Sabato 4 settembre si inaugura a Verona la XXX edizione del “Settembre dell’Accademia” con la Baltic Sea Philharmonic diretta da Kristjan Järvi

Si intitola “Nordic Swans”, cigni del nord, il programma che l’estroso direttore d’orchestra estone Kristjan Järvi presenta sabato sera al Teatro Filarmonico di Verona, all’inaugurazione del trentesimo festival “Il Settembre dell’Accademia.
Con la sua Baltic Sea Philharmonic il maestro ha pensato e ideato un programma interamente dedicato al cigno, animale-musa che ha ispirato moltissimi compositori: Arvo Pärt (Swan song, una composizione del 2013 commissionata dal festival di Salisburgo, dallo stile minimalista spirituale) a Jean Sibelius (Il cigno di Tuonela, uno struggente canto di morte del cigno “impersonato” dal corno inglese) a Pëtr Il’ič Čajkovskij (Lago dei cigni, in una versione di suite del balletto realizzata dallo stesso Järvi).
Il Maestro è il fondatore dell’orchestra del Mar Baltico che fin dagli esordi dieci anni fa si è caratterizzata per una impostazione originale, sia per quanto riguarda i programmi, ispirati da tematiche particolari, sia per l’aspetto esecutivo: i musicisti suonano gli spartiti a memoria, in piedi e quando possibile sono accompagnati da immagini di arte visuale e light design.

Cesare Venturi
Uff. Stampa Accademia Filarmonica di Verona
335 6084559

Kristjan Järvi – Foto Siiri Kumari

Kristjan Järvi vive e respira musica, usando il suo potere per creare spazi in cui tutto è possibile.
Kristjan Järvi realizza le sue idee pionieristiche come direttore, produttore, compositore e arrangiatore.
Eseguendo tutto con imprenditorialità creativa, gestisce la sua società di produzione Sunbeam Productions.
“Kristjan Järvi si è guadagnato la reputazione di uno dei più astuti e innovativi nella scelta dei programmi della scena classica” (Reuters).
Come direttore d’orchestra, è di casa sui grandi palcoscenici internazionali, dirigendo grandi classici da Wagner a Tchaikovsky e da Steve Reich ai Radiohead così come le sue produzioni originali senza confini di genere.
Kristjan Järvi ha sviluppato il suo suono unico con il suo gruppo di musica hip-hop-jazz classica con base a New York Absolute Ensemble, la Baltic Sea Philharmonic e la band interna dei Sunbeam “Nordic Pulse”.
Kristjan dà forma alla sua vita artistica e porta l’espressione a un livello superiore con il suo team di “Sunbeam Productions”, con il quale crea un nuovo paradigma per la performance multisensoriale Xperiences.
Alla fine del 2020 Kristjan ha fondato una nuova etichetta discografica: “nEscapes”. Oltre alla distribuzione di musica online, offre agli artisti le sue esclusive “nEscapes Lounges” come nuovo formato di ascolto.
Oltre alle sue produzioni, Kristjan Järvi collabora a livello internazionale con artisti eccezionali come il regista Tom Tykwer (per la colonna sonora di Babylon Berlin) e artisti di registrazione come MUM, Bryce Dessner (The National), Hauschka, Robot Koch e Max Richter e sta recitando nel Documentario “Bastille Re-Orchestrated” su Amazon Prime al momento.
Kristjan ha un contratto esclusivo come compositore e produttore con BMG Music con la sua etichetta “Modern recordings”.
Il suo ultimo album si chiama: Nordic Escapes

