Sabato 23 settembre “Il Nuovo e l’Antico” di Bologna Festival propone l’appuntamento conclusivo con il ciclo dedicato a Stockhausen

Foto Rolando Guerzoni -Modena

Sabato 23 settembre, ore 20.30, Oratorio di San Filippo Neri, concerto conclusivo del ciclo contemporaneo dedicato alla musica di Karlheinz Stockhausen nel decennale della sua scomparsa, Stockhausen, dieci anni dopo.
In programma, uno dei brani più noti di Stockhausen, Mantra per due pianoforti e, in prima esecuzione assoluta, il pezzo per due pianoforti scritto dal compositore Fabio Nieder su commissione di Bologna Festival: Musica doppiata.
Sono impegnate le pianiste Maria Grazia Bellocchio e Stefania Redaelli, mentre Alvise Vidolin cura la parte elettronica.

Eseguito per la prima volta nel 1970, Mantra appartiene al periodo di ricerche mistiche ed introspettive iniziate da Stockhausen negli anni Sessanta, contrassegnate da una assimilazione della cultura orientale.
Mantra è un pezzo per due pianoforti distorti con modulatori ad anello, ispirato all’induistica congiunzione dell’uomo con l’universo (da cui la parola Mantra); il risultato sono sonorità di tipo metallico vicino alla timbrica del gamelan indonesiano.

«In Musica doppiata – spiega il compositore triestino Fabio Nieder i due pianoforti suonano esattamente la stessa musica. Essi sono due in quanto risultato di uno sdoppiamento di un’unica identità. Questa musica risuona doppiata nello spazio e i pianoforti come campanili si chiamano con rintocchi che ritornano identici nel tempo a distanze irregolari».

Vendita biglietti
Biglietteria Bologna Welcome, Piazza Maggiore 1/E, tel 051 231454, dal martedì al sabato ore 13-19
Un’ora prima dell’inizio del concerto all’Oratorio di San Filippo Neri
.

Prezzi Biglietti

Intero: 25 Euro
Giovani (sino ai 30 compresi): 8 Euro

Informazioni
Associazione Bologna Festival
051 6493397
http://www.bolognafestival.it

Ufficio Stampa Bologna Festival
Paola Soffià
tel.: 051 6493397
cell.: 3287076143
stampa@bolognafestival.it

________________________________________________________

Sabato 23 settembre, ore 20.30 – Oratorio di San Filippo Neri

Maria Grazia Bellocchio, pianoforte
Stefania Redaelli, pianoforte
Alvise Vidolin, regia del suono

Programma

Fabio Nieder: Musica doppiata per due pianoforti
prima esecuzione assoluta

Karlheinz Stockhausen: Mantra per due pianoforti ed elettronica

Maria Grazia Bellocchio
Si è diplomata al Conservatorio di Milano e si è perfezionata alla Musikhochschule di Berna con Karl Engel e poi con Franco Gei.
Il suo repertorio spazia da Bach alla musica d’oggi.
Collabora stabilmente con il Divertimento Ensemble diretto da Sandro Gorli, regolarmente invitata nei più significativi festival di musica contemporanea, in Italia e all’estero.
Ha registrato opere di Bruno Maderna, Mauro Cardi, Giulio Castagnoli, Sandro Gorli, Franco Donatoni, Matteo Franceschini, Stefano Gervasoni per le etichette discografiche Ricordi e Stradivarius.
Insegna pianoforte all’Istituto “G. Donizetti” di Bergamo, oltre a tenere corsi di perfezionamento pianistico.

Stefania Radaelli
Diplomata al Conservatorio di Milano ha studiato anche con Bruno Canino, Murray Perahia, Paolo Borciani, Dario De Rosa e Norbert Brainin del Quartetto Amadeus. Già assistente di Salvatore Accardo e Rocco Filippini, Raina Kabaivanska, Franco Gulli e Yo-Yo Ma, attualmente insegna al Conservatorio di Vicenza.
Come solista si è esibita con le orchestre della RAI di Milano, dei Pomeriggi Musicali e dell’Angelicum di Milano, con l’Orchestra Sinfonica di Sanremo e l’Orchestra da Camera di Padova.
Ha suonato con musicisti di fama internazionale, tra cui Cecilia Bartoli, Mario Brunello e Sergej Krilov.
Ha inciso per Brilliant, Warner Fonit Cetra, Stradivarius e Dynamic.

