Sabato 20 e domenica 21 gennaio la stagione dei concerti del Teatro di San Carlo propone Il Castello del Principe Barbablù di Bartók e la Sinfonia n. 8 di Dvořák

Nel 1911, anno della sua prima opera teatrale e anche ultima creazione del suo periodo giovanile, Béla Bartók, che si era raramente dedicato al repertorio vocale, compone Il Castello del Principe Barbablù su testo di Béla Balázs.
Bisogna aspettare il 24 maggio del 1918 perché quest’opera in un atto sia diretta per la prima volta al Teatro dell’Opera di Budapest da Egisto Tango.
E fu proprio Tango – musicista di formazione cosmopolita – a comprenderne e a suggellarne la grandezza, consacrandolo a capolavoro non solo del repertorio operistico ungherese, ma di tutto il teatro musicale del Novecento.
Sabato 20 gennaio (ore 20.30, replica domenica 21, ore 18.00), Il castello del Principe Barbablù torna al Teatro di San Carlo dopo dieci anni di assenza dalle programmazioni, nell’interpretazione della grande Violeta Urmana e del baritono ungherese Gábor Bretz, finissimo interprete, diretto molte volte nel ruolo di Barbablù dai più celebri maestri tra cui Daniel Barenboim, Gustavo Dudamel, Ádám Fischer, Ed Gardner, Daniele Gatti, Valery Gergiev, Daniel Harding, Michele Mariotti e Esa-Pekka Salonen.
Sul podio, alla testa dell’Orchestra del San Carlo, il suo Direttore Musicale Juraj Valčuha.
Nella seconda parte del concerto, Valčuha e l’Orchestra del Teatro di San Carlo volteranno pagina con la Sinfonia n. 8 in Sol Maggiore, Op. 88 di Antonín Dvořák.
Composta in poco più di due mesi e diretta al suo debutto dall’Autore a Praga nel 1890, questa è una delle sinfonie più amate da Dvořák.
La Sinfonia n. 8 (Sinfonia n. 4) si caratterizza per l’estrema fluidità della tessitura musicale, per la bellezza delle linee melodiche, per la sapiente e brillante strumentazione che, insieme all’assenza di forti contrasti tematici e timbrici, ne fanno una composizione di grande eleganza formale.

Biglietti
da 15 euro (Under 30) Balletto e Concerti
da 25 euro (Under 30) Opera

Biglietteria
Aperta dal Lunedì al Sabato dalle 10 alle 17.30.
La Domenica dalle 10 alle 14.
Festività chiusa.

Nelle serate di spettacolo, la prevendita dei biglietti di altri eventi è sospesa a partire da un’ora prima dell’inizio della rappresentazione: in queste occasioni, un solo sportello sarà dedicato alla prevendita dei biglietti per altri eventi.
T +39 0817972331
@ biglietteria@teatrosancarlo.it

On-line
E’ possibile acquistare i biglietti per tutti gli spettacoli direttamente dal sito www.teatrosancarlo.it
Il pagamento avviene con carta di credito e, al termine del processo, è possibile ricevere i biglietti acquistati direttamente via e-mail in modalità print@home.

Per qualsiasi tipo di assistenza legata agli acquisti online è possibile contattare il numero 848 002 008 (operativo da lunedì a sabato dalle 9 alle 18) o inviare un’email all’indirizzo servizioclienti@geticket.it.

(Online sono disponibili esclusivamente biglietti a prezzo intero, salvo in caso di promozioni specifiche dedicate al canale online. I biglietti under30 e tutte le altre tipologie di biglietto ridotto si acquistano esclusivamente a sportello presentando un documento di riconoscimento in corso di validità).

T +39 0817972412
@ promozionepubblico@teatrosancarlo.it
.

Annalisa Rinaldi
Responsabile Comunicazione, Ufficio Stampa, Edizioni,
Archivio Storico e MEMUS
Fondazione Teatro di San Carlo
Tel. +39.081.7972.326
Fax +39.081.7972.306
Email: a.rinaldi@teatrosancarlo.it

________________________________________________________

Teatro di San Carlo – Stagione dei Concerti 2017-2018
Sabato 20 gennaio ore 20.30 – Domenica 21 gennaio 2018 ore 18.00

Béla Bartók: A kékszakállù herceg vára (Il castello del Principe Barbablù)
In forma di concerto
Su libretto di Béla Balázs da una fiaba di Charles Perrault.
Opera in un atto, Op.11, BB 62 (SZ 48).

