Inizia lunedì 18 settembre la programmazione autunnale di Bologna Festival 2017

Il progetto Stockhausen, dieci anni dopo (18 – 23 settembre) dedicato al compositore tedesco, con diverse prime esecuzioni assolute di compositori italiani commissionate da Bologna Festival, il ciclo di quattro concerti Monteverdi sacro e profano (5 – 26 ottobre) e i tre concerti del pianista Alexander Lonquich (10 – 14 novembre) sono il fulcro della ampia programmazione autunnale di Bologna Festival che alla sua tradizionale rassegna Il Nuovo l’Antico, incentrata sulla musica contemporanea e la musica antica, affianca anche quest’anno una iniziativa dedicata a musica e poesia, Intimités lyriques (31 ottobre – 21 novembre) e il concerto benefico “Concerto per un sorriso” con Accademia Bizantina e Ottavio Dantone (3 novembre).
A conclusione della programmazione d’autunno, il 29 novembre, il consueto concerto del vincitore del Premio del Pubblico.

Il Nuovo l’Antico

Di particolare impegno conoscitivo, la rassegna quest’anno è dedicata a Karlheinz Stockhausen – nel decennale della scomparsa – e a Claudio Monteverdi nel 450° anno della nascita.
«Stockhausen, dieci anni dopo» e «Monteverdi sacro e profano» sono i due progetti in cui si articola la rassegna Il Nuovo l’Antico a partire dal 18 settembre, negli spazi dell’Oratorio di San Filippo Neri, del Museo della Musica e della Chiesa di Santa Maria dei Servi.

Stockhausen, dieci anni dopo
Da lunedì 18 settembre a sabato 23 settembre, una settimana densa di appuntamenti musicali.
Oltre alle composizioni del musicista tedesco, che occupano la gran parte della programmazione, figurano sette prime esecuzioni commissionate da Bologna Festival ad alcuni noti compositori italiani d’oggi: Gilberto Cappelli, Alberto Caprioli, Stefano Gervasoni, Adriano Guarnieri, Fabio Nieder, Luigi Sammarchi, Marco Stroppa.
Il programma privilegia alcune opere tarde di rara esecuzione che fanno parte del monumentale ciclo Klang (Suono), in cui l’autore ha estremizzato la sua concezione del sacro: un misticismo che talvolta si riferisce ancora a suggestioni del pensiero indiano.
Un brano per due arpe, Freude, vive di una gioia stellare, al pari della voce celestiale di Paradies per flauto ed elettronica; Uversa, ascesa spirituale in cui si spiega la voce del corno di bassetto (strumento della famiglia dei clarinetti, riscoperto da Stockhausen); Harmonien per clarinetto basso di una cantabilità trasfigurata o la sospensione del tempo del suo ultimo brano per pianoforte Natürliche Dauern (Durate naturali).
Vi figurano anche composizioni celebri dei folgoranti esordi, i primi brani pianistici (Klavierstücke n. 1-4 per pianoforte solo e Kontakte nella versione strumentale ed elettronica) e vari lavori degli anni ’70 – ’80 in cui si afferma una svolta neotonale (come nel quasi neoromantico Mantra, espressione del pensiero indiano) o una ricerca di una vocalità estatica come negli Indianerlieder, Canti degli indiani d’America di cui Stockhausen riprende i testi ma non le inflessioni etniche.
Per la prima volta verranno ripresi in Italia i Cori invisibili (Unsichtbare Chöre, registrati assieme all’elettronica a Colonia) al di fuori dell’opera Giovedì (Donnerstag) – una delle giornate di Luce (Licht) – per la quale sono stati composti con particolare maestria.
Gli interpreti sono tra i più qualificati conoscitori di Stockhausen, dal versatile clarinettista Michele Marelli, alla pianista Vanessa Benelli Mosell, dal pianista Andrea Rebaudengo al percussionista Simone Beneventi, entrambi impegnati in Kontakte.
Le due arpiste Miriam Overlach e Marianne Smit propongono il lucente Freude, il duo pianistico Bellocchio-Redaelli Mantra, Anna D’Errico una selezione di Natürliche Dauern, le voci di Anna Clementi e Nicholas Isherwood i Lieder indiani che anticipano la declamazione melodica degli ultimi anni.
Onnipresente la competente regia del suono di Alvise Vidolin.

