A Convivio Armonico di Area Arte il duo Montano-Castaldo propone un programma raffinato e di raro ascolto

Foto Abele Leonardo

Foto Abele Leonardo

Il mezzosoprano Rosa Montano ed il pianista Mauro Castaldo sono stati ospiti, al Museum Shop, della rassegna Convivio Armonico – Musica nel Corpo di Napoli, organizzata da Area Arte Associazione.
Il duo ha proposto La canzone dei ricordi op. 68b di Giuseppe Martucci (1856-1909) e alcuni pezzi per voce e pianoforte di Francesco Paolo Tosti (1846-1916).
Si tratta di due autori che studiarono entrambi al Conservatorio di San Pietro a Majella, prendendo poi strade artistiche completamente diverse.
Infatti, il primo scrisse musica orchestrale e per pianoforte, di respiro europeo, influenzata soprattutto dal repertorio tedesco.
Fu inoltre docente e direttore del conservatorio napoletano e risulta fra i pochi grandi autori italiani della sua epoca a non scrivere opere.
Dal canto suo, Tosti è ancora oggi ricordato per le sue numerosissime romanze, su testi in napoletano, italiano, francese e inglese, e per essere stato maestro di canto della regina Margherita di Savoia.
Soggiornò poi a lungo in Inghilterra, inizialmente al servizio della regina Vittoria, e non solo acquisì la cittadinanza britannica ma fu anche nominato baronetto.
Tornando al programma, La canzone dei ricordi, in assoluto il primo ciclo liederistico di un autore italiano, è maggiormente nota nella versione per soprano ed orchestra e venne completata da Martucci nel 1887, avvalendosi di sette liriche di Rocco Pagliara, poeta e critico musicale, che successe a Florimo come bibliotecario del Conservatorio di San Pietro a Majella.
Dal vasto repertorio di Francesco Paolo Tosti, del quale si celebra nel 2016 il centenario della morte, il duo Montano-Castaldo ha invece tratto inizialmente Vorrei morire!, Ridonami la calma, Ave Maria, Malia, uscite rispettivamente dalla penna di Leonardo M. Cognetti, Corrado Ricci, Carmelo Errico e Rocco Pagliara, e dedicate, nell’ordine, a Mrs. Arthur Kennard, Lady Cyntia Duncombe, Donna Bianca Capranica Del Grillo e Monsieur Edouard de Reszke, per poi concludere con i celeberrimi ‘A vucchella, su parole di Gabriele D’Annunzio e Marechiare, frutto della collaborazione con Salvatore Di Giacomo.
Per quanto riguarda i due interpreti, hanno evidenziato un notevolissimo affiatamento, cosa non semplice soprattutto nel brano di Martucci che, eseguito per pianoforte e voce, grazie al taglio fornito da Mauro Castaldo, ha acquisito una essenzialità, un rigore ed una modernità che, nella versione orchestrale, tendono a disperdersi.
Ottimo è anche risultato l’accostamento con alcuni pezzi di Tosti che, scritti più o meno nello stesso periodo del brano martucciano, risultavano quasi un suo naturale prolungamento.
In conclusione un concerto di grande livello, sia per il valore degli esecutori, sia per il programma proposto, inserito in una stagione, quella di Convivio Armonico di Area Arte, che quest’anno si affida ad un repertorio pieno di rarità, comprese fra il Seicento e i giorni nostri.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Questa voce è stata pubblicata in Recensioni concerti e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.