Mercoledì 1 marzo allo Zingarò Jazz Club di Faenza una serata dedicata al sassofono con il Tino Tracanna Double Cut e la presentazione del libro dedicato a Steve Lacy

Foto Luciano Rossetti

Foto Luciano Rossetti

Mercoledì primo marzo 2017, doppio appuntamento allo Zingarò Jazz Club (via Campidori, 11 – Faenza) .
La serata si apre con la presentazione del libro “Conversazioni con Steve Lacy”, curata da Francesco Martinelli, e prosegue con il concerto del Tino Tracanna Double Cut, formazione composta da Tino Tracanna al sax soprano, al sax tenore e al sax baritono, Massimiliano Milesi al sax tenore e al sax soprano, Giulio Corini al contrabbasso e Filippo Sala alle percussioni.

L’appuntamento è, come di consueto, per le 22 con ingresso libero.

Double Cut è un insolito quartetto formato da due sassofoni, un contrabbasso e una batteria più una serie di strumenti inusuali.
Il gruppo nasce nel 2014 dall’incontro tra Tino Tracanna e Massimiliano Milesi all’interno del Dipartimento jazz del Conservatorio di Milano: i due musicisti puntano ad esplorare le potenzialità espressive dello strumento sia rielaborando classici del Jazz sia brani originali che fanno da sfondo ad improvvisazioni del tutto libere da appartenenze di genere.

Dopo qualche tempo, la sperimentazione si sviluppa in un quartetto pianoless con l’aggiunta di Giulio Corini al contrabbasso e Filippo Sala alla batteria, anche quest’ultimo incontrato all’interno del Dipartimento Jazz del Conservatorio di Milano.

Il confronto generazionale tra Tracanna e Milesi fa da catalizzatore alle differenti visioni, idee ed esperienze musicali dei componenti del gruppo dando luogo ad un progetto che incontra elementi appartenenti a mondi musicali diversi.
Double Cut è il luogo musicale generato dall’incrocio di esperienze diverse: uno spazio nuovo definito da due segni tracciati su un piano.

Francesco Martinelli, curatore della edizione italiana, presenta il volume “Conversazioni con Steve Lacy” (ed. ETS, Pisa 2016) in un dialogo con il sassofonista Tino Tracanna.
Se oggi il sax soprano è onnipresente sui palchi del jazz lo si deve alla curiosità musicale di Steve Lacy, il cui esempio spinse Coltrane a imbracciare il sax dritto. Ispirato da Sidney Bechet, Lacy ha suonato giovanissimo a New York con i grandi del jazz tradizionale come Rex Stewart e Henry “Red” Allen.
Dopo l’incontro con Cecil Taylor e Thelonious Monk, si dedica a sviluppare la propria musica continuando a collaborare con una vasta gamma di musicisti, dal trombonista Roswell Rudd all’arrangiatore Gil Evans da Mal Waldron e George Lewis a Misha Mengelberg, Evan Parker, Joelle Léandre e Alexander von Schlippenbach.

Le trentaquattro interviste raccolte nel volume coprono l’intero arco della carriera di Steve Lacy, dal 1959 al 2004, apparse in riviste di jazz americane ed europee ma anche inedite, per illustrare la straordinaria evoluzione della carriera e del suo pensiero musicale.
Completano il volume una sezione di scritti autobiografici e artistici con vari inediti – riprodotti nella nitida calligrafia dello stesso sassofonista – le partiture autografe di tre canzoni su testi poetici, una discografia consigliata e molte foto storiche.
L’edizione italiana è arricchita da due interviste tratte da Musica Jazz e non inserite nel volume originale, da una discografia consigliata da Roberto Ottaviano e da uno scritto su Lacy di Arnold Davidson.

La stagione dello Zingarò Jazz Club è accompagnata dalla nuova installazione fotografica di Lorenzo Gaudenzi dedicata al jazz: gli scatti hanno anche una valenza ecologica, in quanto Gaudenzi ha utilizzato un particolare cartoncino riciclato sia per la stampa che per la confezione della mostra.