Il progetto Stockhausen è realizzato grazie al sostegno di HERA.
«Attraverso questa partnership Hera conferma l’impegno nei confronti della promozione della cultura e delle eccellenze che animano il tessuto culturale del territorio, contenuti di rilievo capaci di generare emozioni e che permettono di far vivere momenti di straordinaria ricchezza artistica».

Monteverdi sacro e profano
Nei tre concerti affidati a La Venexiana (5 ottobre), La Compagnia del Madrigale (13 ottobre) e al tenore Leonardo De Lisi (18 ottobre) si trova una ampia selezione della produzione madrigalistica di Monteverdi e autori coevi.
Madrigali dai Libri I – VII, dagli esempi giovanili di polifonie a cinque voci allo stile concertato con basso continuo della maturità.
Di particolare interesse e varietà il programma «Possente spirto e formidabil nume: la voce del tenore al tempo di Monteverdi» proposto da De Lisi con l’accompagnamento di tiorba, liuto, viola da gamba e cembalo: arie e canzoni a voce sola di Monteverdi e altri compositori del primo Seicento italiano.
Il ciclo barocco si conclude il 26 ottobre ore 20.30, Chiesa di Santa Maria dei Servi, con il Monteverdi sacro del Vespro della Beata Vergine, capolavoro sinfonico vocale con otto solisti proposto nell’esecuzione filologica di Philippe Herreweghe alla guida del Collegium Vocale Gent.

Ritratto d’artista: Alexander Lonquich
Tre concerti – 10, 12 e 14 novembre alla Biblioteca del Centro San Domenico – con Alexander Lonquich, raffinato pianista e camerista che si distingue per l’originalità immaginativa dei suoi programmi, insignito quest’anno del prestigioso “Premio Abbiati” dell’Associazione nazionale dei critici musicali italiani come miglior solista. Insieme al violinista russo Ilya Gringolts, solista di grande spessore, e al violoncellista Giovanni Gnocchi, già primo violoncello della Camerata Salzburg e membro della Lucerne Festival Orchestra di Claudio Abbado, Alexander Lonquich costruisce un programma interamente dedicato a Schumann: la Sonata per violino e pianoforte op.105, il Trio op.63 e i Davidsbündlertänze.
Insieme alla pianista Cristina Barbuti alterna pagine a quattro mani (Divertissement à l’hongroise di Schubert e Six épigraphes antiques di Debussy) al secondo libro dei Preludi di Debussy.
A conclusione del ciclo, nel recital solistico, Lonquich esegue le Sonate D.625 e D.958 di Schubert, e le accosta con molta originalità a Ländler di Rihm e Nella nebbia di Janáček, tra nostalgie espressioniste e suggestioni parigine.

Intimités Lyriques
Tre conversazioni-concerto dedicate alla poesia francese in musica tra Ottocento e Novecento.
A partire dal 31 ottobre, alle ore 18, al Museo della Musica, conversazioni di Marco Vallora (31 ottobre), Massimo Contiero (7 novembre) ed Enzo Restagno (21 novembre) sui testi poetici di Verlaine, Baudelaire, Mallarmé, Proust e Bouchor messi in musica da Fauré, Chausson, Duparc, Hahn, Debussy e Ravel.
I programmi musicali sono affidati alle voci di Silvia Frigato (soprano), Dženana Mustafić (soprano), Emanuela Conti (soprano) e Marta Codognola (mezzosoprano), con la partecipazione dei pianisti Pierpaolo Maurizzi e Claudio Marino Moretti.

