Venerdì 22 febbraio alla Domus Ars “Voci” nell’ambito della rassegna Dissonanzen 2019 – La forza del dialogo

Venerdì 22 febbraio, alle ore 20.30, alla Domus Ars (via Santa Chiara, 10c – Napoli) Dissonanzen presenta il concerto Voci, nell’ambito della rassegna Dissonanzen 2019 – La forza del dialogo.
Sul palco della chiesa di san Francesco delle Monache, l’ensemble Dissonanzen, la voce di Eleonora Claps, accompagnata da Tommaso Rossi ai flauti, Manuela Albano al violoncello, Ciro Longobardi al pianoforte.

Un concerto dedicato a compositori della seconda metà del Novecento.
Il programma spazierà da Luciano Berio al compositore statunitense George Crumb, passando per Carlo Boccadoro, Francesco Pennisi e Gabriele Cosmi.
Il secondo concerto della stagione sviluppa l’idea del dialogo tra la voce umana e le voci della natura, innescato dall’incontro tra due lavori storici: Sequenza III di Berio e Vox Balaenae di Crumb.
In Sequenza III, scritta da Berio nel 1965 per Cathy Berberian, tutte le espressioni della vocalità umana trovano spazio in una drammaturgia serratissima di cui la performer vocale è protagonista, mentre Crumb chiede agli esecutori, anche attraverso espedienti teatrali, di diventare medium delle voci di una natura de-umanizzata.
E se Boccadoro si rifà ancora alla natura nel suo recente brano per flauto dolce, dall’andamento quasi improvvisato da antica ballata cinquecentesca, è sicuramente all’umano che s’ispirano Vacchi nel suo omaggio a Goethe, alla cui Mignon concede un’inquieta sensualità, e Francesco Pennisi nelle sue lettere ad amici immaginari.
Particolarità della serata la prima assoluta di un lavoro di Cosmi So ancora che visse III da Ungaretti.

Prezzo del biglietto
Intero: 10 euro
Ridotto under 30: 5 Euro

Infoline
www.dissonanzen.it

Ufficio stampa:
Giusi Zippo
mob. 3396276954
mail: giusizippo939@gmail.com

______________________________________________________________

Venerdì 22 febbraio, ore 20.30 – Domus Ars, via Santa Chiara, 10 (Napoli)

Dissonanzen 2019 La forza del dialogo

Ensemble Dissonanzen

Eleonora Claps, voce
Tommaso Rossi, flauto
Manuela Albano, violoncello
Ciro Longobardi, pianoforte

Programma

Luciano Berio: Sequenza III per voce sola

Fabio Vacchi: Mignon per voce e pianoforte

Carlo Boccadoro: Il vento nelle grondaie per flauto dolce solo

Francesco Pennisi: Post scriptum (da Carteggio) per flauto e violoncello

Gabriele Cosmi: So ancora che visse III, nuova versione per soprano, flauto, violoncello e pianoforte (prima esecuzione assoluta)

