Venerdì 18 dicembre la rassegna “Chi ci ferma!” chiude il 2020 nel segno della musica jazz

L’ultimo appuntamento del 2020 con la rassegna Chi ci ferma! organizzata dal Conservatorio di Musica San Pietro a Majella è programmato in streaming venerdì 18 dicembre, alle ore 18.
Questa settimana, dalla Sala Scarlatti del celebre istituto sarà possibile assistere a un concerto jazz con due voci di “belcantiste” del genere che si alterneranno in alcune pagine di assoluta bellezza.
Le cantanti Valeria de Stefano e Sara Gioielli dialogheranno con un trio formato da Luigi Lombardi al pianoforte, Cristiano de Pascale alla batteria e Alessandro Vai al basso.
Il repertorio prevede, tra l’altro, brani di Churchill e Morey (Someday My Prince Will Come), Warren e Gordon (There Will Never Be Another You), Martino (Estate), Loueke (Benny’s Tune) e Nelson (Stolen Moments).
Questi giovani esecutori saranno i portavoce del dipartimento jazz del conservatorio cimentandosi in un virtuosistico programma che coniuga tutte le possibili declinazioni di un’arte sopraffina fatta di disciplina e intemperanza, rigore ed estro finalizzata a emozionare e stupire.

L’appuntamento, come di consueto con i fedelissimi spettatori dei concerti del San Pietro a Majella, è sui canali social: https://www.youtube.com/channel/UCniPOSH42fLEjlUqKXRXnKw e
https://www.facebook.com/conservatoriodimusicasanpietroamajelladinapoli

Questa voce è stata pubblicata in Prima del concerto e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.