanta il primato di essere l’orchestra più presente al Festival.
E’ salita sul palco del Teatro Filarmonico di Verona per la prima volta nel 2002, ed è tornata poi nel 2009, 2012, 2013, 2015, 2016, 2018 e giovedì sera alle 20 al Teatro Filarmonico sarà in scena per l’ottava volta.
Quella che è considerata la migliore orchestra sinfonica italiana, oggi grazie al talento e al carisma del suo direttore stabile Antonio Pappano si confronta con le maggiori realtà sinfoniche europee alla pari.
Lo dimostrano le tournée in terra austriaca e tedesca e di vari paesi del nord che annualmente l’orchestra romana compie.
A Verona S. Cecilia si presenta con due giovani interpreti di sicuro interesse: il direttore inglese Alpesh Chauhan e il violoncellista spagnolo Pablo Ferrández.
Il programma è in due blocchi comunicanti: il Concerto per violoncello di Dvořák e la Sinfonia n. 4 di Brahms.
Siamo nel pieno fiorire della seconda stagione della sinfonia sulle premesse di un romanticismo acceso ma sorvegliato da forme classiche, di cui Brahms era il più grande architetto.
Dvořák ammirava il maestro, coltivò la sua amicizia ed ebbe la sua protezione, lo omaggiò in quello che è forse il più bel Concerto per violoncello dell’Ottocento, denso di melodie indimenticabili dello strumento solista e di maestosi slanci orchestrali.
L’omaggio si coglie nelle prime note del violoncello: un tema appena variato ma riconoscibile dell’Andante moderato della Sinfonia n. 4.

Cesare Venturi
Uff. Stampa Accademia Filarmonica di Verona
335 6084559

Alpesh Chahuan

Alpesh Chauhan è il Direttore Musicale della Birmingham Opera Company dal luglio 2020.
La sua collaborazione con l’Opera di Birmingham per la produzione di Lady Macbeth del Distretto di Mcensk di Šostakovič nel 2019 è stata acclamata dal Times come «magnificamente intensa e a tratti eccezionale nell’interpretazione della partitura diretta da un superbo Alpesh Chauhan», ricevendo anche il prestigioso premio della Royal Philharmonic Society.
Come direttore principale dell’orchestra La Toscanini di Parma, Chauhan ha diretto i capisaldi del repertorio romantico e moderno ed ha registrato il ciclo completo delle sinfonie di Brahms.
Tra gli impegni più prestigiosi della sua carriera ci sono concerti con la London Symphony Orchestra al Barbican Centre, con la BBC Philharmonic ai BBC Proms, con la Philharmonia e la Royal Philharmonic a Londra, con la City of Birmingham Symphony Orchestra, con La Verdi a Milano, con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai di Torino e la produzione operistica di Turandot al Palau de les Arts Reina Sofía di Valencia e al Teatro Lirico di Cagliari.
Nella stagione 2020-21 Alpesh fa il suo debutto a Berlino dirigendo la Deutsches Symphonie Orchester e a Roma con l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia.
Alpesh Chauhan collabora con importanti solisti quali Nicola Benedetti, Mario Brunello, Pablo Ferrández, Boris Giltburg, Ilya Gringolts, Benjamin Grosvenor, Stephen Hough, Leila Josefowicz, Pavel Kolesnikov, Johannes Moser, Arcadi Volodos.
Diversi suoi concerti sono stati trasmessi da radio e televisione nel Regno Unito, Belgio, Paesi Bassi e Italia, dove la sua Quinta sinfonia di Šostakóvič con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI è andata in onda su RAI5.
Nato a Birmingham, ha frequentato il Royal Northern College of Music studiando violoncello con Eduardo Vassallo, per poi proseguire con il prestigioso Master in Direzione sotto la guida di Clark Rundell e Mark Heron. Alpesh ha studiato con Stanislaw Skrowaczewski, ha partecipato alle masterclass di Juanjo Mena, Vasily Petrenko e Jac van Steen ed è stato sostenuto nel suo percorso artistico da mentori quali Andris Nelsons e Edward Gardner.