Georg Crumb: Vox Balenae per flauto, violoncello e pianoforte

Eleonora Claps – Soprano/Performer
Specializzata nel repertorio del ‘900 e Contemporaneo, acustico ed elettroacustico.
Lucana di nascita, consegue i suoi studi musicali presso il Conservatorio Giuseppe Martucci di Salerno sotto la guida di E. Scatarzi.
Il suo repertorio spazia in ambiti vocali differenti e, interessata soprattutto alla figura dell’interprete cantante/attrice, è assiduamente impegnata in quello del ‘900 e Contemporaneo, acustico ed elettroacustico.
Si perfeziona sotto la guida di A. Caiello, frequenta il “Corso di Specializzazione in Canto Lirico per l’Opera Contemporanea” presso la Verona Opera Academy, i Corsi di Perfezionamento presso la Fondazione Royaumont (M° J. Fraser), John Cage Orgel Stiftung Halberstadt (M° S. M. Sun) ed i Darmstädter Ferienkurse (M° D. M.-Dansac) durante i quali si esibisce come interprete vocale in concerto ufficiale IMD2016 (“Workshop on Audiovisuality – Music in Expanded Field” M. Ciciliani).
Partecipa regolarmente a Corsi, Masterclass e Seminari volti allo studio ed approfondimento del linguaggio musicale contemporaneo, collabora con compositori emergenti, Ensemble specializzate, il CRM di Roma, il Dipartimento “Nuove Tecnologie e Linguaggi Musicali” del Conservatorio di Salerno (M° S. Lanzalone) e svolge regolare attività concertistica.
Finalista del “Premio Bucchi Interpretazione – Parco della Musica 2015”, interprete vocale dello “ScarlattiLab/Electronics” (dir. Art: G. Turaccio e A. Di Scipio), si è esibita in numerose sale da concerto tra cui la “Sala Camino” (Biennale di Venezia 2017), l’ “Auditorium San Fedele” di Milano, l’ “Abrons Art Center” di New York, in Festival Internazionali e Concorsi di composizione (NYCEMF, Emufest, G.A.M.O, Rondò, Signal, ArteScienza, Nuova Consonanza).
A lei è stata dedicata la “MA/IN-Spaziomusica commission 2017” per voce ed elettronica/multimedia con esecuzione dei brani in prima assoluta durante la prima giornata del “36° Festival SpazioMusica” di Cagliari ed in seconda esecuzione durante il “MA/IN Intermedia Festival” di Matera.
Nel suo repertorio figurano brani dei più importanti autori classici del Novecento tra cui “Laborintus II” (L. Berio), “Sequenza III” (L. Berio), “Aria” (J. Cage), “Aventures” (G. Ligeti), “Joózsef-Attila Toöredeókek Op. 20” e “Kafka-Fragmente Op. 24”(G. Kurtág), ecc.. oltre a numerose prime esecuzioni assolute.
Ha inciso per Stradivarius, Ed. Scientifica e Cesmel.

Dissonanzen
Dissonanzen nasce a Napoli nel 1993, presentando, con continuità, capolavori musicali del Novecento storico, sperimentazioni degli anni ’60 e ’70, novità assolute di musica, danza e teatro musicale.
Nel corso degli anni, all’interno dell’attività dell’Associazione, si è sviluppato sempre di più il lavoro dell’Ensemble Dissonanzen, un organico cameristico nato all’interno dell’attività di produzione musicale dell’Associazione.
Dal 2002 l’Ensemble ha suonato per Fondazione Premio Napoli (Teatro Mercadante), Centro di Musica Antica “Pietà de’Turchini” (Maggio dei Monumenti-Teatrino di Corte di Palazzo Reale), Amici della Musica di Trapani e di Modena, Musica Insieme di Bologna, Natura Déi Teatri e Festival Traiettorie di Parma, Civita Festival, Festival Musica e Filosofia di Maratea, Festival Time Zones di Bari, Festival Internazionale di Ravello, Ravenna Festival, Giovine Orchestra Genovese, Signal Festival, Festival di Salisburgo, Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano, Festival Est-Ovest di Torino, Festival Urticanti, collaborando con musicisti quali Michel Godard, Cristina Zavalloni, Enrico Baiano, Markus Stockhausen, Agostino di Scipio, Jim Pugliese, Stefano Scodanibbio, Alvin Curran, Marco Angius, Giorgio Battistelli, Marc Ribot, Adam Rudolph, David Ryan, Gianni Trovalusci, Evan Parker.
Tra le produzioni discografiche si segnalano una monografia sulla musica da camera di Hans Werner Henze e un doppio ritratto Dallapiccola-Petrassi (Mode Records).
In occasione del ventesimo anniversario di Dissonanzen, nel 2013 è uscito per Die Schachtel un box di 5 cd che presenta una panoramica esauriente sull’attività del gruppo nel campo dell’improvvisazione. Entro dicembre 2018, l’etichetta Black Sheep Power Desco Music pubblicherà la registrazione live del concerto tenuto nel 2014 da Dissonanzen in collaborazione con il grande sassofonista britannico Evan Parker.
Nell’ottobre 2018, Dissonanzen ha preso parte all’allestimento di Parole e Musica, capolavoro radiofonico di Samuel Beckett e Morton Feldman, prodotto da Teatri Uniti con la regia di Andrea Renzi, la cui registrazione è stata trasmessa da Rai RadioTre.

Questa voce è stata pubblicata in Prima del concerto e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.