Giovedì 25 ottobre si apre l’Autunno Musicale della Nuova Orchestra Scarlatti nella Sala Scarlatti del Conservatorio di “San Pietro a Majella”

La Nuova Orchestra Scarlatti, che proprio quest’anno compie 25 anni, terrà il concerto inaugurale del suo nuovo Autunno musicale giovedì 25 ottobre 2018 (ore 20.30) in un luogo emblematico per la musica e la cultura a Napoli: la Sala Scarlatti del Conservatorio San Pietro a Majella, con un ricco programma musicale – Hindemith, Piazzolla, Šostakovič, la Terza Sinfonia di Schubert – e la partecipazione di due giovani eccellenze italiane di rilievo internazionale: sul podio della Nuova Scarlatti ancora una volta la ventottenne lucchese Beatrice Venezi, che tra tanti prestigiosi riconoscimenti è annoverata da Forbes fra i 100 under 30 emergenti d’Italia; e poi, nel ruolo di violino di spalla e di solista, Daniela Cammarano, salernitana di origine, che ha imbracciato il suo strumento a quattro anni ed ha girato l’Italia e il mondo come concertista, camerista e prima parte nelle principali orchestre, dalla Francia all’Argentina, dalla Germania al Giappone, dall’Olanda agli Stati Uniti.

Il Programma

Si parte con i dinamici Cinque pezzi per archi dall’op. 44 di Paul Hindemith, uno dei grandi del ‘900 musicale, si prosegue con Invierno porteño, tra le pagine più amate di Astor Piazzolla, poi con gli ironici e deliziosi Cinque pezzi per due violini e archi di Dmitri Šostakovič: gli archi qui sostituiscono il pianoforte della versione originaria, in una trascrizione ad hoc di Leo Cammarano, e al secondo violino, accanto a Daniela Cammarano, troveremo la giovanissima napoletana Chiara Rollini, spalla dell’Orchestra Scarlatti Junior.
Si chiude in bellezza con un felice capolavoro giovanile di Franz Schubert, la Terza Sinfonia in re maggiore.

La Rassegna

La Sala Scarlatti del Conservatorio sarà sede anche di buona parte dei successivi appuntamenti della rassegna, nell’ambito della nuova collaborazione tra la Nuova Orchestra Scarlatti e la Direzione del Conservatorio partenopeo (varata giovedì 18 ottobre con un applauditissimo concerto sinfonico di oltre 80 giovanissimi componenti dell’Orchestra Scarlatti Junior), collaborazione che va ad aggiungersi alla partnership con l’Università Federico II, alimentando un circolo virtuoso fra cultura, formazione e attività concertistica tutto rivolto ai giovani.

Prossimi appuntamenti, ciascuno con il suo particolare motivo di interesse: sabato 3 novembre (ore 19.00), Omaggio a Mario Pilati, il grande compositore partenopeo scomparso 80 anni fa; sabato 17 novembre (ore 18.00), presso la Chiesa dei SS. Marcellino e Festo un prezioso programma di Vespri nella Roma barocca a cura dell’ensemble Festina Lente diretto da Michele Gasbarro; venerdì 23 novembre (20.30) si torna al Conservatorio con un programma di musiche del XX e XXI secolo e la presenza dell’illustre violista francese Christophe Desjardins, dirige Carlo Goldstein; mercoledì 12 dicembre (20.30), Omaggio a Sergio Fiorentino, il grande pianista napoletano scomparso 20 anni fa, con sue trascrizioni originali per la tastiera da Bach, Schubert, Schumann, Fauré, Brahms, Mahler, R. Strauss eseguite da Mario Coppola; appuntamento conclusivo mercoledì 19 dicembre (ore 20.30) con un concerto di musiche di Mozart e due prestigiosi solisti di origine napoletana, il violinista David Romano e il violista Raffaele Mallozzi, protagonisti nella Sinfonia concertante per violino, viola e orchestra K 364.

Autunno musicale – Informazioni utili

Costo biglietto: € 14,00

Abbonamento ai 6 concerti della rassegna: € 48,00     
Abbonamento a 3 concerti della rassegna a scelta: € 30,00 
Gli abbonamenti sono prenotabili su info@nuovaorchestrascarlatti.it

Info
biglietti e abbonamenti:
081.2535984
info@nuovaorchestrascarlatti.it
www.nuovaorchestrascarlatti.it

Acquisto biglietti: presso i punti vendita ticketOnLine e su www.azzurroservice.net, e da un’ora prima del concerto al botteghino adiacente al Conservatorio.

