Nell’auditorium di Castel S. Elmo l’ottimo esordio napoletano del trio del contrabbassista Renaud Garcia-Fons

Foto Vincenzo Moccia

Foto Vincenzo Moccia

La stagione dell’Associazione Alessandro Scarlatti ha ospitato il Renaud Garcia-Fons Arcoluz Trio, formazione composta da Renaud Garcia-Fons al contrabbasso, Kiko Ruiz alla chitarra flamenca e Pascal Rollando alle percussioni.
Al centro della serata una serie di composizioni di Renaud Garcia-Fons, tratte da alcuni dei cd da lui incisi come solista o leader di formazioni dall’organico molto variabile.
Fra questi ricordiamo Anda Loco, incontro fra rumba e flamenco (contenuto in Arcoluz del 2006, album che ha dato anche il nome all’ensemble), 40 Días ed Entre Continentes, entrambi appartenenti ad Entremundo (2004) e La Silhouette, da La Línea del Sur (2009), viaggio attraverso le strade di un immaginario Sud del mondo.
Per quanto riguarda Garcia-Fons, che si esibiva a Napoli per la prima volta, ha confermato le straordinarie doti di grande virtuoso (non a caso qualcuno lo ha definito “Paganini del contrabbasso”, titolo che fu già di Bottesini nell’Ottocento), esaltate dalla particolarità del suo strumento, che possiede una corda in più nel registro acuto, permettendogli di raggiungere sonorità inconsuete per un contrabbasso.
Dal punto di vista compositivo, i suoi brani sono ricchi di atmosfere suggestive, legate soprattutto alla cultura dei paesi che si affacciano sul Mediterraneo, per cui, oltre ad una certa prevalenza di temi spagnoli (omaggio alle origini catalane della sua famiglia), in molti casi assistiamo ad un intrigante connubio fra tradizioni europee ed arabe, ma non mancano riferimenti di chiara marca jazzistica così come ritmi tipici dell’America latina e dell’India.
Ulteriore merito del contrabbassista è stato quello di circondarsi sempre di artisti altrettanto validi e, nell’occasione, era accompagnato da Antonio “Kiko” Ruiz, straordinario chitarrista flamenco e Pascal Rollando, percussionista di grandissimo spessore, che completavano un trio di livello internazionale.
Pubblico che ha risposto numeroso alla novità della proposta, forse anche incuriosito dal poter ascoltare uno strumento fuori dall’usuale, ed è rimasto sicuramente contento per aver assistito ad una serata un po’ diversa dal solito ma comunque caratterizzata da ottima musica.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Questa voce è stata pubblicata in Recensioni concerti e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.