Il maestro Joseph Rescigno racchiude la sua lunghissima esperienza nel libro “Conducting Opera: Where Theater Meets Music”

La lunga stasi forzata ha portato molti musicisti ad approfondire argomenti, tralasciati per mancanza di tempo e, molto probabilmente, mai come in questo periodo, si è assistito all’uscita di saggi e pubblicazioni incentrati su materiale inedito.
C’è anche chi, invece, aveva puntato sul 2020 per chiudere un progetto accarezzato da lungo tempo ed è stato costretto, almeno per il momento, a rinunciare all’attività promozionale.
Fra questi ultimi va annoverato il grande direttore statunitense Joseph Rescigno che, qualche mese fa, ha pubblicato “Conducting Opera: Where Theater Meets Music” (edito dalla University of North Texas).
Il maestro aveva accennato all’imminente uscita di questo volume, in occasione di un’intervista concessa a Roma nel 2012 ma, come talora accade, i tempi si sono allungati a dismisura, per cui il libro è stato dato alle stampe soltanto lo scorso anno.
Prima però di approfondire il contenuto della pubblicazione, è indispensabile fornire qualche breve cenno biografico su Joseph Rescigno
Nato a New York, con ascendenti italiani da parte di padre, Joseph Rescigno è attualmente uno dei direttori d’orchestra più prestigiosi e versatili, padrone di un immenso repertorio, in grado di spaziare dalla musica sinfonica a quella lirica.
Nel suo curriculum sono presenti figure leggendarie, a cominciare dallo zio Nicola Rescigno, fra i fondatori dell’Opera di Chicago e dell’Opera di Dallas, noto anche per aver diretto più volte la Callas in allestimenti memorabili, che ha voluto spesso il nipote come collaboratore quando risiedeva in Italia.
Un’esperienza fondamentale per il giovane Joseph che, nel periodo in cui soggiornava a Roma, portando avanti i suoi studi all’Università Gregoriana e all’Accademia di Santa Cecilia, ha avuto l’opportunità di conoscere i principali teatri italiani.
Ma, continuando ad analizzare le tappe della sua carriera, troviamo altri nomi celebri come von Karajan, Leinsdorf, Benaglio (maestro del coro del Teatro alla Scala), Halasz (fondatore dell’Opera di New York City), Maderna, Gavazzeni, Moresco, Benedetti Michelangeli e il compositore statunitense Nicolas Flagello (suo docente di composizione alla Manhattan School of Music, a sua volta perfezionatosi all’Accademia di S. Cecilia con Ildebrando Pizzetti).
Nella sua lunga attività, Joseph Rescigno ha diretto, in tutto il mondo, una cinquantina di compagnie liriche e di orchestre, prendendo parte sia a stagioni operistiche che sinfoniche.
E’ stato dal 1981, e per ben 38 stagioni, Artistic Advisor and Principal Conductor della Florentine Opera Company di Milwaukee (Wisconsin), ma ha anche conservato, e conserva tuttora, contatti con l’Italia, in quanto dal 2005 fa parte dello staff del Festival Internazionale “La Musica Lirica”, corso di perfezionamento della durata di circa un mese, rivolto a giovani cantanti, selezionati soprattutto negli USA e in Canada, che ha luogo nel periodo estivo a Novafeltria (Rimini).
Queste poche righe sono sufficienti per far comprendere il prestigio di Rescigno come direttore d’orchestra e la sua enorme esperienza, che ha voluto riversare in un libro probabilmente unico nel suo genere, ricco di osservazioni, consigli, paragoni originali e molto calzanti, dove passaggi tecnici si alternano a paragrafi meramente divulgativi.
Ad esempio già nel primo capitolo l’autore riassume le linee guida che applica quando si confronta con un’opera, a partire dalla necessità di identificare i rapporti matematici insiti nella partitura, in modo da ottenere una fluidità di sviluppo tale da non snaturare o alterare il risultato complessivo.
Ancora, risulta fondamentale l’identificazione del momento culminante (o dei momenti culminanti), attorno al quale ruota l’intera composizione.
Sempre nel capitolo iniziale, il direttore d’orchestra è paragonato ad un pilota che, insieme al suo equipaggio (gli artisti), deve saper accompagnare i passeggeri (il pubblico) attraverso un viaggio (quello operistico) quanto più possibile comodo e confortevole comprensivo di atterraggio morbido.
I successivi capitoli riguardano, nell’ordine, Mozart, il Belcantismo (racchiuso nella triade Rossini-Bellini-Donizetti), Verdi, Wagner, l’Opera Romantica francese (rappresentata da Gounod, Bizet e Saint-Saëns), Puccini e Richard Strauss.
In ognuno sono descritti innanzitutto il contesto storico nel quale si sono mossi gli autori e alcune delle peculiarità legate ai loro differenti stili.
Sono quindi analizzati i punti salienti di una serie di opere, mediante esempi molto dettagliati, e la chiusura di ogni descrizione è affidata a due brevi paragrafi, frutto della lunga frequentazione del maestro con il lavoro considerato.
Nella parte conclusiva, prima dell’indice, troviamo un’appendice che elenca le partiture citate e il modo di reperirle, quando possibile, sulla rete, seguita dai riferimenti alle numerose note che accompagnano i diversi capitoli e da una esauriente bibliografia.
Nel complesso il libro risponde innanzitutto alle esigenze di chi deve, per professione, confrontarsi giornalmente con un genere così complesso come l’opera, dove, come recita il titolo “Il Teatro incontra la Musica” e, sempre più spesso, si è costretti a fare i conti con l’ignoranza e la supponenza dei registi.
Ma anche gli appassionati melomani troveranno il volume di loro gradimento, grazie allo stile piacevole ed accessibile che contraddistingue i numerosi paragrafi non strettamente tecnici.
Ricordiamo, infine che, in mancanza di una campagna promozionale “live”, attualmente impossibile, il maestro Rescigno ha utilizzato il suo canale You Tube (https://www.youtube.com/channel/UCo_jr7lFyQPvPch_UcI5ZNA/featured), che vi invitiamo a visionare, dove ha inserito dei brevi filmati rivolti alle tematiche salienti del libro.
Il tutto in attesa di tempi migliori, che ci auguriamo arrivino quanto prima e possano far sì che una pubblicazione così interessante, miniera inesauribile di esempi e suggerimenti, vada incontro alla diffusione che merita.

Questa voce è stata pubblicata in Libri e musica e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.