Martedì 20 luglio, nel Giardino del Teatro Accademico di Castelfranco Veneto “Operaestate Festival” propone “Les Adieux” di e con Luca Scarlini

Va in scena il 20 luglio, alle ore 21.20 nella cornice del giardino del Teatro Accademico di Castelfranco Veneto lo spettacolo Les Adieux, di e con Luca Scarlini, accompagnato dal musicista Alberto Mesirca.
Un evento inserito nel ricco cartellone di Operaestate Festival, in collaborazione con il Comune di Castelfranco Veneto, città palcoscenico, e con le aziende sostenitrici parte degli Amici del festival.

In Les Adieux Luca Scarlini, insieme al chitarrista Alberto Mesirca, costruisce un recital a tema romantico (e ambientato negli anni del Romanticismo letterario) sulla storia di Pietro Pagello (1807-1898), medico nato a Castelfranco Veneto e morto a Belluno, che fu famoso in tutta Europa per la vicenda d’amore con la scrittrice George Sand.

Il medico e la scrittrice, infatti, si incontrarono a Venezia, dove George Sand (pseudonimo di Amantine Lucile Aurore Dupin, che scelse un nome maschile per poter pubblicare le proprie opere letterarie) soggiornava in compagnia di Alfred De Musset, quando l’illustre coppia di scrittori era fuggita da Parigi per celebrare il proprio amore su uno sfondo romantico e poetico.
Pagello era stato chiamato al capezzale di De Musset come medico curante all’Hotel Danieli, e lì visse una storia con la scrittrice francese.
De Musset tornò quindi alla capitale francese, dove scrisse della vicenda nel suo Confessioni di un figlio del secolo, e lo stesso fece Sand, in toni più crudi, in Elle et lui; e ne scrisse anche il fratello di lui, Paul de Musset, nel satirico Lui et elle.
Pagello seguì George Sand a Parigi, ma in breve tempo la scrittrice si stancò di lui e il dottore tornò in Italia, per stabilirsi a Belluno, dove esercitò la professione fino a età assai tarda, facendo di tutto per cancellare la presenza della Sand della sua vita.

A raccontare questa avventura di amore, passione e letteratura, Luca Scarlini, amatissimo dal pubblico del festival per la sua eloquenza e lo sguardo ironico e acuto che porta in ogni sua narrazione.
Saggista, drammaturgo, storyteller Luca Scarlini è anche docente all’Accademia di Brera e in altre istituzioni italiane e straniere; oltre che collaboratore di numerosi teatri e festival in Italia e all’estero, e di Rai Radio3.
Ad accompagnarlo, Alberto Mesirca, chitarrista classico, diplomatosi proprio al Conservatorio di Castelfranco Veneto, esibitosi in tutta Europa e premiato a livello internazionale (compresa una candidatura ai Grammy Awards nel 2021), che eseguirà brani di Sor, Offenbach, Bussotti, e ovviamente, di Chopin, anch’egli legato sentimentalmente a George Sand.

Un racconto romantico-musicale, che trae suggestioni da scrittori, scrittrici, amanti più o meno famosi, per ricreare l’atmosfera dell’Ottocento europeo.

In caso di pioggia lo spettacolo andrà in scena al Teatro Accademico.

Tutto il programma e biglietti online su www.operaestate.it
Box office del Festival: tel. 0424 524214

Ufficio Stampa
Alessia Zanchetta
mail comunicazionefestival@comune.bassano.vi.it
tel. 0424 519804

In collaborazione con

Studio ESSECI, Sergio Campagnolo
Ref. Roberta Barbaro
gestione3@studioesseci.net
Tel. 049 663499

Studio Pierrepi
Alessandra Canella
348-3423647
canella@studiopierrepi.it
www.studiopierrepi.it

Questa voce è stata pubblicata in Dal mondo della musica e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.