Venerdì 22 settembre “Il Nuovo e l’Antico” di Bologna Festival propone i “Cori invisibili” di Stockhausen

Foto Kathinka Pasveer

Venerdì 22 settembre, ore 20.30, Oratorio di San Filippo Neri, quinto appuntamento per Il Nuovo l’Antico di Bologna Festival del ciclo dedicato alla musica di Karlheinz Stockhausen nel decennale della sua scomparsa, Stockhausen, dieci anni dopo.
Di particolare interesse ed impegno esecutivo, il programma di questo concerto propone Unsichtbare Chöre (Cori invisibili) con il Coro di Colonia ed elettronica (registrati), oltre ai brani Uversa per corno di bassetto e Natürliche Dauern (Durate naturali) per pianoforte, entrambi contenuti in Klang (Suono), epico ciclo di 24 brani ognuno dedicato ad un’ora del giorno, rimasto incompiuto alla ventunesima ora con la scomparsa di Stockhausen nel 2007.
In apertura di programma un brano di Marco Stroppa composto nel 2010, and sing until he drop per corno di bassetto spazializzato.

Per la prima volta verranno ripresi in Italia i Cori invisibili al di fuori dell’opera Giovedì (Donnerstag) – una delle giornate del ciclo teatrale Luce (Licht) – per la quale sono stati composti con particolare maestria.

Nel brano Uversa interpretato da Michele Marelli si dispiega la voce del corno di bassetto, strumento della famiglia dei clarinetti riscoperto da Stockhausen; nell’ultimo brano per pianoforte composto da Stockhausen, Natürliche Dauern (Durate naturali) – di cui Anna D’Errico esegue una selezione dai 24 brani che lo compongono – si rintraccia una concezione del tempo estatica, ipertrofica, ripetitiva che rivela affinità con il minimalismo.

and sing until he drop – spiega il compositore Marco Stroppapresenta una “canzone danzante” sempre più densa ed estrema, sino al momento in cui essa non può più “controllarsi” e “cade”. Vari microfoni situati in prossimità del corno di bassetto permettono di amplificare i micro-movimenti del suono sullo strumento, come se esso fosse esteso intorno al pubblico”.

Vendita biglietti
Biglietteria Bologna Welcome, Piazza Maggiore 1/E, tel 051 231454, dal martedì al sabato ore 13-19
Un’ora prima dell’inizio del concerto all’Oratorio di San Filippo Neri
.

Prezzi Biglietti

Intero: 20 Euro
Giovani (sino ai 30 compresi): 8 Euro

Informazioni
Associazione Bologna Festival
051 6493397
http://www.bolognafestival.it

Ufficio Stampa Bologna Festival
Paola Soffià
tel.: 051 6493397
cell.: 3287076143
stampa@bolognafestival.it

________________________________________________________

Venerdì 22 settembre ore 20.30 – Oratorio di San Filippo Neri

Michele Marelli, corno di bassetto
Anna D’Errico, pianoforte
Alvise Vidolin, regia del suono

Programma

Marco Stroppa: and sing until he drop per corno di bassetto spazializzato

Karlheinz Stockhausen
Uversa per corno di bassetto ed elettronica
Natürliche Dauern per pianoforte
(selezione)
Unsichtbare Chöre con il Coro di Colonia e musica elettronica (registrati)

Marco Stroppa

foto Roberto Masotti – Casa Ricordi, Milano

Compositore, ricercatore e docente, Marco Stroppa si diploma in pianoforte, musica corale, direzione di coro, composizione e musica elettronica a Verona, Milano e Venezia.
Studia anche informatica, scienze cognitive e intelligenza artificiale al MIT (Cambridge, USA).
Nel 1982 Pierre Boulez lo invita all’IRCAM di Parigi, dove risiede da allora.
I contatti con l’Ircam sono stati determinanti nel suo sviluppo artistico.
Apprezzato come docente, ha fondato il corso di composizione al Festival Bartók (Ungheria) nel 1986.
Dal 1999 è professore di composizione alla Musikhochschule di Stuttgart.
La sua prima opera, Re Orso, è stata eseguita con grande successo di critica e di pubblico all’Opéra Comique di Parigi nel 2012.

