L’Orchestra Giovanile Napolinova prosegue la sua maturazione nel segno di Mozart e Schubert

Foto Max Cerrito

Foto Max Cerrito

Nella splendida cornice della chiesa di S. Anna de’ Lombardi, si è recentemente tenuto il secondo concerto della stagione 2016 dell’Orchestra Giovanile Napolinova, sotto l’attenta direzione del maestro Mariano Patti.
La serata ha avuto inizio con il pezzo “Lento espressivo”, tratto dalla Sinfonia per archi di Patrizio Marrone, attualmente uno dei più prestigiosi compositori napoletani, che riesce a conciliare le istanze moderne con i gusti del pubblico, senza per questo cadere nella superficialità.
Era poi la volta del Concerto per oboe e orchestra in do maggiore K. 314 di Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791), che ha alle spalle una storia piuttosto curiosa.
Originariamente venne composto per il bergamasco Giuseppe Ferlendis, oboista dell’orchestra di Salisburgo nel periodo 1777-1778, ma divenne il cavallo di battaglia di un altro virtuoso, il tedesco Friedrich Ramm, che suonava a Mannheim.
Poi se ne persero le tracce fino al 1920 quando, fra alcuni documenti del Mozarteum di Salisburgo, il musicologo e direttore d’orchestra Bernhard Paumgartner, grande studioso mozartiano, ritrovò il manoscritto originale e comprese il motivo dell’oblio.
In realtà la partitura era ugulae a uno dei concerti per flauto e orchestra, frutto della commissione del flautista dilettante olandese Ferdinand Dejean, che aveva chiesto “tre piccoli, facili e brevi concerti, oltre a un paio di quartetti con flauto” (come scrisse il genio di Salisburgo in una lettera al padre), promettendogli 200 fiorini, cifra che scese a 96 fiorini, molto probabilmente perché uno dei brani richiesti era soltanto una trascrizione di un pezzo precedente.
Dopo un breve intervallo, la seconda parte è stata interamente dedicata alla Sinfonia n. 5 in si bemolle maggiore D. 485 di Franz Schubert (1797-1828).
Scritta fra settembre ed ottobre del 1816, presenta una impronta volutamente mozartiana e, in particolare, utilizza il medesimo organico della celeberrima Sinfonia n. 40 K. 550, e riprende, nel minuetto, identici passaggi.
Uno sguardo agli interpreti per rimarcare innanzitutto l’ottima prova dell’Orchestra Giovanile Napolinova, nata nel 2014, caratterizzata da una buona compattezza sia degli archi, sia dei fiati, che prosegue nel suo processo di maturazione, sotto il vigile sguardo del maestro Mariano Patti, esperto direttore stabile della compagine.
Molto bravo, come sempre, anche l’oboista Fabio D’Onofrio, che ha fornito il suo splendido apporto come solista, eseguendo come bis un pezzo per oboe e violoncello, tratto dalla produzione del britannico Purcell.
Pubblico numeroso e partecipe, al quale è stato offerto un bis conclusivo, con la riproposizione del brano del maestro Marrone, presente al concerto e visibilmente emozionato.
Prossimo ed ultimo appuntamento napoletano di questa prima parte della stagione, domenica 10 aprile, data in cui gli archi dell’Orchestra Giovanile Napolinova si confronteranno con un programma di ampio respiro, compreso fra Vivaldi e Gershwin.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Questa voce è stata pubblicata in Recensioni concerti e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.