Concerto per un sorriso
Da alcuni anni Bologna Festival è impegnato al fianco di importanti realtà no-profit nell’organizzazione di eventi musicali di raccolta fondi che coinvolgono artisti di assoluto rilievo.
Continua la collaborazione con la Fondazione Face 3DBO per un concerto con l’Accademia Bizantina di Ottavio Dantone che venerdì 3 novembre, ore 20.30, al Teatro Manzoni di Bologna, esegue un programma classico con Sinfonie di Haydn e Mozart, oltre al Concerto per flauto e orchestra K.313 di Mozart affidato al flautista Marcello Gatti.
Il concerto è a favore della Fondazione Face3DBO che sostiene la ricerca scientifica e lo sviluppo di tecnologie 3D nel campo della chirurgia maxillo-facciale adulta e pediatrica del Policlinico S. Orsola di Bologna per la cura e la ricostruzione del volto.

Concerto Premio del Pubblico
La pianista Elena Nefedova si è aggiudicata il Premio del Pubblico nell’ambito della rassegna Talenti e il 29 novembre, ore 20.30, Oratorio di San Filippo Neri, torna ad esibirsi a Bologna Festival con un interessante programma che unisce Rachmaninov, Liszt e Grieg.

Informazioni
Associazione Bologna Festival
051 6493397
http://www.bolognafestival.it

Biglietteria
Bologna Welcome (Piazza Maggiore 1/E)
051 231454, dal martedì al sabato, ore 13 – 19

Acquisto online: www.bolognafestival.it; www.vivaticket.it; www.classictic.com
disponibile solo per i concerti di Alexander Lonquich e per il concerto di Accademia Bizantina

Abbonamento Il Nuovo l’Antico € 150 / Giovani € 65 (posto unico, fino ad esaurimento posti disponibili)
Abbonamento Lonquich € 65 (posto unico)

Concerti 18, 23 settembre / 5 ottobre € 25 (posto unico)
Concerti 20, 21, 22 settembre / 13, 18 ottobre € 20 (posto unico)
Concerto Herreweghe € 75, € 65, € 60, € 45, € 30 (posto unico diviso per settori)
Concerti Lonquich € 30 (posto unico)
Concerto Accademia Bizantina € 40 (platea settore A) / € 30 (platea settore B)
Conversazioni-Concerto Intimités Lyriques € 5. Biglietti in vendita solo al Museo della Musica un’ora prima dell’inizio

Biglietto Giovani € 8 per tutti i concerti nei posti destinati, escluso il concerto di Accademia Bizantina.
La riduzione Giovani è valida sino ai 30 anni compresi

Ingresso libero alla conferenza di lunedì 18 settembre ore 17.30 (Museo della Musica) e al seminario di martedì 19 settembre ore 18.30 (Oratorio di San Filippo Neri).

Paola Soffià
Ufficio Stampa Bologna Festival
tel 051 6493397
cell 3287076143
via Lame 58 – 40122 Bologna

_________________________________________________________

Bologna Festival 2017 – Concerti d’autunno

Il Nuovo l’Antico – Stockhausen, dieci anni dopo

Stockhausen I – Lunedì 18 settembre ore 17.30
Museo della Musica
Karlheinz Stockhausen: un ritratto
conferenza introduttiva con video a cura di Ivanka Stoïanova

Stockhausen II – Lunedì 18 settembre ore 20.30
Oratorio di San Filippo Neri
Michele Marelli corno di bassetto, clarinetto basso
Vanessa Benelli Mosell pianoforte
Andrea Rebaudengo pianoforte
Simone Beneventi percussione
Paola Perrucci arpa
Alvise Vidolin regia del suono

Stefano Gervasoni: Prima traccia per corno di bassetto e live electronics* durata 6’
Michele Marelli corno di bassetto, Alvise Vidolin regia del suono

Karlheinz Stockhausen
Harmonien per clarinetto basso (2006) da Klang – 5a ora durata 15’
Karlheinz Stockhausen
Klavierstücke n.1- 4 per pianoforte solo (1952) durata 8’
Karlheinz Stockhausen
Klavierstück n.12 per pianoforte solo (1983) durata 22’

Gilberto Cappelli: Un giardino per Annamaria per arpa amplificata* durata 8’
Paola Perrucci arpa

Karlheinz Stockhausen
Kontakte per pianoforte, percussione ed elettronica (1958-60) durata 35’

