Giovedì 19 aprile la stagione in abbonamento della Associazione Alessandro Scarlatti si chiude con il concerto del duo formato da Massimo Quarta e Stefania Redaelli

Giovedì 19 aprile 2018, alle ore 20.30, al Teatro Sannazaro concerto conclusivo della Stagione Concertistica della Associazione Alessandro Scarlatti, con il prestigioso recital del violinista Massimo Quarta, che con la pianista Stefania Readaelli, eseguirà un programma di brani del primo Novecento con le Sonate di Ravel, Bartók e Poulenc.

Massimo Quarta è stato protagonista per la Associazione Scarlatti di tante serate memorabili: oltre ad essere tra i più assidui partecipanti alle Serate di Musica d’Insieme di Villa Pignatelli, ha realizzato l’esecuzione integrale dei concerti per violino e orchestra di Paganini (su questa esperienza ha poi scritto a quattro mani con il musicologo Alberto Cantù il saggio “Il caso Paganini”, edito nel 2005 nella collana “I Quaderni della Associazione Scarlatti”) e successivamente nel 2007 le esecuzioni integrali dei Capricci di Paganini e delle Sonate e Partite di Bach.
Le sue interpretazioni, specie quelle dedicate a Niccolò Paganini, sono considerate degli autentici punti di riferimento e le relative registrazioni discografiche hanno conseguito premi prestigiosi; la sua propensione all’approfondimento di tutti gli aspetti che offre la partitura e di un discorso musicale più unitario, lo ha portato recentemente ad affiancare alla sua intensa attività di solista quella di direttore d’orchestra.
Dopo i successi al Musikverein di Vienna e al Concertgebouw di Amsterdam, nel 2017 è diventato prima direttore stabile e poi direttore artistico della Orquesta Filarmónica de la UNAM di Città del Messico.
“Credo molto nei giovani, per l’OFUNAM, e per me è una priorità il fatto che vengano coinvolti, che vengano a vedere le prove e i concerti; sarà una sfida”, ha detto in occasione dell’insediamento come direttore artistico.

Costo del biglietto
Intero Platea e palchi I fila: 18 Euro
Intero Palchi II e III fila: 13 Euro
Ridotto (fino a 30 anni): 13 Euro
Last minute (fino a 25 anni, da 1 ora prima del concerto): 5 Euro

Per informazioni:
www.associazionescarlatti.it
info@associazionescarlatti.it
Infoline: 081 406011

________________________________________________________

Giovedì 19 aprile, ore 20.30 – Teatro Sannazaro (Napoli)

Massimo Quarta, violino
Stefania Redaelli, pianoforte

Programma

Francis Poulenc (1899-1963): Sonata per violino e pianoforte alla memoria di Federico García Lorca

