Martedì 19 e mercoledì 20 luglio l’Associazione Culturale “I Figlioli di Santa Maria di Loreto” organizza una Giornata di studi ed un concerto dedicati a Gaetano Veneziano nel terzo centenario della morte

Locandina Tobia SposoIspirandosi al nome di uno dei quattro antichi conservatori della città, l’Associazione Culturale “I Figlioli di Santa Maria di Loreto” fonda il proprio impegno nel recupero del patrimonio musicale napoletano, attraverso la riscoperta, lo studio, la ricostruzione filologica e l’esecuzione dell’immenso corpus di partiture a stampa e manoscritte conservate nei fondi e negli archivi cittadini e non solo, a dimostrazione della diffusione, del prestigio e dell’influenza che la Scuola Musicale Napoletana ha esercitato nella corso della Storia.
L’Associazione presenta due appuntamenti eccezionali in quest’anno in cui le attività si incrociano con le celebrazioni per il terzo centenario della morte di Gaetano Veneziano (16 luglio 1716-2016), figura di spicco del panorama musicale napoletano alla fine del seicento.
“I Figlioli” hanno voluto rendergli un tributo, presentando dei lavori che abbiano un legame profondo con la Basilica del Carmine Maggiore, dove ricopriva l’incarico di Maestro di Cappella.
E così dallo scorso mese di dicembre con la prima esecuzione in tempi moderni del “Mottetto Pastorale in Lode del SS.mo Crocifisso del Carmine” e la ricostruzione del Cerimoniale per lo svelamento del Crocifisso, si è avviato questo anno celebrativo che li vedrà impegnati nella prossima ricostruzione dello scherzo drammatico “Il Tobia Sposo”.
Lo scherzo drammatico sarà eseguito con strumenti antichi e con la partecipazione di musicisti e cantanti provenienti da tutta Italia.

Due eventi in programma per i prossimi giorni:

il 19 luglio, alle ore 17.00, presso la Biblioteca fra’ Landolfo Caracciolo, nel Complesso Monumentale di San Lorenzo Maggiore è prevista una Giornata di Studi e la presentazione del volume: L’oratorio musicale nel Regno di Napoli al tempo di Gaetano Veneziano (1656 ca. – 1716), a cura di Antonio Dell’Olio (Napoli, Ed. I Figlioli di Santa Maria Loreto, 2016)

Interventi di: Paola Besutti, Antonio Dell’Olio, Paologiovanni Maione, Maurizio Rea, Agostino Ziino

il 20 luglio, alle ore 20.30, presso la Basilica Santuario del Carmine Maggiore, prima esecuzione in tempi moderni dello Scherzo Drammatico “Il Tobia Sposo” a 5 voci con strumenti.
È un Oratorio musicale in cui si racconta la storia tratta dal brano biblico in cui Tobi, sentendo approssimarsi la propria fine, manda il figlio Tobia nella Media presso un parente, Gabael, a riscuotere dieci talenti d’oro lasciatigli in deposito.
Cercando una guida per il cammino, incontra un connazionale che si offre di accompagnarlo, conoscendo bene la strada.
In realtà, si tratta dell’arcangelo Raffaele, mandato da Dio ad alleviare le sofferenze di Tobia, sotto mentite spoglie.
Durante il viaggio Tobia, ad Ecbatana, sposa Sara, figlia del parente Raguele, liberandola dal demone Asmodeo che uccideva tutti gli uomini che avevano provato a sposarla, grazie alle indicazioni di Raffaele, il quale poi provvede, dopo un titanico combattimento, a legare il demone ad una montagna.

Personaggi ed interpreti

Asmodeo: Antonio Braccolino (basso)
Raffaele: Angela Luglio (soprano)
Tobia: Loredana Nocerino (soprano)
Raguele: Leopoldo Punziano (tenore)
Sara: Candida Guida (contralto)

Ensemble strumentale

Vincenzo Bianco, violino I e concertazione:
Roberto Roggia, violino II
Fulvio Milone, viola
Leonardo Massa, violoncello
Giuseppe Petrella, tiorba
Guido Mandaglio, fagotto
Francesco Manna, percussioni

Maurizio Rea, organo e direzione

Questo progetto innovativo, abbandona l’idea della semplice esecuzione musicale e si impone nell’offerta culturale garantendo la possibilità di rivivere per qualche ora le atmosfere di una Festa a Napoli nel Seicento.
Ecco dunque cosa può significare in questo anno riportare alla luce partiture di così elevato spessore: farsi affascinare e toccare dal potere evocativo di queste mirabili testimonianze del passato, farsi stimolare da queste note antiche, intrecciare tutto ciò con la storia più recente e dunque tramite queste pagine creare un’affascinante interscambio tra epoche diverse.
Tali celebrazioni non possono che essere un’importante occasione per celebrare anche la storia della nostra città.
Dunque ci sembra affascinante poter far gustare nuovamente alla città alcuni frutti di quel Gaetano Veneziano che può tranquillamente essere annoverato tra i massimi esponenti della musica napoletana, accanto ai nomi ben più conosciuti di Scarlatti e Pergolesi.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Questa voce è stata pubblicata in Dal mondo della musica e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...