Stockhausen III – Martedì 19 settembre ore 18.30
Oratorio di San Filippo Neri
Kathinkas Gesang als Luzifers Requiem
Seminario a cura di Marco Gasperini ed Elena Gabbrielli

Elena Gabbrielli flauto
Marco Gasperini elettronica
Karlheinz Stockhausen
Kathinkas Gesang als Luzifers Requiem per flauto ed elettronica (1983) durata 33’

Stockhausen IV – Mercoledì 20 settembre ore 20.30
Oratorio di San Filippo Neri
Anna Clementi soprano
Nicholas Isherwood baritono
Sonia Visentin soprano
Alvise Vidolin regia del suono

Luigi Sammarchi: Dolce mi è sembrato il mio destino fuggitivo per voce e live electronics * durata 7’
Sonia Visentin soprano, Alvise Vidolin regia del suono

Karlheinz Stockhausen: Am Himmel wandre Ich (Indianerlieder) per due voci (1972) durata 65’
Anna Clementi soprano, Nicholas Isherwood baritono

Stockhausen V – Giovedì 21 settembre ore 20.30
Oratorio di San Filippo Neri
Marianne Smit arpa, Miriam Overlach arpa
Alberto Belli viola, Cecilia Vendrasco flauto
Gertru Pasveer regia del suono
Alvise Vidolin ingegnere del suono, regia del suono

Adriano Guarnieri: Il tempo del cantare per flauto, ottavino e live electronics* durata 6’
Cecilia Vendrasco flauto, Alvise Vidolin regia del suono

Karlheinz Stockhausen: Paradies per flauto e musica elettronica (2007) durata 18’
da Klang – 21a ora
Alvise Vidolin regia del suono

Alberto Caprioli: Adagio estatico per viola sola* durata 6’
Alberto Belli viola

Karlheinz Stockhausen: Freude per due arpe (2005) durata 41’
da Klang – 2a ora
Gertru Pasveer regia del suono, Alvise Vidolin ingegnere del suono

Stockhausen VI – Venerdì 22 settembre ore 20.30
Oratorio di San Filippo Neri
Michele Marelli corno di bassetto
Anna D’Errico pianoforte
Alvise Vidolin regia del suono
Marco Stroppa: and sing until he drop per corno di bassetto spazializzato (2010) durata 5’

Karlheinz Stockhausen
Uversa per corno di bassetto ed elettronica (2007) durata 22’
da Klang – 16a ora
Natürliche Dauern per pianoforte (selezione) (2005-2006) durata 22’
da Klang – 3a ora
Unsichtbare Chöre (1979)
con il Coro di Colonia e musica elettronica (registrati) durata 50’
da Donnerstag aus Licht prima esecuzione italiana

Stockhausen VII – Sabato 23 settembre ore 20.30
Oratorio di San Filippo Neri
Maria Grazia Bellocchio pianoforte
Stefania Redaelli pianoforte
Alvise Vidolin regia del suono

Fabio Nieder: Musica doppiata per due pianoforti* durata 9’

Karlheinz Stockhausen: Mantra per due pianoforti ed elettronica (1970) durata 70’

Il progetto «Stockhausen, dieci anni dopo» è realizzato grazie al sostegno di HERA
*commissione di Bologna Festival, prima esecuzione assoluta

Il Nuovo l’Antico – Monteverdi sacro e profano

Monteverdi I – Giovedì 5 ottobre ore 20.30
Oratorio di San Filippo Neri

La Venexiana
Carlotta Colombo, Monica Piccinini soprani
Chiara Granata arpa, Gabriele Palomba tiorba
Davide Pozzi cembalo
«D’amore le gioie e i lamenti»

Claudio Monteverdi
Ohimé dov’è il mio ben (romanesca a due soprani) dal Settimo Libro di Madrigali
Non è di gentil core dal Settimo Libro di Madrigali
Lamento di Arianna

Giovanni Geronimo Kapsberger: Toccata I per tiorba e basso continuo
dal Libro Quarto di Intavolatura di Chitarrone

Claudio Monteverdi
O viva fiamma dal Settimo Libro di Madrigali
Quel sguardo sdegnosetto dagli Scherzi Musicali
Io son pur vezzosetta dal Settimo Libro di Madrigali