Mercoledì 8 marzo, la stagione dello Zingarò Jazz Club prosegue con il concerto Minavagante, una rilettura in chiave jazzistica del repertorio di Mina da parte del quartetto formato da Michela Pedrini alla voce, Antonio Amabile al pianoforte, Giorgio Santisi al basso e Christian Rovatti alla batteria.

Contatti:

Zingarò Jazz Club
Via Campidori, 11. Faenza (RA)
Tel: +39.0546.21560
e-mail: info@ristorantezingaro.com
web: www.ristorantezingaro.com; www.twitter.com/zingarojazzclub

Direzione Artistica: Michele Francesconi

Rapporti con la Stampa:
Fabio Ciminiera
e-mail: fabiociminiera@jazzconvention.net
mob: +39.347.4098632
skype: fabio.ciminiera

_________________________________________________________

Tino Tracanna fa parte del Quartetto di Franco D’Andrea dai primi anni 80 fino al 90. Dal 1983 fa parte del quintetto di Paolo Fresu con i quali vince numerosi referendum.
Il sassofonista ha al suo attivo numerosi progetti discografici e vanta oltre un centinaio di incisioni realizzate come solista.
È coordinatore dei Corsi Jazz del Conservatorio di Milano.

Massimiliano Milesi è membro della Contemporary Orchestra di Giovanni Falzone e fondatore del Collettivo RES, un laboratorio permanente di ricerca musicale e sonora.
Dal 2014 è membro dell’orchestra europea di Wayne Horvitz.
È stato annoverato nella classifica Top Jazz Nuovi Talenti dalla rivista Musica Jazz.
Ha collaborato con diversi artisti di caratura internazionale come Ralph Alessi, Garrison Fewell, Markus Stockhausen, Marvin Smith e Dave Liebman.

Giulio Corini è considerato tra i più interessanti improvvisatori della nuova scena jazzistica italiana e da diversi anni collabora con i grandi nomi del jazz internazionale tra cui Enrico Rava, John Abercrombie, Francesco Bearzatti, Stefano Battaglia, Ralph Alessi e Jim Snidero.
È membro del collettivo El Gallo Rojo e direttore artistico del progetto QuidExtempora.
La sua discografia comprende oltre 30 titoli come leader e sideman.

Filippo Sala dal 2007 fa parte del gruppo percussioni in movimento Dadadang, col quale si è esibito in diverse città europee.
È membro fondatore del Collettivo RES e milita in importanti formazioni jazzistiche italiane come il Riccardo Luppi “Tribute to Sun Ra”, l’Antonio Vivenzio Trio e il progetto Max Speed di Francesco Chiapperini.
Ha suonato con diversi Jazzisti internazionali come Ralph Alessi, Sabir Mateen e Giovanni Falzone.

Logo Zingarò jazz club

Zingarò Jazz Club – Programma Marzo 2017

Mercoledì 1 Marzo 2017
Francesco Martinelli presenta il libro “Conversazioni con Steve Lacy”
Tino Tracanna Double Cut
Tino Tracanna. sax soprano, sax tenore, sax baritono
Massimiliano Milesi. sax tenore, sax soprano
Giulio Corini. contrabbasso
Filippo Sala. percussioni

Mercoledì 8 Marzo 2017
Minavagante
Michela Pedrini. voce
Antonio Amabile. pianoforte
Giorgio Santisi. basso
Christian Rovatti. batteria

Mercoledì 15 Marzo 2017
Saxea 4tet
Diego Mascherpa. sax soprano, sax alto, clarinetto
Gianni Virone. sax alto
Diego Borotti. sax tenore, sax soprano, EWI, loop station
Marco Tardito. sax baritono, clarinetto basso

Mercoledì 22 Marzo 2017
Manzi/Di Gregorio/Dominici Trio
Daniele Di Gregorio. marimba
Massimo Manzi. batteria
Giacomo Dominici. contrabbasso

Mercoledì 29 Marzo 2017
Max Rocchetta Rockytrio
Massimiliano Rocchetta. pianoforte
Paolo Ghetti. contrabbasso
Stefano Paolini. batteria
________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Prima del concerto e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...