Marrone: Conversazioni con le cose senza nome

Copertina cd Patrizio MarroneDiplomatosi al Conservatorio di San Pietro a Majella con Massimo Bertucci (pianoforte) e Bruno Mazzotta (composizione), e perfezionatosi con Giacomo Manzoni e Franco Donatoni, il napoletano Patrizio Marrone, classe 1961, è uno dei migliori musicisti della sua generazione.
Autore apprezzato sia in Italia che all’estero, ha all’attivo una vasta produzione, che abbraccia un po’ tutti i generi musicali.
Inoltre, porta avanti una prestigiosa carriera di docente (attualmente ricopre la cattedra di Composizione) nel conservatorio dove è cresciuto, e che ha anche diretto dal 2008 al 2011.
Dal punto di vista stilistico, Marrone ha sempre mostrato di prediligere la musica tonale, pur non disdegnando incursioni in territori maggiormente vicini alla ricerca ed alla sperimentazione contemporanee.
Proprio queste ultime sono alla base del cd, che la casa milanese Stradivarius ha recentemente inciso, nell’ambito della serie Times Future, rivolto alla produzione del compositore partenopeo compresa fra gli ultimi anni del Novecento e i nostri giorni.
Il nucleo del disco è rappresentato da cinque pezzi per strumento solo, denominati Conversazioni con le cose senza nome (da cui il titolo dato all’intera registrazione), e numerate in ordine progressivo, le prime tre per pianoforte (1994), la quarta per violino (2010) e l’ultima per chitarra (2014).
Si tratta, in realtà, di una serie di monologhi, veri e propri distillati volti a concentrare mirabilmente alcune delle tendenze che hanno caratterizzato la musicalità del Novecento.
A tal proposito, il principale punto di forza di questi lavori è rappresentato da una modernità, che non rinuncia mai ai richiami del passato, distante anni luce dalle vuote elucubrazioni che hanno purtroppo contraddistinto la produzione della seconda parte del XX secolo, e continuano ad avere ancora oggi strascichi nefasti.
Ciò porta ad una musica complessa che, per essere compresa in pieno, necessita di un ascolto ripetuto e graduale ma, una volta assimilata, risulta quanto mai intrigante, grazie anche ad una struttura estremamente solida e corposa.
Il cd si completa con “Non è una carezza” per flauto dolce (2007), ispirata a un messaggio promozionale della Lega del Filo d’Oro, dove lo strumento è utilizzato in tutte le sue potenzialità, e un Adagio ed un Rondò per quartetto di sassofoni (2005), legati a forme classiche che sconfinano in istanze moderne.
Per quanto riguarda le esecuzioni, i brani sono affidati a Ciro Longobardi (pianoforte), Daniele Colombo (violino), Antonio Grande (chitarra), ed al Quartetto di sassofoni Arcadia, formato da Gianfranco Brundo, Corrado La Marca, Salvatore Cutrò e Marco Caruso, tutti interpreti di assoluto valore, che evidenziano grande dimestichezza con le sonorità contemporanee, per cui riescono a sottolineare le innumerevoli sfumature legate alle diverse composizioni, esaltandone l’elevato spessore.
In conclusione, un cd che propone alcuni ottimi contributi alla letteratura musicale contemporanea da parte di un autore, Patrizio Marrone, sicuramente fra i più validi ed interessanti del nostro tempo.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Questa voce è stata pubblicata in Recensioni Cd e Sacd e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...