Pablo Ferrández

Vincitore al XV Concorso Internazionale Čajkovskij e artista esclusivo di Sony Classical, Pablo Ferrández si presenta come musicista di grande livello. Interprete accattivante, «Ferrández ha tutto: tecnica, coraggio, spirito, autorità come solista, espressività e fascino» (El Pais).
Gli appuntamenti recenti più importanti includono il debutto all’Hollywood Bowl con la Los Angeles Philharmonic e Gustavo Dudamel, con la Bayersichen Rundfunk Symphony Orchestra e Daniele Gatti, con la Bamberg Symphony e Christoph Eschenbach, il Doppio concerto di Brahms e il Triplo di Beethoven con Anne-Sophie Mutter e esibizioni, tra le altre, con la London Philharmonic, la Israel Philharmonic, la Rotterdam Philharmonic e l’Orchestre National de France.
La stagione 2020-21 ha portato Ferrández al debutto con Filarmonica della Scala diretta da Riccardo Chailly, Mahler Chamber Orchestra, Salzburg Mozarteum Orchestra, Philharmonia Orchestra, BBC Scottish Symphony, RTE National Symphony Orchestra, Festival Strings Luzern, Orchestra della Svizzera Italiana, Moscow State Symphony Orchestra; nella stessa stagione Ferrández ritornerà a esibirsi con la Dusseldorf Symphony all’Elbphilharmonie, l’Orchestra Sinfonica Nationale RAI e la Basque National Orchestra. Sarà anche Artist-in-residence presso l’Orchestra Sinfonica di Tenerife.
Collabora spesso con artisti quali Vadim Repin, Martha Argerich, Gidon Kremer, Yuja Wang, Nikolay Lugansky, Khatia Buniatishvili, Beatrice Rana, Denis Kozhukhin, Maxim Rysanov, Ray Chen, Alice Sara Ott, Elena Bashkirova, Luis del Valle e Sara Ferrández.
Nato a Madrid nel 1991, in una famiglia di musicisti, Pablo Ferrández è entrato a far parte della prestigiosa Escuela Superior de Música Reina Sofía quando aveva 13 anni per studiare con Natalia Shakhovskaya. Successivamente ha completato i suoi studi presso l’Accademia di Kronberg con Frans Helmerson e alla Anne-Sophie Mutter Foundation.
Pablo Ferrández suona il violoncello Stradivari “Lord Aylesford” (1696) grazie alla Nippon Music Foundation.

Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia

L’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia è stata la prima orchestra in Italia a dedicarsi esclusivamente al repertorio sinfonico, promuovendo prime esecuzioni di capolavori del Novecento.
Dal 1908 a oggi ha collaborato con i maggiori musicisti del secolo; è stata diretta, tra gli altri, da Mahler, Debussy, Strauss, Stravinskij, Sibelius, Hindemith, Toscanini, Furtwängler, De Sabata, Solti, Mengelberg, Karajan, Masur, Abbado e Kirill Petrenko.
I suoi direttori stabili sono stati Molinari, Ferrara, Previtali, Markevitch, Schippers, Sinopoli, Gatti e Chung. Dal 1983 al 1990 Leonard Bernstein ne è stato il Presidente Onorario; dal 2005 Antonio Pappano è il Direttore Musicale. L’Orchestra e il Coro sono stati ospiti dei maggiori festival: i Proms di Londra, i Festival di Lucerna, delle Notti Bianche di San Pietroburgo, di Salisburgo, e delle più prestigiose sale da concerto, tra cui Philharmonie di Berlino, Musikverein di Vienna, Concertgebouw di Amsterdam, Royal Albert Hall di Londra, Salle Pleyel di Parigi, Scala di Milano, Suntory Hall di Tokyo, Semperoper di Dresda, Carnegie Hall di New York.
L’intensa attività discografica degli ultimi anni è stata coronata da un profluvio di prestigiosi premi internazionali. Fra le ultime incisioni dirette da Antonio Pappano ricordiamo il Primo concerto per pianoforte di Čajkovskij e il Secondo concerto per pianoforte di Prokof’ev eseguiti da Beatrice Rana e, per Decca, il Concerto per violino di Brahms con Janine Jansen. Pappano e l’Orchestra hanno inciso, inoltre, Nessun Dorma – the Puccini Album con Jonas Kaufmann. Per Deutsche Grammophon è stato pubblicato il Concerto per pianoforte di Schumann con Jan Lisiecki, i cd Anna Netrebko – Verismo, il Carnevale degli animali di Saint-Saëns con Martha Argerich e l’integrale delle sinfonie di Bernstein; per Warner Classics, Tudor Queens con Diana Damrau.
A maggio 2020 Sony ha pubblicato Otello di Verdi con Jonas Kaufmann, mentre per Warner Classics è appena uscito Ein Heldenleben di Strauss.

Questa voce è stata pubblicata in Prima del concerto e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.