Girolamo Frescobaldi: Toccata Prima per cembalo
da Toccate e Canzoni, Libro II

Claudio Monteverdi
Et è pur dunque vero dagli Scherzi Musicali
Voglio di vita uscire

Girolamo Frescobaldi: Aria detta “La Frescobalda” per arpa
da Toccate e Canzoni, Libro II

Claudio Monteverdi
O come sei gentile dal Settimo Libro di Madrigali
Pur ti miro Duetto di Nerone e Poppea da “L’Incoronazione di Poppea”

Monteverdi II – Venerdì 13 ottobre ore 20.30
Oratorio di San Filippo Neri

La Compagnia del Madrigale
Rossana Bertini, Francesca Cassinari, soprani, Elena Carzaniga contralto
Giuseppe Maletto, Raffaele Giordani tenori, Daniele Carnovich basso
«Quell’augellin che canta»

Claudio Monteverdi
Fumia la pastorella dal Primo Libro di Madrigali
Cruda Amarilli dal Quinto Libro dei Madrigali

Giaches de Wert: Vaghi boschetti di soavi allori dal Settimo Libro di Madrigali

Claudio Monteverdi
Sovra tenere erbette dal Terzo Libro di Madrigali
A un giro sol dal Quarto Libro di Madrigali
Non sono in queste rive dal Secondo Libro di Madrigali

Luca Marenzio: Come inanti de l’alba ruggiadosa dal Primo Libro di Madrigali a 6 voci

Claudio Monteverdi
O primavera dal Terzo Libro di Madrigali
Ecco mormorar l’onde dal Secondo Libro di Madrigali
Non si levava ancor l’alba novella dal Secondo Libro di Madrigali
Non giacinti o narcisi dal Secondo Libro di Madrigali

Luca Marenzio: Ecco che ‘l ciel a noi chiaro dal Quinto Libro di Madrigali a 6 voci

Claudio Monteverdi
Piagn’ e sospira dal Quarto Libro di Madrigali
Quell’augellin che canta dal Quarto Libro di Madrigali
Zefiro torna dal Sesto Libro di Madrigali

Monteverdi III – Mercoledì 18 ottobre ore 20.30
Oratorio di San Filippo Neri

Leonardo De Lisi tenore
Alfonso Fedi clavicembalo
Francesco Romano liuto/tiorba
Paolo Biordi viola da gamba
«Possente spirto e formidabil nume. La voce del tenore al tempo di Monteverdi»

Jacopo Peri
Gioite al canto mio (Aria di Orfeo)
Tutto il dì piango

Giulio Caccini
Amor ch’attendi, Amor che fai?
Tu ch’hai le penne, Amore
Amarilli, mia bella

Claudio Monteverdi
Rosa del ciel, vita del mondo (Aria di Orfeo)
Vi ricorda, o boschi ombrosi (Canzone di Orfeo)
Tu, se’ morta mia vita (Lamento di Orfeo)

Marco da Gagliano
Dormi, Amore (Ninna-nanna di Mercurio)
Un guardo, un guardo appena (Lamento di Apollo)

Andrea Falconieri
Bella porta di rubini (villanella)
Occhietti amati (villanella)
O bellissimi capelli (villanella)

Tarquinio Merula: Sopra la cetra amorosa (Aria di Ciaccona)

Sigismondo D’India
Voi ch’ascoltate in rime sparse il suono
Hor che ‘l ciel, la terra e ‘l vento tace
I’ vidi in terra angelici costumi

Luigi Rossi: Lacrime, dove siete? (Lamento di Orfeo)

Girolamo Frescobaldi
O Jesu mi dulcissime (Mottetto spirituale)
Se l’aura spira (Aria a voce sola)
Così mi disprezzate? (Aria di Passacaglia)

Claudio Monteverdi
Ecco di dolci raggi
Dormo ancora? O son desto” (Il risveglio di Ulisse)
Sì dolce è il tormento
Laudate Dominum in Sanctis ejus
Ohimé, ch’io cado

