Venerdì 7 aprile la rassegna “Diciassette e Trenta Classica” ospita al Teatro Diana il prestigioso Quartetto Kodály

Venerdì 7 aprile, alle ore 17.30, al Teatro Diana (v. Luca Giordano, 64 – Napoli), per la rassegna “Diciassette e Trenta Classica”, concerto del Quartetto Kodály, formato attualmente da Attila Falvay e Ferenc Bangó (violini), János Fejérvári (viola) e György Éder (violoncello)

In programma musiche di Mozart, Kodály, Dvořák

Costo del biglietto
Platea: 12 Euro
Galleria: 10 Euro

________________________________________________________

Venerdì 7 aprile, ore 17.30 – Teatro Diana (v. Luca Giordano, 64 – Napoli)

Quartetto Kodály
Attila Falvay e Ferenc Bangó, violini
János Fejérvári, viola
György Éder, violoncello

Programma

W. A. Mozart: Quartetto in mi bemolle maggiore K.428

Z. Kodály: Serenade

A. Dvořák: Quartetto in mi bemolle maggiore, op. 51

Quartetto Kodály
Il Quartetto si è posto come obiettivo principale quello di mantenere i più alti valori della tradizione musicale e gli standard dei famosi quartetti ungheresi del XX secolo.
Fondato nel 1966 da quattro studenti della Franz Liszt Academy di Budapest ha presto ottenuto un’ottima reputazione internazionale. Tutti i maggiori compositori ungheresi (Bartók, Dohnányi, Kurtág, Ligeti), così come compositori più classici sono rappresentati nel repertorio del Quartetto che pone particolare attenzione alle opere di Zoltán Kodály e all’autenticitá della loro esecuzione.
I membri del Quartetto hanno studiato con artisti di prestigio, tra cui il primo violino del quartetto d’archi ungherese, Zoltan Szekely. Il Quartetto Kodály si è regolarmente esibito in America: negli Stati Uniti, Canada, Messico e Sud America, in quasi tutti i paesi europei, e in tutto l’Estremo Oriente, compresa la Cina, Hong Kong, Corea e Giappone.
Ha tenuto concerti in Australia e Nuova Zelanda collaborando con molti grandi musicisti.
Il Quartetto Kodály ha registrato circa 60 CD.
Tra questi ci sono l’intero ciclo di quartetti d’archi di Haydn, Beethoven, e Schubert.
Nel 1994 la rivista inglese Classic CD ha assegnato al Quartetto il primo premio nella categoria Musica da Camera per le registrazioni di Haydn op.64.
Nel 2007, la BBC ha nominato la registrazione degli ottetti di Mendelssohn e Bruch il “miglior disco di Musica da Camera dell’anno”.
Nel 1990 il governo ungherese ha conferito al quartetto l’Outstanding Artist.
Nel 1996 ha ricevuto il Premio Bartók-Pasztory.

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Prima del concerto e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...