Lunedì 5 dicembre a Villa Lante al Gianicolo “L’Orecchio di Giano” propone “D’Annunzio e la musica”

Logo Orecchio di GianoUltimo concerto del 2016 nella bellissima e panoramica loggia di Villa Lante al Gianicolo per la quindicesima edizione de “L’Orecchio di Giano: Dialoghi della Antica & Moderna Musica”, il ciclo di concerti dell’Ensemble Seicentonovecento, fondato e diretto da Flavio Colusso, organizzato da Musicaimmagine in collaborazione con l’Institutum Romanum Finlandiae, il sostegno del MiBACT e con il patrocinio dell’Ambasciata di Finlandia.

Lunedì 5 dicembre, alle ore 20.00, a Villa Lante al Gianicolo con il concerto D’Annunzio e la musica, il soprano Silvia Bossa, eccezionalmente accompagnata al pianoforte da Antonio Giovannini, celebre contraltista dell’Ensemble Seicentonovecento, allievo della Bossa e pianista di talento, interpreta le musiche di alcuni dei compositori che si sono misurati con il “suono” delle parole dannunziane: Tosti, Mascagni, Puccini, Zandonai e il Colusso dei nostri giorni.
Il concerto è preceduto, alle 18.30 da una conversazione con l’italianista Filippo Sallusto e con il musicologo Marco Beghelli che parlano del rapporto del Poeta con la musica e con i musicisti; tra questi, in particolare, l’amico Puccini, la cui collaborazione, da entrambi ricercata e più volte tentata, non si riuscì a realizzare e l’opera La Crociata degli innocenti «Mistero di Gabriele d’Annunzio per la musica di Giacomo Puccini» non fu mai compiuta.
Molto s’è detto e scritto del rapporto multiforme di Gabriele d’Annunzio con la Musica e con le altre Arti: non solo la sua vita stessa e tutta l’opera sua sono intrise di musica ma tutto il mondo sonoro che lo circonda è per d’Annunzio una realtà che lo incanta, ove s’immerge e si abbandona.
Un incontro segnato da valori imprescindibili quello del grande Poeta con la musica moderna e con quella antica, della quale fu uno dei primi estimatori e divulgatori.
La sua risonanza con le antiche mutazioni, “trasmutazioni” ed enarmoniche modulazioni dei suoni e dei significati delle stesse parole si conferma nella costante ricerca dell’unione delle Arti, di quella Gesamtkunstwerk che l’accese per tutta la sua “vita inimitabile”.
Il rapporto di d’Annunzio con i “suoi” musicisti, anche se con valore ed esiti assai diversi, non fu facile, proprio per l’estrema musicalità dei versi e della prosa del Poeta, il quale più volte espresse il rammarico di non poter mettere in musica da solo la sua lirica.
Debussy, Franchetti, Honegger, Malipiero, Mascagni, Montemezzi, Pizzetti, Respighi, Tosti, Zandonai, fino al Colusso dei nostri
giorni, si sono misurati con il suono delle parole dannunziane; a questi si sommano i molti compositori con i quali elaborò progetti inattuati, compreso l’amico Puccini.

Nel suo Notturno, straordinario viaggio avventuroso vissuto nei sensi e nella memoria attraverso l’esperienza della cecità e della stasi forzata vissuta nel 1916 a causa di un incidente aereo, d’Annunzio ci svela la chiave di lettura che facendoci andare ben oltre ogni storicismo e ogni intenzione critica, non si deve né si può disattendere poiché apre la porta del suo più intimo sentire: «O arte, arte inseguita con tanta passione e intraveduta con tanto desiderio! Disperato amore della parola incisa per i secoli! Mistica ebrietà che talvolta della mia stessa carne e del mio sangue stesso faceva il verbo! Fuoco dell’ispirazione che improvviso fondeva l’antico e il nuovo in una lega incognita! La mano soppesava la materia. La materia aveva colore, rilievo, timbro. La penna era come il pennello, come lo scarpello, come l’arco del sonatore. Temprarla era un piacere glorioso. Lo spirito umile e superbo tremava nel considerare la risma compatta e intatta da trasmutare in libro vivente. La qualità dell’olio per la lampada era eletta come per un’offerta a un dio severo».

Posti limitati si consiglia la prenotazione

Ingresso (con 1 CD MR in omaggio): Intero 25,00 Euro
Ridotto Speciale “Porta un Giovane alla cultura” (biglietto cumulativo 1 adulto e 1 minore): 20,00 Euro

Info
tel. +39.328.6294500
info@musicaimmagine.it
www.orecchiodigiano.net
www.seicentonovecento.net

Ufficio Stampa Production & Promotion MUSICAIMMAGINE
Isabella Grimaldi
via del Corso, 494 a
Roma – Italy
tel. +39.328.6294500
+39.06.36004667
promozione@musicaimmagine.it
www.musicaimmagine.it

_________________________________________________________

L’Orecchio di Giano: Dialoghi della Antica & Moderna Musica – Quindicesima Edizione
lunedì 5 dicembre, Villa Lante al Gianicolo (Roma)
ore 18.30: Conversazione
ore 20.00: Concerto

D’Annunzio e la musica

musiche di Tosti, Mascagni, Puccini, Zandonai, Colusso, su versi di Gabriele d’Annunzio

Silvia Bossa, soprano
Antonio Giovannini, pianoforte
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Prima del concerto e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...