Personaggi e interpreti
Barbablù, Gabor Bretz
Judith, Violeta Urmana

Antonin Dvořák: Sinfonia n. 8 in sol maggiore, Op. 88

Direttore: Juraj Valčuha
Orchestra del Teatro di San Carlo

Violeta Urmana
Nata in Lituania, Violeta Urmana è tra le più apprezzate interpreti del repertorio tedesco e italiano.
Inizia la carriera interpretando Kundry nel Parsifal e Eboli nel Don Carlo, e prosegue poi con le interpretazioni di Amelia in Un ballo in maschera, Elisabetta nel Don Carlo, Leonora ne La forza del destino, Lady Macbeth nel Macbeth, Odabella in Attila, e successivamente Aida, La Gioconda, Medea, Tosca, Norma, Iphigénie en Tauride e Ariadne auf Naxos, Brünnhilde in Siegfried, Sieglinde in Die Walküre.
È ospite regolare nei maggiori teatri d’opera di tutto il mondo come il Metropolitan di New York, il Teatro Real di Madrid, il Gran Teatre del Liceu di Barcellona, l’Opéra National de Paris, Deutsche Oper di Berlino, la Staatsoper di Vienna, il Teatro alla Scala di Milano, la Royal Opera House Covent Garden di Londra – e i festival di Bayreuth, Salisburgo, Aix-en-Provence, Edimburgo e il BBC Proms.
Lavora con direttori d’orchestra quali Claudio Abbado, Daniel Barenboim, Bertrand de Billy, Pierre Boulez, Semyon Bychkov, Riccardo Chailly, James Conlon, James Levine, Jesus Lopez Cobos, Fabio Luisi, Zubin Mehta, Riccardo Muti, Sir Simon Rattle, Donald Runnicles, Esa-Pekka Salonen, Franz Welser-Möst e Christian Thielemann.
Tra i suoi impegni più recenti Il trovatore all’Arena di Verona, Aida a Boston, Vienna, Verona e al Metropolitan Opera di New York, il Requiem di Verdi a Barcellona con la London Symphony Orchestra, Edipo Re a Stoccolma, Don Carlo a Valencia. Tra i progetti futuri citiamo Aida, Il trovatore e Un ballo in maschera al Teatro alla Scala di Milano, Il trovatore a Liegi, Oedipus Rex ad Amsterdam, Elektra ad Amburgo. Nel suo repertorio concertistico compositori come Mahler, Richard Strauss, Schoenberg, Berlioz, Wagner e Verdi eseguiti nelle più famose sale da concerto d’Europa, degli Stati Uniti d’America e del Giappone. Numerose registrazioni documentano la sua carriera: La Gioconda, Il trovatore, Oberto conte di San Bonifacio, Un ballo in maschera, Aida, La forza del destino, Macbeth, Don Carlo, Andrea Chenier, Siegfried, Parsifal, Cavalleria Rusticana, Requiem di Verdi, Das Lied von der Erde e Rückert-Lieder di Mahler, Maeterlinck-Lieder di Zemlinsky, La mort de Cléopâtre di Berlioz, il Castello di Barbablù di Bartók, Rossignol di Stravinskij, brani di Strauss, Berg, Liszt. Ha inoltre interpretato il ruolo di Kundry nel film di Tony Palmer “La ricerca del Santo Graal”.
Tra i numerosi premi e onorificenze ricevute ricordiamo il Royal Philharmonic Society Award a Londra, il titolo Österreichische Kammersängerin a Vienna, l’Ordine Commendatore della Stella d’Italia nel 2014 dal Presidente della Repubblica Italiana, Giorgio Napolitano.
Dalla sua terra d’origine riceve il premio “Granduca Gediminas di Lituania”, la laurea honoris causa dall’Università lituana di Musica e dal Teatro di Vilnius.

Gábor Bretz
Nato a Budapest Gábor Bretz inizia la sua formazione con Stephan Czovek a Los Angeles e con Albert Antalffy a Budapest.
Successivamente studia al Conservatorio Béla Bartók con Maria Fekete e all’Accademia di musica Franz Liszt con Sandor Solyom-Nagy, e ha vinto il Gran Premio Maria Callas nel 2005 ad Atene.
Dopo il diploma all’Accademia Franz Liszt, si esibisce regolarmente all’Opera di Stato Ungherese dove interpreta i ruoli del titolo in Mefistofele e Le nozze di Figaro, Leporello e il ruolo del titolo nel Don Giovanni, Banquo in Macbeth, Colline ne La bohème, Don Basilio ne Il barbiere di Siviglia, Escamillo in Carmen, Gurnemantz in Parsifal, Zaccaria in Nabucco, Orestes in Elektra e Landgraf in Tannhauser al Festival di Wagner sotto la direzione di Ádám Fischer a Budapest.
Altri impegni includono Escamillo in Carmen alla Bayerische Staatsoper, la Royal Opera House e il Metropolitan di New York; Colline ne La bohème alla Royal Opera House; Shaklovity in Khovanshchina all’Opera Nazionale Olandese; Philippe II nel Don Carlos con Renato Palumbo alla Staatsoper di Amburgo, in una produzione di Peter Konwitschny; e numerose rappresentazioni nel ruolo principale ne Il Castello di Barbablù con l’Orchestra Filarmonica di Helsinki, la Bayerische Rundfunk Orchestra e la New York Philharmonic con Daniel Barenboim, Gustavo Dudamel, Ádám Fischer, Ed Gardner, Daniele Gatti, Valery Gergiev, Daniel Harding, Michele Mariotti e Esa-Pekka Salonen.

