Mercoledì 6 giugno il ciclo “La Stagione del barocco” della Associazione Alessandro Scarlatti si chiude con lo ScarlattiLab barocco

Foto Giovanni Caiazzo

Mercoledì 6 giugno, nella Chiesa dei SS. Marcellino e Festo (Largo San Marcellino, 10 – Napoli), alle ore 19.30, concerto conclusivo della seconda edizione della rassegna “La Stagione del barocco” con una nuova produzione dello ScarlattiLab barocco, innovativo fiore all’occhiello della Associazione Alessandro Scarlatti che persegue il doppio obiettivo di riscoprire lo straordinario patrimonio culturale immateriale della musica composta tra XVI e XVIII secolo, e di sostenere la giovane creatività emergente.
Negli anni hanno partecipato a questi laboratori oltre cento musicisti tra studenti di Napoli e altri Conservatori (Bari, Cosenza, Palermo, Verona) docenti interni e prestigiosi tutor.

Siamo giunti all’ottavo anno dell’esaltante esperienza di ScarlattiLab, il percorso didattico-professionale nel campo della musica antica che conduciamo presso l’Associazione Alessandro Scarlatti insieme al Conservatorio di Napoli (Dipartimento e Master di Musica Antica) con la direzione di Antonio Florio e miaspiega Dinko Fabris, – e con il coinvolgimento di altri Conservatori italiani. I due Laboratori dell’anno 2018 sono dedicati a due personalità eccezionali della storia della musica italiana del Seicento, Luigi Rossi (che ascolteremo stasera), e Bernardo Pasquini (al Mann il 5 luglio), esplorate attraverso la loro produzione di arie e cantate in due fasi distinte del secolo ma per un comune ambiente di committenza: la Roma dei cardinali.

Luigi Rossi, “musico di tre corti” secondo il titolo del progetto, appartiene a quella lunga schiera di musicisti pugliesi che studiarono a Napoli presso le istituzioni musicali cittadine e conseguirono poi i più grandi successi a livello europeo.
Fu al servizio di Marcantonio Borghese e successivamente del Cardinale Antonio Barberini a Roma; nel 1646 fu chiamato da Mazzarino a Parigi dove gli fu commissionata per il Palais-Royal l’opera Orfeo, che fu rappresentato nel 1647 con un successo straordinario. Le cantate di Rossi (ne scrisse 250!) sono territorio di ardite sperimentazioni formali, e rappresentano un vero e proprio laboratorio di espedienti musicali atti a ricostruire, attraverso lo stretto rapporto tra testo e musica, una vera e propria drammaturgia in miniatura, e, per questo motivo, sono ottimo territorio di lavoro e di studio per giovani musicisti che si avvicinano alla retorica e lo stile della musica vocale barocca.

Biglietti unico: 8 Euro, in vendita un’ora prima del concerto.

Per informazioni:
www.associazionescarlatti.it
info@associazionescarlatti.it
Infoline: 081 406011

________________________________________________________

Mercoledì 6 giugno 2018 – Chiesa dei SS. Marcellino e Festo – ore 19.30

Luigi Rossi Musico di tre corti: Napoli – Roma – Parigi

ScarlattiLab Barocco
Federica Altomare, Esther Facchini, Giuseppina Perna: soprani
Leopoldo Punziano: tenore
Luigi Trivisano: cembalo
Ugo Di Giovanni, Pierluigi Ciapparelli: tiorbe

Direzione musicale di Antonio Florio
Direzione artistica di Antonio Florio e Dinko Fabris
In collaborazione con il Dipartimento di musica antica del Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli

Programma

Luigi Rossi (1597/1598 – 1653)
“Chi può resister” a 2 voci
“Che più far degg’io” a 2 voci
“Speranze sentite” a 2 voci
“E che pensi mio core” a 2 voci
“Mio ben teco’l tormento” a voce sola

Michelangelo Rossi (1601/2 – 1656): Toccata VI per cembalo

Luigi Rossi
“Sì o No” a 2 voci
“Oh gradita libertà” a 2 voci
“Che pretendete begli’occhi da me” a 2 voci
“Due labbra di rose” a 2 voci
Passacaglia (rev. Franco Pavan)
“Gelosia cantata” a voce sola
“Io mi glorio esser amante” a 3 voci

Questa voce è stata pubblicata in Prima del concerto e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.