Domenica 4 ottobre, nella Chiesa dei SS. Cosma e Damiano a Vairano Scalo (Ce) il ciclo “Organi Storici della Campania” si chiude con il concerto del belga Etienne Walhain

Domenica 4 ottobre 2020, alle ore 20.00, terzo ed ultimo appuntamento per la XXI edizione del ciclo Organi Storici della Campania della Associazione Alessandro Scarlatti con il concerto in decentramento nella Chiesa dei SS. Cosma e Damiano a Vairano Scalo (Ce).

Costruito nel 2011 in occasione del decimo anniversario della dedicazione della chiesa, l’ Organo Mascioni dotato di canne monumentali è stato progettato prendendo a modello le principali caratteristiche dell’arte organaria francese del XIX secolo con particolare riguardo alle opere del celebre organaro Cavaillé-Coll.

Protagonista del concerto l’organista belga Etienne Walhain, nato nel 1980 e organista titolare dei grandi Organi Ducroquet della Cattedrale di Notre-Dame a Tournai in Belgio.
Ha lavorato per molti anni con il M° Jean Guillou, scomparso nel 2019, al quale il concerto è dedicato.
Sue infatti le trascrizioni della Fantasia e Fuga sul nome Bach di Liszt e di “Quadri di un’esposizione” di Mussorgsky.

Il concerto è gratuito fino ad esaurimento posti

Programma

Franz Liszt / Jean Guillou: Fantasia e fuga sul nome B.A.C.H.

Modest Mussorgsky / Jean Guillou: Quadri di un’esposizione

Etienne Walhain: Improvvisazione

Etienne Walhain
Nato in Belgio nel 1980, Etienne Walhain è organista titolare dell’organo Ducroquet & Merklin della Cattedrale di Notre-Dame di Tournai (B), dal 2005.
Dopo i primi studi di pianoforte ed organo con Zbigniew Kruczek, entra nel Conservatorio Reale di Mons (B) ottenendo i primi premi di scrittura, organo e musica da camera nelle classi di J. P. Deleuze, S. Detournay e Guy Van Waas.
Entra quindi al Conservatorio di Lione nella classe d’organo di Louis Robilliard, laureandosi con un primo premio.
Nel 1998, incontra Jean Guillou con il quale lavora a Zurigo ed a Parigi fino al 2008. Su consiglio di quest’ultimo, Etienne Walhain entra nella classe d’organo di Jean-Jacques Kasel al Conservatorio della Città di Lussemburgo dove nel 2002 ottiene il diploma superiore di organo.
Come improvvisatore ritorna alla tradizione dei film muti che accompagna al pianoforte o all’organo.
Appassionato di letteratura, Etienne Walhain ama anche unire le sue due passioni creando diversi progetti artistici che combinano improvvisazione e poesia o teatro.
Ha intrapreso da diversi anni una carriera concertistica in Europa, Canada e Stati Uniti.
Nel 2018 ha pubblicato il suo primo CD, “Souffles Héroïques”, registrato all’organo della cattedrale di Tournai.

Questa voce è stata pubblicata in Prima del concerto e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.