Sabato 17 febbraio quinto appuntamento con la stagione dell’Orchestra Filarmonica Campana nel segno della famiglia Mozart

Torna protagonista, sabato 17 febbraio, alle ore 21.00, nella Cupola del Teatro Comunale S. Alfonso di Pagani, il sinfonismo di Wolfgang Amadeus Mozart.
Quinto appuntamento della Stagione Concertistica 2017-2018 “Prospettive”, il concerto vede protagonisti praticamente quasi tutte le prime parti dell’Orchestra Filarmonica Campana, Giovanni Borriello (oboe), Sabato Morretta (clarinetto), Ugo Montenigro (fagotto), Christian di Crescenzo (corno), Raffaele Alfano (tromba), Giancosimo Smaldone (primo violino) e Natale Atripaldi (viola) diretti dal maestro Giulio Marazia.
Il programma scelto per questo concerto prevede l’esecuzione delle due Sinfonie Concertanti: quella per fiati KV 297b e l’altra per archi KV 364, entrambe nella tonalità di mi bemolle maggiore, di Wolfgang Amadeus Mozart.
Completa il programma il Concerto per tromba e orchestra in re maggiore del padre del genio salisburghese, Leopold Mozart.
Dopo il concerto di settembre scorso, sempre dedicato a Mozart, dove si affrontavano alcune composizioni appartenenti al periodo maturo, questa volta viene proposto un periodo artistico giovanile con brani che dimostrano una certa aspirazione alla felicità e alla pienezza interiore.
La musica delle due sinfonie concertanti è piena di vita e di speranza e presenta una grande ricchezza tematica.
Composte entrambe tra il 1778 e il 1779 sono le creazioni più ambiziose e perfette di questo periodo, con uno stile serio ed elevato caratterizzato da ampie architetture e profondità di espressione.
Nell’epoca dello stile galante, quando la musica doveva essere soprattutto piacevole, leggera ed elegante, la Sinfonia concertante consentiva di incrociare Sinfonia e Concerto, alleggerendo il serioso stile sinfonico con le divagazioni brillanti e virtuosistiche dello stile concertante.
La musica di Leopold Mozart, invece, è, inevitabilmente, oscurata dalle opere del figlio Wolfgang Amadeus, ma la sua Sinfonia dei Giocattoli è tuttora popolare, così come numerose sinfonie, e il concerto per tromba.
Nelle sue composizioni era particolarmente influenzato da immagini naturalistiche: ne sono un esempio la Sinfonia da Caccia per quattro corni ed archi, e la Bauernhochzeit, che include cornamuse, ghironde, un dulcimer, whistles e colpi di pistola.
La sua produzione fu copiosa, ma è difficile stabilirne la qualità, perché molta è andata perduta o attribuita a Wolfgang (e viceversa), cosicché è anche difficile stabilire quanto ciò che rimane sia rappresentativo dell’attività di Leopold.

Tornando ai lavori di Wolfgang, la Sinfonia Concertante per oboe, clarinetto, corno, fagotto e orchestra fu scritta “in grandissima fretta” per quattro valenti musicisti amici di Mozart, tutti appartenenti alla cerchia di Mannheim ma, per circostanze poco chiare, non venne eseguita e disparve dal programma.
La forma e lo spirito del lavoro sono assai liberi mentre gli effetti solistici sono in realtà assai curati, come senz’altro dovevano esigere i quattro virtuosi della “prima orchestra del mondo” quella di Mannheim, ai quali l’opera era destinata.
Di fatto la Sinfonia concertante è divenuta un’opera fondamentale nel repertorio dei migliori solisti di fiati, che vi hanno modo di far brillare la propria abilità combinandosi variamente in un filo ininterrotto di soluzioni musicali che vanno dal tono lirico a quello giocoso, sostenute sempre dal trasparente e avvolgente tessuto connettivo di un’orchestra elegante e raffinata.
Con la Sinfonia Concertante per violino e viola in mi bemolle maggiore K. 364, ritroviamo Mozart impegnato in un genere compositivo che, per molti versi, appare ancora legato al passato, alla prassi barocca e pre-classica dei Concerti per più strumenti.
La costruzione nitida ed essenziale del Concerto barocco si prestava infatti in modo eccellente al dialogo e alla collaborazione fra più strumenti.
Peculiare del brano è innanzitutto il rapporto fra i due solisti, conflittuale (nella loro serrata contrapposizione) e insieme solidale (nella cantabilità belcantistica per terze e seste); proprio per ottenere una maggiore penetrazione del suono della viola Mozart prescrive che lo strumento sia accordato un semitono più alto.
Altro elemento imprescindibile della partitura è l’importanza dell’orchestra; grazie all’eloquenza dello stile orchestrale di Mannheim e al dominio di una concezione formale più articolata, ci troviamo di fronte a una composizione veramente “sinfonica”.

Segreteria Associazione Culturale e Musicale
Filarmonica Campana
Via Nicola Pagano n. 46 – Pagani (Sa)
info@filarmonicacampana.it
www.filarmonicacampana.it

Questa voce è stata pubblicata in Prima del concerto e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.