Baltic Sea Philharmonic

La Baltic Sea Philharmonic porta l’esperienza del concerto orchestrale in una nuova dimensione.
Ogni performance è un viaggio di scoperta musicale, poiché i musicisti eseguono l’intero programma a memoria, creando un viaggio artistico unico nel suo genere. Ogni concerto è uno spettacolo unico di suoni, luci, arte visiva e tecnologia, e sotto l’elettrizzante bacchetta del direttore musicale e direttore fondatore Kristjan Järvi ogni performance ha un’energia speciale che è assolutamente contagiosa.
Ma soprattutto, come comunità di musicisti di dieci paesi nordici, la Baltic Sea Philharmonic trascende i confini ed è diventata un movimento per riunire le persone. Incarnando tutto ciò che è innovativo e progressista nella regione nordica, questo ensemble visionario sta portando il modello orchestrale tradizionale oltre che mai.
“È una creatura vivente che respira, con un’energia illimitata ed entusiasmo per il nuovo, un’avventura in sé”, afferma Kristjan Järvi.
Con musicisti provenienti da Danimarca, Estonia, Finlandia, Germania, Lettonia, Lituania, Norvegia, Polonia, Russia e Svezia, la Baltic Sea Philharmonic è nata nel 2008 su iniziativa dell’ Usedom Music Festival e ha ottenuto immediatamente consensi per le sue esibizioni e il suo potente messaggio di unità in una regione storicamente divisa.
L’orchestra suona in rinomati festival e nelle più prestigiose sale da concerto d’Europa e non solo, tra cui il Mariinsky di San Pietroburgo, la Filarmonica di Berlino, l’Elbphilharmonie di Amburgo e l’Opera di Dubai.
I migliori artisti del mondo, da star della musica classica come Julia Fischer, Jonas Kaufmann, Kurt Masur e Gidon Kremer a gruppi pop come Bastille, si sono tutti esibiti con l’orchestra.
Nel 2015 i risultati della Baltic Sea Philharmonic sono stati premiati con il prestigioso Premio europeo della cultura dalla Fondazione europea per la cultura “Pro Europe”.
L’orchestra è ben nota per i suoi programmi innovativi che non si conformano alle convenzioni della musica classica e consentono al pubblico e ai musicisti di sperimentare nuove dimensioni musicali.
L’innovativo “Waterworks” (2017/18), in collaborazione con Sunbeam Productions, ha unito musica, luci, sound design, arte visiva e moda con un effetto spettacolare. “Nordic Pulse” (2018-20) è una celebrazione innovativa del Nord, con musica di compositori di tutti i dieci paesi del Mar Baltico eseguita completamente a memoria. Ulteriori programmi includono “Baltic Folk” (2017) che ha caratterizzato la prima esecuzione memorizzata di The Firebird di Stravinsky, che ormai è diventato il marchio di fabbrica dell’orchestra, “Midnight Sun” (2019) e “Divine Geometry” (2019).
La discografia dell’orchestra con Kristjan Järvi è in costante aumento ed include tre acclamate registrazioni per Sony Classical.
La prima di queste, The Ring: An Orchestral Adventure, un arrangiamento per orchestra del Ciclo del Ring di Wagner, è stato pubblicato nel 2016.
Una registrazione con l’orchestra e il violinista svizzero David Nebel nel Concerto per violino di Stravinsky è stata pubblicata nel 2020 ed è stata nominata per il 2021 ICMA Classical Music Awards nella categoria concerti.
Sempre nel 2020 la Sony Classical ha pubblicato La bella addormentata, con Järvi alla guida dell’orchestra nel suo innovativo arrangiamento del balletto di Tchaikovsky come sinfonia drammatica.
La Baltic Sea Philharmonic e David Nebel hanno anche registrato il brano esaltante Aurora di Järvi per l’album Nordic Escapes del direttore-compositore del 2020, che è stato pubblicato su Modern Recordings di BMG.
Alla pandemia COVID-19 che ha interrotto le esibizioni dal vivo nel 2020, la Baltic Sea Philharmonic ha reagito con progetti digitali innovativi che collegano musicisti e appassionati di musica in Europa e nel mondo.
“Musical Chain”, lanciato nel luglio 2020, porta il concetto di orchestra virtuale in una direzione completamente nuova, riunendo i musicisti dell’orchestra insieme ad altri artisti e collaboratori creativi.
Il progetto ha finora prodotto quattro video di remix musicali sorprendentemente originali: “Midnight Mood”, basato su “Morning Mood” di Grieg di Peer Gynt; “Crepuscolo di Beethoven”, ispirato alla Quinta Sinfonia di Beethoven; “Ascending Swans”, basato sul “Song of Praise” di Sibelius dalla Swanwhite Suite; e “Nutty Christmas”, una divertente versione stagionale di Lo schiaccianoci di Čajkovskij.
Per ogni video, i musicisti della Baltic Sea Philharmonic hanno registrato tracce audio a casa e si sono ripresi all’aperto in paesaggi suggestivi. Kristjan Järvi ha quindi mixato l’audio e un team di produzione video professionale ha montato i video finali, che sono stati scaricati sui canali dei social media dell’orchestra.
Nel 2021 “Musical Chain” continuerà con ulteriori collaborazioni e artisti ospiti speciali.
La Baltic Sea Philharmonic e Kristjan Järvi sono presenti in un nuovo documentario Amazon Prime Video, ReOrchestrated, sull’evoluzione delle collaborazioni orchestrali della band pop britannica Bastille.
Il film, uscito a febbraio, include filmati del concerto di beneficenza di grande successo della Baltic Sea Philharmonic del gennaio 2020 con la Bastille all’Elbphilharmonie di Amburgo.
A gennaio Amazon Music ha pubblicato un singolo associato, “Warmth ReOrchestrated”, registrato dal vivo allo spettacolo Elbphilharmonie.
La Baltic Sea Philharmonic e Kristjan Järvi sperano di tornare sul palco nell’agosto 2021, con l’orchestra che farà il suo debutto rumeno al Festival Enescu di Bucarest. Lì collaborerà con la pianista Maria João Pires e la violinista Viktoria Mullova in due programmi differenti, uno con musiche di Mozart ed Enescu e l’altro con opere di Arvo Pärt e Tchaikovsky.
Nel calendario dell’orchestra per il 2021 c’è anche un tour in Italia, Slovenia, Germania e Polonia con un nuovo programma, “Nordic Swans”, con musiche di Arvo Pärt, Tchaikovsky and Sibelius.
La tournée includerà concerti al Festival Musicale di Merano, il Festival di Ljubljana, il Usedom Music Festival e la Szczecin Philharmonie.

Questa voce è stata pubblicata in Prima del concerto e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.