Monteverdi IV – Giovedì 26 ottobre ore 20.30
Chiesa di Santa Maria dei Servi

Collegium Vocale Gent
Philippe Herreweghe direttore
Dorothee Mields, Barbora Kabátková soprani
William Knight, Benedict Hymas contraltisti
Samuel Boden, Reinoud Van Mechelen tenori
Peter Kooij, Wolf Matthias Friedrich bassi

Claudio Monteverdi: Vespro della Beata Vergine
concerto in doppio abbonamento con il ciclo “Grandi Interpreti”

Intimités Lyriques – La Poesia Francese in musica tra Ottocento e Novecento

Martedì 31 ottobre ore 18 – Museo della Musica
Conversazione di Marco Vallora
Marta Codognola mezzosoprano
Emanuela Conti soprano
Claudio Marino Moretti pianoforte

Gabriel Fauré: Chant d’automne
Ernest Chausson: Deux poèmes op.34
Maurice Ravel: Trois poèmes de Stéphane Mallarmé
Henri Duparc L’invitation au voyage
Ernest Chausson Apaisement op.13 n.1
Francis Poulenc Banalités
Ernest Chausson Le temps des lilas et le temps des roses

Martedì 7 novembre ore 18 – Museo della Musica
conversazione di Massimo Contiero

Dženana Mustafic soprano
Pierpaolo Maurizzi pianoforte

Reynaldo Hahn
Chansons grises
À Chloris

Martedì 21 novembre ore 18 – Museo della Musica
Conversazione di Enzo Restagno

Silvia Frigato soprano
Claudio Marino Moretti pianoforte

Claude Debussy
Fêtes galantes (I)
Ariettes oubliées
Trois poèmes de Stéphane Mallarmé
Apparition

Concerto per un sorriso – Concerto a favore di Fondazione Face 3DBO
Venerdì 3 novembre ore 20.30 – Teatro Manzoni

Accademia Bizantina
Ottavio Dantone direzione
Marcello Gatti flauto

Wolfgang Amadeus Mozart
Sinfonia n.10 in sol maggiore K.74
Concerto in sol maggiore K.313 per flauto e orchestra
Divertimento in re maggiore K.136

Franz Joseph Haydn: Sinfonia n.81 in sol maggiore Hob. I:81
con il contributo di BRT Corriere Espresso, BPER, Coop Alleanza 3.0, Fieldfisher, UniSalute, Zaccanti spa
concerto fuori abbonamento

Ritratto d’artista: Alexander Lonquich

Lonquich I – Venerdì 10 novembre ore 20.30
Biblioteca Centro San Domenico

Alexander Lonquich pianoforte
Cristina Barbuti pianoforte

Claude Debussy
Six épigraphes antiques per pianoforte a quattro mani
Préludes (Livre II)

Franz Schubert: Divertissement à la hongroise in sol minore op.54 D. 818 per pianoforte a quattro mani

Lonquich II – Domenica 12 novembre ore 20.30
Biblioteca Centro San Domenico

Alexander Lonquich pianoforte
Ilya Gringolts violino
Giovanni Gnocchi violoncello

Robert Schumann
Sonata n.1 in la minore op.105 per violino e pianoforte
Davidsbündlertänze op.6 per pianoforte
Trio n.1 in re minore op.63 per violino, violoncello e pianoforte

Lonquich III – Martedì 14 novembre ore 20.30
Biblioteca Centro San Domenico

Alexander Lonquich pianoforte

Franz Schubert: Sonata in fa minore D.625

Leóš Janácek: Nella nebbia

Wolfgang Rihm: Ländler
Franz Schubert: Sonata in do minore D.958

Premio del Pubblico 2017
Mercoledì 29 novembre 2017 ore 20.30 – Oratorio di San Filippo Neri

Elena Nefedova pianoforte*

Franz Liszt: Sarabanda e Ciaccona dall’Almira di Händel

Edvard Grieg: Sonata in mi minore op. 7

Sergej Rachmaninov: Six Moments musicaux op.16

*vincitore del Premio del Pubblico assegnato nell’ambito alla rassegna Talenti
_________________________________________________________

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Dal mondo della musica e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...