Sabato 15 maggio Asolo Musica si apre nel ricordo del musicologo Giovanni Morelli con il concerto del Quartetto di Venezia

Inizia sabato 15 maggio (con due turni, uno alle ore 15.00 e l’altro alle ore 17.30) la stagione di concerti 2021 allo Squero, officina per gondole sull’isola di S. Giorgio Maggiore divenuta un Auditorium mozzafiato con vista sulla laguna.
Ad aprire la rassegna sarà il Quartetto di Venezia, definito da Sandro Cappelletto uno degli ensemble più affidabili, curiosi e sensibili del panorama musicale italiano.
Il concerto è organizzato da Asolo Musica in collaborazione con Fondazione Giorgio Cini ed è dedicato al musicologo Giovanni Morelli, per trent’anni anima musicale della Fondazione: raffinatissima figura di studioso e insegnante che, come ha scritto il suo allievo Michele Girardi, era capace di regalare ai suoi studenti «affetto, gioia, arguzia e scienza a piene mani».

Il programma del concerto comprende la Passacaglia e Fuga BWV 582 di Bach trascritta da J. Jorgensen e il Quartetto in Si bemolle maggiore op. 130 di Beethoven.
Composta da Bach in età giovanile, la Passacaglia è interamente basata su un basso ostinato di 15 note che viene sviluppato in una serie di variazioni «intrecciate tra loro così ingegnosamente da non finire mai di stupire» (Schumann).
Una straordinaria costruzione architettonica che lascia trasparire alcune emozionanti citazioni di corali luterani e termina con un febbrile Tema fugato la cui trama emerge particolarmente bene nella trascrizione per quartetto d’archi.
Altrettanto elaborato e architettonico, il Quartetto op. 130 di Beethoven era uno dei più amati dal compositore per la sua straordinaria capacità di evocare i più diversi stati d’animo umani.
Sei i movimenti che lo compongono, tra cui uno Scherzo teso e di colore scuro, una Danza tedesca e una Cavatina così emozionante da esser stata scelta per l’inclusione nel Voyager Golden Record, il disco d’oro inviato nello spazio dalla NASA per comunicare ad eventuali alieni che c’è vita sulla Terra.
L’ultimo movimento, scritto per sostituire la Grande Fuga divenuta una composizione autonoma, è l’ultimo brano che Beethoven scrisse prima di morire.
Due capolavori, insomma, per un concerto che promette di coinvolgere profondamente tanto il pubblico quanto i musicisti: «Felici di tornare a condividere con il pubblico le vere emozioni di un concerto dal vivo», si entusiasma il primo violino Andrea Vio parlando a nome di tutto il quartetto.
Un programma di grande spessore che sarà in grado di accogliere nel modo migliore gli ascoltatori di ritorno in sala dopo la lunga sospensione degli spettacoli in presenza.

La stagione musicale, organizzata da Asolo Musica in collaborazione con la Fondazione Giorgio Cini allo Squero, è realizzata con il contributo di MIC – Ministero della Cultura, Regione Veneto e sostenuta dal GRUPPO PRO-GEST, CentroMarca Banca, Hausbrandt Caffè, Zanta Pianoforti e Zoogami.

Una ripartenza che avviene dopo uno dei momenti di chiusura più lunghi e sofferti per tutti e, in modo particolare, per i luoghi della cultura.
La riapertura avverrà con le ben note limitazioni di cui tanto si è parlato: l’Auditorium Lo Squero sarà occupato per circa 35% della capienza, sarà obbligatorio tenere la mascherina per tutto il tempo del concerto, mantenere il distanziamento e non creare assembramenti in entrata e in uscita.

Per tutti gli spettacoli è necessario acquistare il biglietto con anticipo sul sito www.boxol.it/auditoriumlosquero/ 

All’ingresso verrà eseguito il triage (misurazione temperatura, sanificazione mani).

Tutti i concerti avranno inizio alle 15.00 e alle 17.30

Info Asolo Musica
0423 950150
info@asolomusica.com
www.asolomusica.com

Lo Squero dell’Isola di San Giorgio Maggiore, antica officina per la riparazione delle imbarcazioni risalente alla metà dell’Ottocento, è diventata un moderno e suggestivo auditorium grazie all’intervento di recupero della struttura promosso dalla Fondazione Giorgio Cini che ha trasformato questo spazio in una moderna concert hall con 200 posti a sedere; grazie alla sua eccezionale acustica e alla sua posizione privilegiata che si affaccia direttamente sulla laguna, “Lo Squero” è uno spazio unico che accorda perfettamente musica e immagine. Di fronte alla platea le pareti di vetro – come quinte naturali – aprono uno straordinario scorcio sulla laguna offrendo allo spettatore la possibilità di vivere l’esperienza unica di un concerto “a bordo d’acqua”.

Ufficio Stampa Studio Pierrepi
Alessandra Canella
348-3423647
canella@studiopierrepi.it
www.studiopierrepi.it

Questa voce è stata pubblicata in Prima del concerto e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.