Maurice Ravel (1875 – 1937): Sonata in sol maggiore per violino e pianoforte

Béla Bartók (1881 – 1945): Sonata n.1 per violino e pianoforte Sz 75

Massimo Quarta
Ha iniziato lo studio del violino a undici anni presso il Conservatorio Tito Schipa di Lecce, proseguendo poi i suoi studi con Beatrice Antonioni al Conservatorio Santa Cecilia di Roma.
Successivamente si è perfezionato con Salvatore Accardo, Ruggero Ricci, Pavel Vernikov e Abram Shtern.
Vincitore di numerosi concorsi – I Premio “Città di Vittorio Veneto” 1986, I Premio “Opera Prima Philips” 1989 – nel 1991 ha vinto il I Premio al prestigioso Concorso Internazionale di Violino “N. Paganini” di Genova.
Lo straordinario successo ottenuto da questo importante riconoscimento lo ha portato ad esibirsi per le più prestigiose istituzioni concertistiche suonando a Berlino (Philharmonie), Parigi (Salle Pleyel, Théâtre du Châtelet), Monaco di Baviera (Philharmonie am Gasteig), Francoforte (Alte Oper), Duesseldorf (Tonhalle), Tokyo (Metropolitan Art Space, Bunka Kaikan), Warsaw Warsaw Philharmonic), Moscow (Great Hall of the Conservatory), Milano (Teatro alla Scala), Roma (Accademia di Santa Cecilia), Torino ( Auditorium del Lingotto) con direttori come Yuri Temirkanov, Myun Wun Chung, Christian Thielemann, Daniele Gatti, Daniel Harding, Vladimir Yurowsky, Aldo Ceccato, Vladimir Spivakov, Isaac Karabtvchevsky, Daniel Oren.
Presto considerato come uno dei più importanti violinisti della sua generazione, è stato ospite di alcuni tra i maggiori festival come Stresa, Napoli, Città di Castello, Kuhmo, Bodensee, Kfar Blum, Berliner Festwochen, Sarasota, Ravenna, Lione, Potsdam, Spoleto, Ljubjana ed il Lockenhaus “Kammermusikfest” di Gidon Kremer.
Alla sua intensa attività solistica, Massimo Quarta ha affiancato quella di direttore d’orchestra, dirigendo orchestre come la Royal Philharmonic Orchestra, l’Orchestra Filarmonica di Malaga, i Berliner Symphoniker, la Netherland Symphony Orchestra, l’Orchestra della Svizzera Italiana OSI, l’Orchestra Sinfonica di Sønderborg (Danimarca), l’Orchestra del Teatro “Carlo Felice” di Genova, I Pomeriggi Musicali di Milano, l’Orchestra di Padova e del Veneto, la Fondazione “A. Toscanini”, l’Orchestra Haydn di Bolzano, l’Orchestra da Camera dell’Accademia di S. Cecilia, presso importanti istituzioni musicali quali Unione Musicale di Torino, Serate Musicali di Milano, Associazione Scarlatti di Napoli, Philharmonie am Gasteig di Monaco di Baviera, Konzerthaus di Berlino e Rudolphinum di Praga.
Ha debuttato al Musikverein di Vienna come solista e direttore con la Philharmonia Wien e al Concertgebouw di Amsterdam dirigendo la Netherland Symphony Orchestra.
Ha registrato come direttore con la Royal Philharmonic Orchestra i Concerti di Mozart per due e tre pianoforti.
Dal 2003 al 2005 ha ricoperto la carica di Solista e Direttore Principale dell’Orchestra dell’Istituzione Sinfonica Abruzzese e dal 2006 al 2008 è stato Direttore Artistico Musicale dell’Orchestra della Fondazione I.C.O. “Tito Schipa” di Lecce.
E’ attualmente Direttore Artistico Musicale dell’Orchestra Filarmonica de la UNAM (OFUNAM) di Città del Messico.
A Massimo Quarta sono stati conferiti il Premio Internazionale “Foyer Des Artistes” ed il “Premio Internazionale Gino Tani per le Arti dello Spettacolo”.
Ha inciso per la Philips, per la Delos le “Quattro Stagioni” di A. Vivaldi con l’Orchestra da Camera di Mosca, i 24 Capricci di Paganini per la casa inglese Chandos, per la Dynamic un CD con musiche di N. Paganini, e, sempre di Paganini, l’integrale dei 6 Concerti per violino ed orchestra in versione autografa come violinista e direttore, integrale considerato “vera e propria pietra miliare per tutti gli appassionati del violino” (Il Giornale della Musica).
Sempre per la Dynamic, nella veste di solista e direttore con l’Orchestra “Haydn” di Bolzano, sono stati pubblicati i Concerti n. 4 e n- 5 di H. Vieuxtemps.
L’aspetto rivoluzionario dato alla rilettura del repertorio paganiniano ha conquistato il pubblico ed ha ottenuto ampi consensi dalla stampa internazionale (Premio CHOC di “Le Monde de la Musique”), assegnandogli un posto d’onore tra i più insigni violinisti (The Strad) e definendolo “la personificazione dell’eleganza” (American Record Guide).
Massimo Quarta è docente di violino al Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano (Musikhochschule).
Suona un violino G. A. Rocca del 1840.

Stefania Redaelli
Diplomata con il massimo dei voti presso il Conservatorio di Milano sotto la guida di Ernesto Esposito, ha studiato anche con Bruno Canino, Murray Perahia, Paolo Borciani (Quartetto Italiano), Dario De Rosa e Norbert Brainin (Quartetto Amadeus). Assistente ai corsi di Salvatore Accardo, Rocco Filippini, Franco Gulli, Yo-Yo Ma, Victor Tretiakov, Lucas Hagen, Asier Polo e Boris Belkin (accademia Chigiana, fondazione Stauffer Cremona, Garda Lake Music Festival…).
Docente di musica da camera al Conservatorio di Vicenza e docente di pianoforte presso l’Accademia di Alto Perfezionamento di Sacile.
Ha inciso per Warner, Warner-Fonit Cetra, Dynamic, Brilliant, Stradivarius, Ricordi e Bottega Discantica, in quest’ultimo cd anche in veste di direttore.
Come solista si è esibita con le orchestre della RAI di Milano, dei Pomeriggi Musicali e dell’Angelicum di Milano, con l’Orchestra Sinfonica di Sanremo e l’Orchestra da Camera di Padova.
Ha suonato con musicisti di fama internazionale tra i quali Salvatore Accardo, Mario Brunello, Massimo Quarta, Sergej Krilov, Lucas Hagen, Cecilia Bartoli, Bruno Giuranna, Domenica Nordio, Marco Rizzi, Fabrizio Meloni, Danilo Stagni, Edoardo Zosi, Antony Pay, Rocco Filippini, Alain Meunier, Victor Tretiakov, Sonig Tchakerian, in prestigiosi teatri ed Associazioni come il Teatro alla Scala di Milano, Schauspielhaus di Berlino, il Teatro San Carlo di Napoli, il Regio di Parma, il Ponchielli di Cremona, il Bibiena di Mantova, Il Festival di Stresa, Unione Musicale di Torino, Serate Musicali di Milano, la Biennale di Venezia, Festival MITO, I Concerti di Radio3 (Concerti al Quirinale, Radio3 Suite), alla IUC di Roma, l’Accademia Chigiana di Siena, Wigmore Hall di Londra, Boston Symphony Hall, il Museo Glinka di Mosca, Cemat Resit di Istanbul, l’Università di Singapore…..
Suona in duo pianistico con Maria Grazia Bellocchio dal 1980.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Prima del concerto e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.