Venerdì 25 maggio a Roma la violoncellista Silvia Chiesa presenta l’ultimo suo cd che completa la Trilogia del Novecento Italiano

La violoncellista Silvia Chiesa presenterà venerdì 25 maggio 2018, alle ore 17.00, a Roma, Villa Torlonia, il suo nuovo CD che completa la Trilogia del Novecento Italiano, realizzata per Sony Classical.

L’album contiene, per la prima volta insieme, i Concerti per violoncello e orchestra di tre grandi compositori italiani a lungo ingiustamente dimenticati: il fiorentino Mario Castelnuovo-Tedesco (di cui nel 2018 ricorre il 50° anniversario della morte, 1895-1968, prima registrazione italiana), il veneziano Gian Francesco Malipiero (1882-1973) e il milanese Riccardo Malipiero (1914-2003, prima registrazione mondiale). Tutti italiani gli interpreti: oltre a Silvia Chiesa, l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai e il direttore milanese Massimiliano Caldi.

Nel corso dell’incontro Piero Rattalino, uno dei massimi musicologi italiani, delineerà un ritratto di questi compositori, autori di un vasto repertorio strumentale che merita di essere conosciuto.

Accompagnata dal pianista Yevgeni Galanov, Silvia Chiesa farà ascoltare dal vivo alcuni estratti dell’album.
La violoncellista condividerà poi con il pubblico aneddoti e curiosità sui tesori musicali nascosti in cui si è imbattuta nel corso delle sue ricerche, che hanno già dato vita a due fortunati CD – sempre per Sony e con l’OSNR – dedicati a Nino Rota, Ildebrando Pizzetti, Alfredo Casella e Ottorino Respighi.

Da musicista e da cittadina italiana – ha dichiarato Silvia Chiesa – ho sempre sentito l’esigenza di conoscere meglio il repertorio per il mio strumento. Dopo lunghe e approfondite ricerche ho scoperto che tra gli autori del Novecento ci sono molte splendide musiche ancora sconosciute di autori che non sono stati adeguatamente considerati. Il primo a colpirmi è stato Nino Rota: apprezzato a livello internazionale per le colonne sonore (premio Oscar nel 1975 per “Il padrino – parte II” di Coppola), ma ignorato come autore di musica colta, perfino in Italia. Mi ha entusiasmata Mario Castelnuovo-Tedesco: del grande maestro fiorentino era nota quasi soltanto la produzione per chitarra. Invece egli ha composto ben 200 numeri d’opera per tutti gli strumenti, musica vocale da camera, oratori, teatro musicale: davvero un gigante. Finalmente in occasione dell’anniversario del 2018 questo magnifico compositore sta ottenendo i riconoscimenti che avrebbe meritato in vita. Anche i Concerti per violoncello e orchestra di Riccardo e di Gian Francesco Malipiero sono due gioielli: mi auguro che questa registrazione contribuisca alla diffusione che meritano».

L’evento è organizzato all’interno della stagione artistica di Roma Tre Orchestra ed è a ingresso libero.

Info:
orchestra@uniroma3.it
392 0244701
.

Questa voce è stata pubblicata in Dal mondo della musica e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.