La Fandango ripubblica l’audiolibro “Orti di guerra” su testo di Edoardo Albinati e musiche di Fabrizio de Rossi Re

Orti di guerraDue grandi personalità, Fabrizio de Rossi Re ed Edoardo Albinati (Premio Strega 2016), che si incontrano in questo apparentemente placido sodalizio tra musica e letteratura, dove in realtà non c’è nulla di convenzionale e di rassicurante.
Basta consultare la biografia dei due artisti per intuire quale potenziale esplosiva energia si può liberare da un tale incontro: la musica di de Rossi Re è uno dei rari casi in cui la cultura delle avanguardie storiche è riuscita a conciliarsi con un urgenza espressiva militante; e quindi prestigiose commissioni nei più importanti festival internazionali ma anche presenza costante nelle “cantine” underground di tutta Europa.

Lo scrittore è uno dei pochi che sia riuscito a tradurre nella leggerezza di versi poetici e racconti brevi le sue esperienze di insegnante nel carcere di Rebibbia e di testimone diretto del conflitto in Afghanistan, coniugando la finzione letteraria con una drammatica testimonianza sociale.
L’originalità dell’incrocio tra il linguaggio musicale, non significante di per sé, ma piegato talvolta a funzione descrittiva, con brani tratti da un testo non immediatamente introspettivo o teatrale, ma la cui forza drammatica è volta al versante sociale, rende questa performance un esempio di teatro civile in grado di accogliere in sé una sempre latente leggerezza creativa ironica di fruibilità e godibilità immediate.
I brani letterari sono tratti da appunti di viaggi nei territori afghani e dal libro “Orti di guerra”

L’Orto di guerra: piccolo appezzamento che, in tempo di guerra, viene ricavato da un giardino o da un parco pubblico per potervi coltivare ortaggi, verdure, legumi e sfamare la popolazione. Espediente tipico di un’economia di sopravvivenza.
Qualsiasi spazio diventa buono per seminare: minuscoli Orti di guerra si possono perfino fare in casa, nella vasca da bagno o dentro scatole di scarpe….
“Ho cercato di buttare in un quadrato di righe i semi del nostro tempo, sperando che crescesse qualcosa di cui nutrirsi, con cui sopravvivere magari solo per un altro giorno. Insomma un’economia di guerra applicata alla prosa”.
“Nel piccolo formato, dice Albinati, ho versato e mischiato le esperienze più diverse: cronache, fantasie, maldicenze, invettive e lagne, ritagli di giornale, frammenti sonori, lettere, istantanee, aneddoti, moralità, descrizioni di battaglie, traduzioni in prosa di quadri e canzoni, novellette esemplari: semi disparati ma utili e piantati in poca terra. Il libro invita il lettore a fare altrettanto, cioè a formare il proprio libro di esercizi usando i materiali dell’epoca senza negarli o disprezzarli…”
Newton.Live

Orti di guerra – Audiolibro FANDANGO
Link: http://www.amazon.it/Orti-guerra-Con-CD-Audio/dp/8860440297
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Questa voce è stata pubblicata in Libri e musica e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...