Martedì 21 gennaio “Federipiano” riprende con il concerto di Francesco Borriello intitolato “Sfumature di Tarantella”

Martedì 21 gennaio, alle ore 16.30, presso il Real Museo Mineralogico dell’Università di Napoli “Federico II” (via Mezzocannone, 8), per la rassegna FederiPiano, concerto di Francesco Borriello dal titolo “Sfumature di Tarantella”.

Programma

L. v. Beethoven: Sonata n. 1 in fa minore, op. 2 n. 1

L. v. Beethoven: Sonata in mi bemolle maggiore, op. 31 n. 3

G. Martucci: Tarantella op. 44 n. 6

Ingresso libero

Sfumature di Tarantella
La Tarantella è un genere di grande importanza nel panorama musicale internazionale.
Essa nacque nel ‘600 in Italia meridionale con un unico semplice scopo: il ballo.
In Europa la Tarantella non era solo la danza caratteristica del popolo italiano ma soprattutto il simbolo identitario d’Italia per eccellenza.
Nell’Ottocento il ritmo ternario costante e frenetico insieme agli inediti temi popolari attirarono l’attenzione dei più importanti compositori italiani ed europei, i quali scrissero capolavori di straordinaria bellezza e contribuirono ad una diffusione sempre maggiore di questo genere.
La Tarantella ben presto trasmigrò definitivamente nella letteratura pianistica e orchestrale abbandonando lo scopo originale di far ballare ma mantenendo tutte quelle caratteristiche stilistiche di un tempo.
La sonata di Beethoven op. 2 n°1 in fa minore inaugura la gloriosa serie di 32 sonate.
Composta tra il 1793 ed il 1795, essa mostra in prima pagina una prassi particolare del tempo: l’ambivalenza tra l’esecuzione al clavicembalo e al pianoforte, segno che quest’ultimo stentava a dominare la scena.
La sonata si conclude con un Prestissimo dal ritmo di tarantella.
La sonata op. 31 n.3 in mi bemolle maggiore composta nel 1802 invece apre ad un diverso periodo.
La maggiore personalità, la ricerca timbrica anche nei registri più gravi, una maggiore consapevolezza orchestrale e l’evoluzione dello schema formale con l’introduzione dello Scherzo rendono netta la differenza rispetto la precedente sonata.
Anch’essa si conclude con un Presto con fuoco dal ritmo ternario di una tarantella.
In conclusione, la Tarantella di Martucci op. 44 n.6, composta tra il 1879 e 1880, che si distacca dai brani precedenti, alla ricerca di un più difficile virtuosismo pianistico.

Francesco Borriello
Avviato allo studio del Pianoforte dai Maestri Giuseppe Polese e Francesco Pareti, al termine della maturità classica Francesco Borriello ha intrapreso gli studi accademici al Conservatorio statale di Musica “Domenico Cimarosa” di Avellino sotto la guida del Maestro Costantino Catena.
Nel 2018 ha conseguito la Laurea di I livello con in massimo dei voti e la lode, con una tesi sui generi del Valzer e della Tarantella nel repertorio pianistico colto.
Nell’anno accademico 2016/2017 è risultato idoneo al concorso di collaborazione a tempo parziale come pianista accompagnatore del proprio Conservatorio.
Attualmente si sta perfezionando nel repertorio solistico con biennio specialistico di II livello al Conservatorio “Giuseppe Martucci” di Salerno.
Svolge con frequenza concerti solistici e da camera.
Ha preso parte al festival della “Settimana di Musica da Camera” (2016) del Conservatorio Cimarosa.
Si è esibito da solista nella sede storica dell’Università degli studi di Napoli Federico II per il festival Pianocity Napoli (edizioni 2018 e 2019) e nella sede dell’Orto Botanico della stessa Università in occasione della rassegna OrtoPiano Festival (edizioni 2018 e 2019).
Ha tenuto concerti nella prestigiosa sede di Palazzo Zevallos Stigliano di Napoli per la rassegna “È aperto a tutti quanti”, presso l’auditorium Vincenzo Vitale di Avellino, al Palazzo Baronale de Conciliis di Torchiara, al Complesso monumentale di San Giovanni Battista in occasione del Festival pianistico Pianostop 2019.
Nel Marzo 2019 ha preso parte come allievo effettivo alla masterclass del Maestro Bruno Canino.
Studia Lingue e letterature straniere all’Università Federico II di Napoli.

Questa voce è stata pubblicata in Prima del concerto e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.