Martedì 31 ottobre alla Domus Ars secondo appuntamento di Dissonanzen 2017

Martedì 31 ottobre, alla Domus Ars, alle ore 20.30, per il secondo appuntamento di Dissonanzen 2017, si terrà il concerto Bravade! o delle Metamorfosi, Viaggi musicali dal barocco al contemporaneo.
Sul palco della chiesa di san Francesco delle Monache i solisti dell’ensemble Dissonanzen: Tommaso Rossi, Francesco Solombrino, Lucia Bova e Ciro Longobardi, eseguiranno musiche di Alessandra Bellino, Jacob Van Eyck, Claude Debussy, François Couperin, Élisabeth-Claude Jacquet de La Guerre, Sophia Giustina Corri in Dussek.
In occasione del concerto si presenterà al pubblico napoletano il cd dal titolo Bravade, o delle Metamorfosi recentemente pubblicato da Stradivarius, che contiene anche altri brani di Alessandra Bellino dedicati al tema della metamorfosi, e al dialogo con la musica di Jacob Van Eyck.
Seconda tappa di un concerto che sarà presentato il 29 ottobre a Catania nell’ambito del Festival Magie Barocche.
Un concerto che propone un viaggio, affascinante e poetico, tra musiche antiche e nuove in costante dialogo.
Musiche antiche e nuove per flauto dolce, uno strumento che si conferma nella musica della Bellino ancora ricchissimo di sonorità da scoprire, di paesaggi poetici da visitare e raccontare”, spiega Tommaso Rossi.
Partiture in cui il flauto è concepito come canto e il pianoforte come liuto.
Ma il rapporto tra passato e presente non si limita soltanto ai rimandi tra le opere di Van Eyck e quelle della Bellino.
Il concerto si arricchisce di autori del ‘700 e dell’800 francese.
La poetica di Debussy, con il brano Syrinx, per flauto solo, in un dialogo metaforico con la musica di Couperin, simbolo di un periodo da cui il compositore trae grande ispirazione.
Élisabeth-Claude Jacquet de La Guerre, Sophia Giustina Corri in Dussek, con le loro partiture per arpa e il notissimo Les Barricade Mystérieuses, brano di François Couperin, affascinante ed enigmatico rondò dalla bellezza senza tempo.

Costo del biglietto: 5 euro

Infoline:
www.domusars.it
www.dissonanzen.it

Ufficio Stampa:
Giusi Zippo
mail: giusizippo939@gmail.icom
mob. 3396276954

________________________________________________________

Bravade! o delle Metamorfosi – Viaggi musicali dal barocco al contemporaneo
Martedì 31 ottobre – Domus Ars (via Santa Chiara, 10 – Napoli)

Ensemble Dissonanzen
Tommaso Rossi, flauto e flauto dolce
Francesco Solombrino, violino e viola
Lucia Bova, arpa
Ciro Longobardi, pianoforte

Musiche di Alessandra Bellino, Jacob Van Eyck, Claude Debussy, François Couperin, Élisabeth-Claude Jacquet de La Guerre, Sophia Giustina Corri in Dussek
Concerto in occasione della presentazione del CD edito da Stradivarius.

Musiche che si interrogano sull’idea della metamorfosi, quelle di Alessandra Bellino, che dialogano e ricreano quelle del Seicento di Van Eyck, compositore, organista e flautista olandese.
Ne affiora un’opera di originale equilibrio e di grande seduzione.
Altro centro di gravità del concerto Syrinx, la famosissima, per quanto breve, composizione di Claude Debussy per flauto solo, ispirata proprio a una delle protagoniste delle metamorfosi presenti nell’opera di Ovidio: la ninfa che per sfuggire a Pan si fece trasformare in canna, poi unite insieme dal Dio a creare uno strumento musicale, la siringa, il flauto di Pan appunto.
Partendo dal forte riferimento alla Francia in programma musiche di due compositrici del Settecento che hanno scritto per arpa sola, Élisabeth-Claude Jacquet de La Guerre e Sophia Giustina Corri in Dussek, per un concerto che esalta la creatività musicale femminile del passato come del presente, e il breve quanto notissimo brano di François Couperin, una delle colonne del Barocco francese, Les Barricade Mystérieuses, ricco di suggestione e di inquietudine.
Il mito musicale dell’epoca di Luigi XIV, cui appartiene Couperin, fu elemento vivissimo nella poetica di Debussy.
Per questo motivo si arricchisce di senso l’esecuzione dell’Hommàge a Rameau per pianoforte, di Debussy appunto, opera che rappresenta uno dei più evidenti tributi del grande compositore al passato musicale francese.
In questo quadro si colloca perfettamente l’altro suo brano in programma: Sonata per flauto, arpa e viola, compresa in un gruppo di sei sonate per strumenti diversi che il compositore aveva progettato e iniziato a comporre nell’estate del 1915, che non riuscì ad ultimare per l’aggravarsi delle sue condizioni di salute.

Questa voce è stata pubblicata in Prima del concerto e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.