Juraj Valčuha
Da ottobre 2016 Juraj Valčuha svolge l’incarico di Direttore Musicale del Teatro San Carlo di Napoli, nonché quello di Primo Direttore ospite della Konzerthaus Orchester di Berlino.
Juraj Valčuha è stato Direttore Principale dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai dal 2009 all’autunno 2016.
Nato a Bratislava, vi studia composizione e direzione, prosegue gli studi a San Pietroburgo con Ilya Musin e a Parigi.
Nel 2005/2006 dirige l’Orchestre National de France (e incide Mirra di Federico Alaleona per Naïve) nonché l’Orchestre Philharmonique de Radio France.
Inizia la carriera italiana al Comunale di Bologna con La bohème.
Sale sul podio della Bayerische Staatsoper a Monaco con L’Elisir d´amore e le Nozze di Figaro, della Deutsche Oper di Berlino con Turandot e Madama Butterfly e del Teatro La Fenice con La Bohème.
Seguono debutti con le maggiori compagini internazionali quali i Münchner Philharmoniker, la Gewandhaus di Lipsia, la Staatskapelle di Dresda, le orchestre americane di Pittsburgh, Los Angeles, San Francisco, la National Symphony di Washington, la New York Philharmonic, la Filarmonica di Berlino, l’Orchestra del Concertgebouw di Amsterdam.
Con l’OSN Rai effettua tournée al Musikverein di Vienna, alla Philharmonie di Berlino, nella stagione di Abu Dhabi Classics e al Festival Enescu di Bucarest.
Nella Stagione 2013/2014 dirige l’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia, la Filarmonica della Scala, i Münchner Philharmoniker, la Philharmonia di Londra, la Pittsburgh Symphony, le Orchestre delle Radio NDR di Amburgo, WDR di Colonia, della Radio Svedese e della NHK a Tokyo.
Dirige inoltre Madama Butterfly e una produzione de L’amore delle tre melarance di Prokof’ev al Teatro di Firenze.
La Stagione 2014/2015 lo impegna in una tournée con l’OSN Rai che tocca Monaco, Colonia, Zurigo, Basilea e Düsseldorf.
Dirige Turandot al San Carlo di Napoli e Jenůfa al Comunale di Bologna oltre ai concerti con le orchestre sinfoniche di San Francisco, Pittsburgh, Washington e Los Angeles Philharmonic, con l’Accademia di Santa Cecilia, la Konzerthaus di Berlino e i Wiener Symphoniker.
Nel 2015/2016 ritrova la New York Philharmonic, la Pittsburgh e la San Francisco Symphony, la Philharmonia, l’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia, l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, le orchestre della Radio di Francoforte e di Amburgo e i Münchner Philharmoniker.
Dirige Parsifal all’Opera di Budapest.
Nel 2017 ha avuto il suo debutto con la Chicago Symphony e la Cleveland Orchestra, e ha raggiunto le orchestre di San Francisco, Pittsburgh, Montréal, nonché l’Orchestre National de France, l’Orchestre de Paris, NDR Amburgo, Konzerthaus Berlin, Philharmonia di Londra e Santa Cecilia.
In campo operistico ha diretto Faust a Firenze, Peter Grimes a Bologna, Elektra e Carmen al San Carlo di Napoli.
Nella stagione 2017/2018 sarà impegnato sul fronte americano con le orchestre sinfoniche di San Francisco, Detroit, Houston, Cincinnati, Minnesota e Toronto. Ritroverà la Konzerthaus di Berlino, Philharmonia di Londra, i Münchner Philharmoniker, la Radio Svedese, la NDR Elbphilharmonie a Amburgo e in tournée italiana, nonché l’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia e l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai.
Ha inaugurato la stagione del San Carlo con La fanciulla del West, salirà sul podio per le opere Lady Macbeth del distretto di Mcensk di Shostakovich,
Tosca nel Festival estivo e per una serie di appuntamenti della Stagione di Concerti.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Prima del concerto e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...