Giovedì 18 maggio il Quartetto della Scala e Fabrizio Meloni a Villa Pignatelli per il festival brahmsiano del Maggio della Musica

Giovedì 18 maggio, alle ore 20.15, nella veranda neoclassica di Villa Pignatelli (via Riviera di Chiaia 200, Napoli), il concerto del Quartetto della Scala, “di rara eccellenza tecnica e musicale” secondo Riccardo Muti, e di Fabrizio Meloni, primo clarinetto dell’Orchestra del Teatro e della Filarmonica della Scala dal 1984, riprenderà l’integrale dei lavori cameristici brahmsiani, promossa dal Maggio della Musica nel triennio 2015-17 e affidata ad alcuni dei più importanti musicisti della scena nazionale.
La serata proporrà di Johannes Brahms, “Quartetto per archi n.3 op.67” (1876), caratterizzato da un notevole freschezza, e “Quintetto per clarinetto e archi op.115” (1892), definito da Massimo Mila “un’opera straordinaria, una delle più alte di tutta la letteratura musicale”.
Il ciclo proseguirà con Michele Campanella: il 5 giugno, giorno del suo settantesimo compleanno, assieme al Quartetto della Scala con il “Quartetto n.3 op.60” e il “Quintetto op.34”, e il 18 giugno con il “Trio n.2 op.87” e “Sonata op.34 per due pianoforti” con la moglie Monica Leone e con i fratelli Diego e David Romano.
Questi ultimi torneranno il 25 giugno per l’appuntamento conclusivo della proposta d’ascolto, con il Sestetto Stradivari formato da musicisti dell’Accademia di Santa Cecilia, per il “Sestetto n.2 op.36” ed il “Quintetto per archi n.1 op.88”.

Biglietto: 20 euro (ridotto 10 e 15 Euro) – prenotazione obbligatoria

Info: tel 081 5606630 – 3929161691 – 3929160934 – maggiodellamusica@libero.it
www.maggiodellamusica.it

Ufficio Stampa
dott. Paolo Popoli
e-mail: paolopopoli@gmail.com

_________________________________________________________

Maggio della Musica, XX stagione concertistica 2017
Giovedì 18 maggio alle ore 20.15 – Veranda neoclassica di Villa Pignatelli (via Riviera di Chiaia 200, Napoli)
Festival Brahmsiano 2015-17

Quartetto d’Archi della Scala di Milano
Fabrizio Meloni, clarinetto

Johannes Brahms (1833 – 1897)
Quartetto per archi n. 3 in Si bemolle maggiore, op. 67 (1876)
Quintetto in si minore per clarinetto e archi, op. 115 (1892)

Fabrizio Meloni
Primo clarinetto dell’Orchestra del Teatro e della Filarmonica della Scala dal 1984, ha compiuto gli studi musicali al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano diplomandosi con il massimo dei voti, la lode e la menzione d’onore.
È vincitore di concorsi nazionali e internazionali: ARD Monaco, Primavera di Praga nel 1986.
Ha quindi collaborato con alcuni dei massimi solisti di fama internazionale e ha tenuto tournée negli Stati Uniti e in Israele col Quintetto a Fiati Italiano, eseguendo brani dedicati a tale formazione da Berio e Sciarrino.
Numerosi i suoi progetti discografici realizzati e le incisioni pubblicate dalla rivista Amadeus.
È stato invitato a tenere masterclass presso prestigiose istituzioni internazionali (Conservatorio Superiore di Musica-Parigi, Conservatorio della Svizzera Italiana, Manhattan School of Music-New York, Northeastern Illinois University-Chicago, Music Academy-Los Angeles, Università Tokyo e Osaka), inoltre docente in Master di alto perfezionamento all’Accademia delle Arti e Mestieri del Teatro alla Scala, all’Associazione Lirico Musicale “Giovani all’Opera” – Roma, presso i Conservatori di Udine, Conservatorio di Saragozza, di Milano.
È autore del libro “Il clarinetto”, pubblicato da Zecchini Editore, già in seconda ristampa e di prossima uscita in lingua inglese.
Il canale televisivo “Sky Classica” gli ha dedicato un documentario dal titolo “Notevoli” e uno “Special sul clarinetto e il suo interprete” edito da TvSat2000.

Quartetto d’Archi della Scala di Milano
La prima formazione del Quartetto d’archi della Scala è storica e risale al 1953, quando le prime parti sentirono l’esigenza di sviluppare un importante discorso musicale cameristico seguendo l’esempio delle più grandi orchestre del mondo.
Nel corso dei decenni il Quartetto d’archi della Scala è stato protagonista di importanti eventi musicali e registrazioni; dopo qualche anno di pausa, nel 2001, quattro giovani musicisti, già vincitori di concorsi solistici internazionali e prime parti dell’Orchestra del Teatro, decidono di ridar vita a questa prestigiosa formazione, sviluppando le loro affinità musicali già consolidate all’interno dell’Orchestra, elevandole nella massima espressione cameristica quale è il quartetto d’archi. Numerosi i loro concerti per alcune tra le più prestigiose associazioni concertistiche in Italia e all’estero. Hanno collaborato con pianisti del calibro di Bruno Canino, Jeffrey Swann, Angela Hewitt, Paolo Restani e Bruno Campanella.
Numerose le loro prime esecuzioni di compositori contemporanei quali Boccadoro, Campogrande, Francesconi, Digesu, Betta e Vlad.
Nel 2008 fanno il loro esordio, con un concerto, al prestigioso Mozarteum di Salisburgo e nello stesso anno ricevono il premio “Città di Como” per i loro impegni artistici.
Ha scritto di loro il Maestro Riccardo Muti:” …quartetto di rara eccellenza tecnica e musicale, …la bellezza del suono e la preziosa cantabilità, propria di chi ha grande dimestichezza anche con il mondo dell’opera, ne fanno un gruppo da ascoltare con particolare gioia ed emozione”.
_________________________________________________________

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Prima del concerto e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...