Giovedì 11 ottobre la stagione 2018-2019 dell’OPV si apre con Beethoven, Schubert e una “prima” assoluta di Claudio Ambrosini dedicata al centenario della fine della Prima Guerra Mondiale

Sembra che all’origine della parola tempo ci sia un antico verbo che significava tagliare.
E in fondo la percezione del tempo è come la sensazione di tanti tagli nel continuo delle cose: visione di onde regolari che solcano un mare calmo.
Ma quando i tagli si moltiplicano senza ordine, quando l’acqua inizia ad agitarsi e a bollire, la parola tempo non basta più: nasce tempesta, che è come una sua intensificazione.
È proprio “Tempi e tempeste” il titolo della stagione di quest’anno, che si apre con il concerto di giovedì 11 ottobre, alle ore 20.45, all’Auditorium Pollini .
Una stagione che vuole indagare le connessioni della musica, l’arte di disporre i suoni nel tempo, con i tagli e le asperità del tempo della storia e della vita.
Con particolare attenzione a quei momenti in cui l’ordine viene meno e il tempo se ne va fuori controllo.
Il programma di questa serata inaugurale copre tre ambiti che rappresentano bene le molteplici vocazioni dell’Orchestra di Padova e del Veneto: la musica contemporanea, il repertorio per strumento e orchestra e il repertorio sinfonico.
Tutti e tre nelle corde del direttore ospite Giordano Bellincampi, musicista italiano cresciuto e formatosi in Danimarca.
Molto richiesto in tutto il mondo, Bellincampi dirige regolarmente in tutta Europa, in Nordamerica, in Asia e in Nuova Zelanda ed è stato per molto tempo direttore musicale e artistico dell’Opera Nazionale Danese.
Fra le molte cesure che hanno segnato la storia recente, la Prima Guerra Mondiale occupa un posto di primo piano.
Ha scompigliato l’ordine delle nazioni, ha sconvolto o sradicato le vite di più generazioni e ha posto le basi per la Seconda, a cui si deve l’assetto attuale del mondo.
Nel centenario della sua fine l’OPV intende ricordarla con una composizione nuova, che è anche un’indagine sulla capacità della musica di riflettere la guerra e di interpretarla.
Si tratta di Aria della battaglia di Claudio Ambrosini, brano commissionato dall’OPV ed eseguito in prima assoluta.
Il lavoro di Ambrosini, autore veneziano vincitore del Leone d’Oro alla musica del presente, muove dal desiderio di dialogare con l’antica forma musicale della battaglia, frequentata da compositori del ‘500 e del ‘600 come Andrea Gabrieli, Orazio Vecchi e Claudio Monteverdi, e di rileggerla alla luce del modo in cui la guerra è cambiata nel XX secolo e ai giorni nostri.
Inizialmente il progetto prevedeva di rifarsi all’Aria della Battaglia di Andrea Gabrieli, ma Ambrosini – durante le sue ricerche all’Archivio della Fondazione Cini di Venezia – ha riscoperto una coeva Aria della Battaglia di Annibale Padovano: un brano in qualche modo legato alla nostra città e in cui, per di più, al compositore è parso di scorgere scarti e ruvidezze “che lo potrebbero in qualche modo collegare al linguaggio diretto e crudo di un Ruzante”.
Di quel brano Ambrosini ha realizzato una nuova orchestrazione, per annettervi poi una sorta di prolungamento in grado di parlare dei nuovi modi del conflitto armato, e in particolare della desolazione totale che la guerra moderna, nucleare, chimica, batteriologica, può lasciare dietro di sé.

A seguire verranno eseguiti due lavori estremamente impegnativi del repertorio romantico, il Concerto n. 4 per pianoforte e orchestra in sol maggiore di Beethoven e la Sinfonia n. 8 in do maggiore “La grande”  di Schubert.
Il contrasto drammatico fra gesti contrastanti, anima del linguaggio beethoveniano, nel Concerto n. 4 viene spinto fino a temperature quasi insostenibili: siamo di fronte al più elaborato e «libero» dei concerti di Beethoven, un lavoro di derivazione quasi improvvisativa, ricchissimo di deviazioni, di isole, di cadenze «fuori posto» e di piccole tempeste, organizzato intorno al conflitto lacerante fra solista e orchestra del secondo movimento.
Una sorta di battaglia tra il pianoforte e tutti gli altri, in cui il ruolo del solista sarà interpretato da un pianista d’eccezione: Alessandro Taverna.
Veneziano, Taverna si è affermato a livello internazionale al Concorso Pianistico di Leeds nel 2009 con il Primo concerto di Chopin.
Da allora la sua carriera lo ha portato ad esibirsi in tutto il mondo nelle più importanti sale e stagioni musicali.
Nel 2012 ha ricevuto al Quirinale da Giorgio Napolitano il Premio Presidente della Repubblica.
Diversa, più molteplice e diffusa, è la tensione che anima la Sinfonia “La grande”, la più vasta delle sinfonie di Schubert, così impegnativa che il suo autore non poté mai sentirla eseguita.
C’è significato dappertutto”, commentò Schumann nel riscoprirla: ed è veramente un brano ricchissimo, nel corso del quale l’ascoltatore è naturalmente portato a sospendere il tempo della vita e a entrare in un tempo più denso e più teso, percorso da mille flussi tutti veicolati da cellule melodiche semplici i cui contrasti locali si allargano e sviluppano fino alle estreme conseguenze: fino alla grande tempesta finale.

Il concerto sarà anticipato dalla prova generale aperta al pubblico alle ore 10.30 e da una introduzione all’ascolto con i protagonisti della serata alle ore 19.45, sempre in Auditorium Pollini.

La campagna abbonamenti per la Stagione 2018/2019 prosegue fino al 10 ottobre presso gli uffici della Fondazione OPV (via Marsilio da Padova, 19, ore 10-17).

Tre le proposte: ciclo intero (12 concerti a 180€) e cicli parziali (7 concerti a 120€, nelle due serie blu e verde), con una riduzione speciale per gli Under 35 che potranno seguire tutta la Stagione a soli 50€.

La Stagione concertistica è realizzata con il sostegno del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, della Regione del Veneto, del Comune di Padova e di Fondazione Antonveneta.

Biglietti singoli
53a Stagione concertistica: da 8 a 25 Euro
Prove generali: da 3 a 8 Euro

In vendita online su www.opvorchestra.it (solo biglietti interi), da una settimana prima del concerto presso Gabbia Dischi (via Dante, 8) e al botteghino dell’Auditorium la sera del concerto dalle ore 20.00.

T 049 656848 · 656626
info@opvorchestra.it
www.opvorchestra.it

Ufficio Stampa
Studio Pierrepi
Alessandra Canella Padova
Cell: 348-3423647
opvorchestra@studiopierrepi.it
www.studiopierrepi.it

Questa voce è stata pubblicata in Prima del concerto e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.