Martedì 19 aprile il pianista Grigory Sokolov ospite della rassegna Grandi Interpreti di Bologna Festival

Grigory Sokolov (Foto Mary Slepkova DG)

Grigory Sokolov (Foto Mary Slepkova DG)

Martedì 19 aprile, alle ore 20.30, Teatro Manzoni, Grigory Sokolov, il più grande pianista russo di oggi, torna ospite della rassegna Grandi Interpreti di Bologna Festival .
In programma musiche di Chopin e Schumann, due tra gli autori prediletti dal celebre pianista.
Grigory Sokolov discende dal pianismo epico della scuola russa, ma si tratta di una epicità “raffreddata” mediante sofisticate griglie razionali.
Coesistono in questo interprete grandiosità, sottigliezza analitica e gusto miniaturistico.

Informazioni
Bologna Festival: 051 6493397

Biglietteria Bologna Welcome (Piazza Maggiore 6, c/o Uffici URP) dal martedì al sabato ore 13-19.
Tel.: 051 231454
Vendita online: www.bolognafestival.it

Paola Soffià
Ufficio Stampa Bologna Festival
tel 051 6493397
cell 3287076143
via Lame, 58
40122 Bologna

_________________________________________________________

Martedì 19 aprile, ore 20.30 – Teatro Manzoni
Grandi Interpreti di Bologna Festival

Grigory Sokolov, pianoforte

Programma

Robert Schumann
Arabeske in do maggiore op.18
Fantasia in do maggiore op.17

Fryderyk Chopin
Notturno in si maggiore op.32 n.1
Notturno in la bemolle maggiore op.32 n.2
Sonata n.2 in si bemolle minore op.35

Grigory Sokolov
Tra i massimi pianisti di oggi, Grigory Sokolov è apprezzato per la profondità e l’originalità del suo pensiero interpretativo.
I programmi dei suoi recital abbracciano un repertorio di straordinaria ampiezza: Byrd, Couperin, Rameau, Froberger, Bach, i compositori classici e romantici, Prokof’ev, Ravel, Skrjabin, Rachmaninov, Schönberg e Stravinskij; dedica poi una particolare attenzione alle opere di Beethoven, Schubert, Schumann, Chopin, Brahms.
Celebrato dal pubblico e della critica internazionale, ha ottenuto il massimo riconoscimento della critica musicale italiana, il Premio Abbiati, per «l’originalità della visione sonora e l’avvincente eloquenza pianistica con cui ricrea un repertorio di significativa ampiezza, dai virginalisti a Prokof’ev».
Nato a Leningrado (ora San Pietroburgo), Sokolov ha iniziato gli studi musicali all’età di cinque anni, proseguendo la sua formazione pianistica con Liya Zelikhman al Conservatorio di Leningrado.
A 12 anni ha tenuto il suo primo concerto pubblico; a 16 anni, ancora studente, ha vinto il Concorso Čajkovskij di Mosca.
Quell’anno la giuria era presieduta da Emil Gilels, che colse appieno il valore del giovane quanto talentuoso pianista russo.
Agli inizi della carriera, negli anni Settanta, Sokolov ha effettuato lunghe tournée negli Stati Uniti e in Giappone; solo successivamente sono divenute frequenti le sue apparizioni anche nelle sale da concerto europee.
Si è esibito con orchestre e direttori di assoluto rilievo, prima di decidere di dedicarsi esclusivamente al recital solistico.
New York Philharmonic Orchestra, Royal Concertgebouw Orchestra, Philharmonia di Londra, Orchestra Sinfonica della Radio Bavarese, Orchestra Filarmonica di Monaco sono solo alcuni dei complessi sinfonici con cui ha collaborato, insieme a direttori come Valery Gergiev, Riccardo Chailly, Neeme Järvi, Myung-Whun Chung, Herbert Blomstedt, Trevor Pinnock, Vladimir Fedoseyev.
Oggi Sokolov tiene circa settanta concerti all’anno, ideando per ogni stagione un particolare programma.
Poco propenso a registrare in studio, Sokolov consegna al suo pubblico una selezionata discografia.
Ha inciso L’arte della fuga e la Partita n. 2 di Bach; Sonate e Studi di Prokof’ev, Rachmaninov e Skrjabin; le Variazioni Diabelli di Beethoven; gli Studi op.25, i Preludi op.28 e la Sonata n.2 op.35 di Chopin; le Ballate op.10 e la Sonata n.3 di Brahms; le Sonate D.960 e D.984 di Schubert; il Concerto per pianoforte e orchestra n.1 di Čajkovskij. Prokof’ev, Beethoven, Chopin, Bach e Couperin sono gli autori di un memorabile recital parigino, Sokolov in Paris disponibile in DVD.
Recente, la pubblicazione per l’etichetta Deutsche Grammophon del recital tenuto al Festival di Salisburgo nel 2008 con musiche di Chopin, Skrjabin, Mozart, Rameau, Bach.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Questa voce è stata pubblicata in Prima del concerto e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...