Giovedì 30 maggio il prestigioso Fine Arts Quartet apre l’integrale dei Quartetti per archi di Beethoven del Maggio della Musica

Tra i più insigni ensemble di musica da camera, il Fine Arts Quartet di Chicago torna al Maggio della Musica per l’inaugurazione dell’esecuzione integrale dei Quartetti per archi di Ludwig van Beethoven.
L’appuntamento è in programma giovedì 30 maggio, alle ore 19.45, nella veranda neoclassica di Villa Pignatelli a Napoli.

Vincitore di numerosi premi, il Fine Arts Quartet eseguirà i Quartetti op. 18 n. 2 e op. 59 n. 3.
L’op. 18 n. 2 (1798-1800) fa parte della prima serie di Quartetti di Beethoven, in cui sono evidenti i riferimenti ai modelli di Franz Joseph Haydn e di Wolfgang Amadeus Mozart.
Detto “dei complimenti”, ha un carattere classicheggiante, ma eccentrico.
L’op. 59 è la seconda serie del tedesco, scritta nel 1805 su invito del conte Razumovsky e pubblicata nel 1808.
Si tratta di un trittico dalla scrittura imponente, con echi di sinfonismo.
L’ultimo capitolo, il n. 3, presenta un’introduzione molto probabilmente in omaggio ad Haydn.

L’integrale dei Quartetti di Beethoven sarà spalmata in più stagioni concertistiche e segue il precedente progetto che il Maggio della Musica ha dedicato all’integrale delle Sonate per pianoforte del tedesco, concluso lo scorso anno.
«Ci avviamo ai 250 anni della nascita, nel 2020, di questo formidabile compositore che mai si smetterà di celebrare», ha dichiarato il direttore artistico del Maggio della Musica, il pianista Michele Campanella.

Dopo il Fine Arts Quartet, la stagione concertistica 2019 proporrà altri due appuntamenti dell’integrale dei Quartetti per archi, il 6 giugno con una giovane formazione in ascesa, il Quartetto Prometeo, che eseguirà i quartetti op. 18 n. 3 e op. 131, e il 20 giugno con l’inglese Elias Quartet, ensemble oggi tra i più affermati a livello internazionale, che proporrà i quartetti op. 18 n. 4 e op. 130.

Come le Sonate per pianoforte, i Quartetti per archi sono la forma che Beethoven predilesse e che mai abbandonò per tutta la sua carriera.
Il musicologo Paul Bekker, eccelso biografo del tedesco, scrisse in proposito: «I Quartetti sono l’asse della psiche creativa di Beethoven».
Tale produzione conta sedici pagine più la Grande Fuga, e sintetizza i tre periodi creativi del compositore: dai modelli classici agli slanci romantici e tormentati dell’io, alle formule più ardite dell’ultimo Beethoven che contemplava arte e ideali assoluti.

Costo del biglietto:
Intero: 20 euro
Ridotto 15 euro (over 65) e 10 euro (under 26)

Prenotazione obbligatoria: 0815561369 – 392 9160934

Info:
maggiodellamusica@libero.it
www.maggiodellamusica.it

Ufficio stampa
Paolo Popoli
paolopopoli@gmail.com
________________________________________________________

Giovedì 30 maggio, ore 19.45 – Veranda neoclassica di Villa Pignatelli – via Riviera di Chiaia, 200 (Napoli)

Inaugurazione dell’integrale dei Quartetti per Archi di Ludwig van Beethoven
Fine Arts Quartet
Ralph Evans, violino
Efim Boico, violino
Gil Sharon, viola
Niklas Schmidt, violoncello

Ludwig van Beethoven (1770 – 1827)
Quartetto in sol maggiore, op. 18 n. 2
Quartetto in do maggiore, op. 59 n. 3

Fine Arts Quartet
Il Fine Arts Quartet si colloca tra i più insigni ensemble della musica da camera di oggi, con una storia illustre di successo e un’estesa eredità di oltre 200 opere registrate.
Fondato a Chicago nel 1946, è formato dai violinisti Ralph Evans (vincitore del concorso internazionale Cajkovskij) e Efim Boico (ex direttore di orchestra dell’Orchestre di Parigi sotto Barenboim) che hanno suonato insieme per 35 anni, dal violista Gil Sharon (fondatore dell’Amati Ensemble) e dal violoncellista Niklas Schmidt (co-fondatore del Trio Fontenay).
Molte delle ultime pubblicazioni del Quartetto sono state selezionate per l’inclusione negli elenchi dei Grammy Awards nelle categorie “Best Classical Album” e/o “Best Chamber Music Performance” e hanno ricevuto numerosi premi e riconoscimenti, tra cui: “Gramophone award-winner“, BBC Music Magazine Choice“, e un Grammy Award per il produttore Steven Epstein (Fauré Quintets con Cristina Ortiz)-
Il Quartetto ha anche ricevuto il CMA/ASCAP Award dato congiuntamente da Chamber Music America e dall’American Society of Composers, Authors ed Publishers.
L’ultimo cd del Quartetto (quartetti Beethoven) sarà distribuito da Naxos nel 2019.
I membri del Quartetto, oltre all’attività cameristica, svolgono quella di docenza presso il Sorkin International Institute of Chamber Music di Milwaukee e prestano servizio come professori ospiti nei principali conservatori di Parigi, Londra, New York, Pechino.

Questa voce è stata pubblicata in Prima del concerto e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.