Anna D’Errico
Pianista capace di affrontare un vasto repertorio, spaziando dal classicismo alla musica d’oggi, Anna D’Errico ha collaborato con compositori come Helmuth Lachenmann, Salvatore Sciarrino, Heinz Holliger, Enno Poppe, Georges Aperghis, Rebecca Saunders, e ha suonato sotto la direzione di Pierre Boulez, Peter Eötvös, Marco Angius, Matthias Pintscher.
Ha fondato l’Ensemble Interface e tiene abitualmente concerti con gruppi di musica contemporanea quali Ensemble Modern, Algoritmo, Ensemble Icarus e Linea. Docente specializzata in tecniche e repertorio contemporaneo, tiene workshop in centri di formazione musicale di richiamo internazionale.
Insegna pianoforte al Conservatorio di Potenza.
I suoi progetti educativi incentrati sulla musica d’oggi hanno ricevuto il “Leone d’argento” della Biennale di Venezia e il Premio Abbiati.

Michele Marelli

Michele Marelli (foto Roberto Masotti)

Diplomato in clarinetto al Conservatorio di Alessandria, si è perfezionato con Alan Hacker, Suzanne Stephens e Alain Damiens.
Ha studiato composizione e musica elettronica al Conservatorio di Torino e alla Scuola Civica di Milano; si è laureato in Lettere moderne all’Università di Torino con una tesi su Stockhausen.
Diciottenne, incontra Karlheinz Stockhausen con cui instaura per oltre un decennio uno stretto rapporto di collaborazione artistica, pubblicando anche 3 CD per la Stockhausen-Verlag.
Rinomato a livello internazionale come un virtuoso del corno di bassetto, Michele Marelli si è affermato come uno dei migliori solisti di musica contemporanea della sua generazione; ha ottenuto per sei volte il premio della Stockhausen Stiftung für Musik , il primo premio al Concorso Penderecki di Cracovia e nel 2014 il premio Una vita nella musica (sezione giovani) della Fenice di Venezia.
Ha collaborato con i maggiori compositori del nostro tempo – spesso eseguendo in prima assoluta lavori a lui dedicati – tra cui György Kurtág, Karlheinz Stockhausen, Franco Donatoni, Helmut Lachenmann, Ivan Fedele, Marco Stroppa, Vinko Globokar, Sylvano Bussotti, Salvatore Sciarrino.
Tra le istituzioni musicali per cui si è esibito si distinguono il Festival di Tanglewood, Wiener Festwochen, Biennale di Venezia, Festival Presences di Radio France, Warsaw Autumn, Holland Festival, Mozarteum di Salisburgo.
Michele Marelli collabora abitualmente con l’Ensemble Musikfabrik di Colonia e con Klangforum Wien.
Ha realizzato numerose incisioni discografiche per le etichette Stradivarius, Wergo, Neos e Decca, aggiudicandosi premi di particolare pregio (ICMA, i massimi riconoscimenti delle riviste Diapason, Amadeus e Musica).
Nel 2016 ha inciso l’album solistico Contemporary Clarinet.
Tiene masterclass in tutta Europa e insegna musica da camera al Conservatorio di Sassari.

Alvise Vidolin
Regista del suono, musicista informatico e interprete Live Electronics, Alvise Vidolin ha curato la realizzazione elettronica e la regia del suono di molte opere musicali collaborando con compositori quali Claudio Ambrosini, Giorgio Battistelli, Luciano Berio, Aldo Clementi, Franco Donatoni, Adriano Guarnieri, Luigi Nono, Salvatore Sciarrino, per esecuzioni in teatri e festival internazionali. Ha partecipato alla fondazione del Centro di Sonologia Computazionale (CSC) dell’Università di Padova, dove svolge attività didattica e di ricerca nel campo dell’informatica musicale sin dal 1974. Cofondatore dell’Associazione di Informatica Musicale Italiana (AIMI), ne è stato presidente dal 1988 al 1990. Dal 1977 collabora con la Biennale di Venezia soprattutto in veste di responsabile del Laboratorio permanente per l’Informatica Musicale della Biennale (LIMB). Dal 1992 al 1998 ha lavorato con il Centro Tempo Reale di Firenze come responsabile della produzione musicale. Dal 1976 al 2009 è stato titolare della cattedra di Musica Elettronica al Conservatorio “B. Marcello” di Venezia. È membro del comitato scientifico della Fondazione Archivio Luigi Nono e socio corrispondente dell’Istituto Veneto di Scienze Lettere e Arti. Svolge inoltre attività didattica e di ricerca nel campo del Sound and Music Computing, studiando le potenzialità compositive ed esecutive offerte dai mezzi informatici e dai sistemi multimodali.
________________________________________________________

Questa voce è stata pubblicata in Prima del concerto e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.