Ufficio Stampa
Enrico Parolisi: en.parol@gmail.com
Gloria Esposito: gloria.esposito@livecode.it

_______________________________________________________

giovedì 25 ottobre – ore 20.30
Sala Scarlatti Conservatorio San Pietro a Majella

Musiche di D. Šostakovič, A. Piazzolla, P. Hindemith, F. Schubert
violino, Daniela Cammarano
Nuova Orchestra Scarlatti
direttore, Beatrice Venezi

Daniela Cammarano
Daniela Cammarano, originaria di Camerota (SA) e figlia d’arte (il padre Vincenzo è clarinettista e direttore d’orchestra) ha imbracciato il violino all’età di 4 anni. Allieva del M.° Gigino Maestri, si è diplomata con il massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio di Milano e ha intrapreso una poliedrica carriera di solista, camerista e prima parte in prestigiose orchestre, in Italia, Francia, Svizzera, Portogallo, Germania, Olanda, Svezia, Romania, Giappone, Argentina, USA.
Collabora con musicisti quali P. Gulda, S. Gazeau, G. Pieranunzi, F. Fiore, A. Carbonare, G. Geminiani, F. Polidori, C. Radic, G. Andaloro, S. Braconi, B. Canino, E. Bronzi.
Dal 2007 suona in organismi quali l’Orchestra Sinfonica della RAI di Torino, l’Orchestra del Teatro di San Carlo di Napoli, l’Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma, l’Orchestra del Teatro la Fenice di Venezia, l’Orchestra del Teatro della Scala e la Filarmonica della Scala, e si è esibita come solista con l’Orchestra Filarmonica di Sibiu e la Botosani Philharmonic Orchestra (Romania), i Solisti Aquilani e l’Orchestra Filarmonica del Conservatorio di Milano.
Nella sua attività cameristica, in qualità di secondo violino del Quartetto di Fiesole (2005-10), ha collaborato con artisti quali Pietro De Maria, Kostantin Bogino, Andrea Lucchesini, Andrea Nannoni, Oleksandr Semchuk, Danilo Rossi.
Dal 2009 suona regolarmente con il pianista Alessandro Deljavan, con il quale incide per la case discografiche Brilliant Classics ed Aevea.
La Rivista Suonare News ha pubblicato nel gennaio 2017 un CD del Duo con le sonate di Elgar e Franck.
Di notevole rilievo è stato il progetto Beethoven Experience che ha visto il Duo Cammarano/Deljavan, insieme alla violinista Victoria Mullova, eseguire l’integrale delle Sonate di Beethoven.
È docente di violino presso il Conservatorio Statale di Musica ‘A. Scontrino’ di Trapani.

Beatrice Venezi
Beatrice Venezi, nata a Lucca nel 1990, diplomata in Pianoforte sotto la guida del M.° Capelli, si è perfezionata con i Maestri Lucchesini, De Maria e Balzani.
Ha studiato Composizione con il M.° Giani Luporini e Direzione d’orchestra con i Maestri Bellugi a Firenze, Gelmetti presso l’Accademia Chigiana di Siena e Parisi presso il Conservatorio “G. Verdi” di Milano.
Ha eseguito prime assolute di compositori italiani.
Ha pubblicato saggi di musicologia.
Ha diretto orchestre quali I Pomeriggi Musicali di Milano, l’Orchestra Bulgaria Classic, l’Orchestra e il coro del Teatro Bolshoi di Minsk.
Nel 2015 è stata insignita del “Premio Donna 8 Marzo – La Musica per la Vita” dall’Associazione ASSAMI – Amici del Conservatorio di Milano.
Nel giugno 2016 è stata nominata Assistant Conductor della State Youth Orchestra of Armenia.
Nel luglio 2016 ha debuttato con vivo successo di pubblico e di critica al Festival Puccini di Torre del Lago con la Turandot di Ferruccio Busoni; per lo stesso Festival nel 2017 ha diretto La Rondine del centenario.
Nel marzo 2018 l’autorevole rivista Forbes l’ha inserita tra i 100 under 30 emergenti d’Italia.
Dal 2014 collabora con la Nuova Orchestra Scarlatti.

Questa voce è stata pubblicata in Prima del concerto e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.