Alvise Vidolin
Regista del suono, musicista informatico e interprete Live Electronics, Alvise Vidolin ha curato la realizzazione elettronica e la regia del suono di molte opere musicali collaborando con compositori quali Claudio Ambrosini, Giorgio Battistelli, Luciano Berio, Aldo Clementi, Franco Donatoni, Adriano Guarnieri, Luigi Nono, Salvatore Sciarrino, per esecuzioni in teatri e festival internazionali. Ha partecipato alla fondazione del Centro di Sonologia Computazionale (CSC) dell’Università di Padova, dove svolge attività didattica e di ricerca nel campo dell’informatica musicale sin dal 1974. Cofondatore dell’Associazione di Informatica Musicale Italiana (AIMI), ne è stato presidente dal 1988 al 1990. Dal 1977 collabora con la Biennale di Venezia soprattutto in veste di responsabile del Laboratorio permanente per l’Informatica Musicale della Biennale (LIMB). Dal 1992 al 1998 ha lavorato con il Centro Tempo Reale di Firenze come responsabile della produzione musicale. Dal 1976 al 2009 è stato titolare della cattedra di Musica Elettronica al Conservatorio “B. Marcello” di Venezia. È membro del comitato scientifico della Fondazione Archivio Luigi Nono e socio corrispondente dell’Istituto Veneto di Scienze Lettere e Arti. Svolge inoltre attività didattica e di ricerca nel campo del Sound and Music Computing, studiando le potenzialità compositive ed esecutive offerte dai mezzi informatici e dai sistemi multimodali.

Fabio Nieder
È compositore, pianista, direttore d’orchestra dalla doppia nazionalità italiana e tedesca.
Talento precocissimo, ha frequentato il Conservatorio di Trieste.
Ha studiato composizione, pianoforte e musica da camera con Giulio Viozzi, Roberto Repini, Dario De Rosa e Libero Lana (Trio di Trieste), perfezionandosi poi in composizione con Witold Lutosławski, Klaus Huber e Yannis Xenakis.
Musicista cresciuto nel clima culturale mitteleuropeo, ha sviluppato un interesse particolare per il Lied tedesco; in qualità di pianista collaboratore ha lavorato con Elisabeth Schwarzkopf e Petre Munteanu e ha accompagnato numerosi cantanti dediti al repertorio liederistico, tra cui Alfredo Kraus, Petre Munteanu, Barbara Hannigan.
Fondatore dell’Ensemble per la Nuova Musica “Florestan-Eusebius”, del quale è stato direttore e pianista, ha debuttato nel 1983 al Festival Musikprotokoll di Graz. Ha diretto importanti ensemble di musica contemporanea, tra cui Nieuw Ensemble di Amsterdam, gruppo cui ha dedicato molti dei suoi lavori.
Importante, il profondo rapporto umano e artistico stabilito con il compositore Luciano Berio.
Fabio Nieder insegna composizione nei Conservatori di Amsterdam e Trieste e in diverse Accademie europee (Stuttgart, Tallin, Riga, Graz), al Mozarteum di Salisburgo, alla Harvard University di Boston e alla Scuola Civica di Milano; tiene inoltre corsi di perfezionamento al Bartók Seminar and Festival di Szombathely (Ungheria).
Ha composto opere per ensemble e orchestre come Klangforum Wien, Ensemble Recherche, Atlas Ensemble, Ives Ensemble, ÖENM, l’Orchestra della RAI, le Orchestre delle emittenti tedesche WDR, SWR e dell’emittente svedese SR.
Tra gli interpreti della sua musica figurano inoltre Heinrich Schiff, Myung-Whun Chung, i Neue Vocalsolisten Stuttgart, Barbara Hannigan, Teodoro Anzellotti, Eduard Brunner, Ed Spanjaard, Emilio Pomarico etc.
Numerosi i festival e le istituzioni europee in cui vengono eseguite le sue musiche, tra cui Wien Modern, Festival Présences di Parigi, Berliner Festwochen, Musikprotokoll Graz, Holland Festival, Biennale di Venezia, Milano Musica, Nuova Consonanza di Roma.

Questa voce è stata pubblicata in Prima del concerto e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.