Martedì 7 novembre al Museo della Musica di Bologna secondo appuntamento del ciclo “Intimités Lyriques”

Martedì 7 novembre, ore 18, Museo della Musica, secondo appuntamento del ciclo di conversazioni-concerto Intimités Lyriques dedicato alla poesia francese in musica tra Ottocento e Novecento.
Massimo Contiero – didatta, organizzatore e critico musicale, già direttore del Teatro Comunale di Rovigo e dei Conservatori di Rovigo e Venezia – illustra la produzione vocale del compositore francese Reynaldo Hahn strettamente legata ad alcuni dei maggiori poeti francesi, da Hugo a Verlaine e Proust, di cui Hahn fu intimo amico.
Il soprano Dženana Mustafić insieme al pianista Pierpaolo Maurizzi propongono le sue Chansons grises (1893) su testi di Paul Verlaine e À Chloris (1913) su testi di Théophile de Viau.
Completano il programma altri due brani vocali di Hahn – musicista particolarmente apprezzato nei salotti parigini, dove era solito cantare le proprie opere accompagnandosi al pianoforte – su testi di canzoni tradizionali in dialetto veneto, La Biondina in gondoleta e La barcheta, tratti dalla raccolta Venezia (1901).

Biglietti in vendita al Museo della Musica un’ora prima dell’inizio dello spettacolo.

Informazioni
Bologna Festival
051 6493397
www.bolognafestival.it

Ufficio Stampa Bologna Festival
Paola Soffià
tel.: 051 6493397
cell.: 3287076143
stampa@bolognafestival.it

________________________________________________________

Martedì 7 novembre, ore 18 – Museo della Musica (Bologna)

conversazione di Massimo Contiero
Dženana Mustafić, soprano
Pierpaolo Maurizzi, pianoforte

Reynaldo Hahn
La Barcheta
La Biondina in Gondoleta
Chansons grises
À Chloris

Pierpaolo Maurizzi
Lidia Proietti, Piero Guarino e Dario De Rosa sono stati i suoi maestri.
Fecondi si sono rivelati gli incontri con il Trio di Trieste, P. Fournier, D. Kraus, F. Gulli e M. Jones.
Dall’affermazione al Concorso Brahms di Amburgo nel 1983 ha dedicato la sua vita musicale con il Trio Brahms alla musica da camera.
Nel 1998 ha fondato l’Überbrettl-Ensemble.
Ha diretto l’ Accademia Neue Musik di Bolzano con cui ha debuttato inaugurando la Biennale Danza di Venezia del 2006.
È regolarmente invitato nei Festival di Monaco di Baviera, Salisburgo, Vienna, Ravenna, Bologna, Siena, Cremona, Recklinghausen, Praga, Guanajuato, Manaus, Oporto, Palermo, Brescia e Bergamo.
Come solista ha suonato sotto la direzione di U. Benedetti Michelangeli, M. Eichenholz, P. Hirsch, G. Magnanensi, ed E. Pomarico.
Fra le recenti collaborazioni si citano Alberto Miodini, Rainer Honeck, David Schultheiß, Kolja Lessing, Ivan Rabaglia, Enrico Bronzi, il Dante Quartett des Bayerischen Staatorchester , Mattia Petrilli, Andreas Schablas e Olga Arzilli, il Pretorius Quartett.
Il suo pensiero musicale si è arricchito grazie ai confronti con il compositore Ernesto Rubin de Cervin, il matematico Luigi Caprioli, il regista Peter Stein, il teologo Giuseppe Barzaghi e il sociologo Hans Glauber.

Dženana Mustafić
Nata a Zenica, Bosnia ed Erzegovina, all’età di 10 anni inizia gli studi di flauto e si diploma nel Liceo Musicale della sua città.
Voce di soprano, nel 2009 consegue la laurea specialistica in Canto presso il Conservatorio di Parma e nel 2010 si laurea in Musica vocale da camera.
Nel 2011 frequenta il corso di Helena Lazarska al Mozarteum di Salisburgo e continua il suo perfezionamento vocale a Vienna, sempre sotto la guida della grande didatta polacca.
Specializzata nel repertorio liederistico Dženana Mustafić si è esibita in diverse Liederabend, interpretando pagine di Berio, Brahms, Debussy, Falla, Liszt, Korngold, Mahler, Ravel, Schubert, Schumann, Wagner e Wolf.
Ha collaborato in diverse occasioni con l’Ensemble di Musica da Camera del Conservatorio di Parma, in particolare nelle Folksongs di Berio, e con l’Orchestra da Camera di Lugano; insieme allo Überbrettl-Ensemble e Pierpaolo Maurizzi ha debuttato nei Lieder eines fahrenden Gesellen di Mahler e presentato in prima esecuzione assoluta i Sei canti dei Balcani di Emilio Ghezzi, a lei dedicati.
Al Bologna Festival, sempre sotto la direzione di Pierpaolo Maurizzi, ha eseguito Der Abschied dal Lied von der Erde di Mahler.
Ha partecipato alle manifestazioni europee per il bicentenario di Haydn ad Eisenstadt e ha debuttato nel ruolo di Fiordiligi (Così fan tutte) al Teatro Regio di Parma. Attualmente lavora al Teatro dell’Opera di Graz.

Questa voce è stata pubblicata in Dal mondo della musica e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.