L’Associazione Musica Libera apre con un concerto dedicato all’amore

Foto di Max Cerrito

Foto di Max Cerrito

La stagione invernale-primaverile 2016 dell’Associazione Musica Libera, affidata alla direzione artistica del maestro Lucio De Feo, ha avuto inizio con un appuntamento dal titolo “Chanson d’Amour”, tenutosi il giorno di San Valentino alla Domus Ars.
Al centro della mattinata canzoni da camera, arie d’opera e classici napoletani, risalenti ad un arco di tempo compreso fra il periodo Barocco e la seconda metà del Novecento, legati da un filo conduttore di natura sentimentale.
Nella parte iniziale abbiamo ascoltato brani lirici che identificavano protagonisti maschili e feminili di alcune opere (Carmen, Nemorino e Adina, il Conte d’Almaviva, Anna Glawari e Danilo Danilowitsch), alternati a chanson e romanze, nate dalla penna di Régine Wieniawski, Francesco Paolo Tosti, Benedetto Marcello e Saverio Mercadante.
Si è poi passati ad alcune canzoni napoletane e, nell’ordine, sono state eseguite “Fenesta vascia” (tradizionale), “I’ te vurria vasà” (di Russo-Di Capua), “Quanno tramonta ‘o sole” (di Russo-Gambardella), “Canzone appassiunata” (di E. A. Mario), “Voce ‘e notte” (di Nicolardi-De Curtis) e “Indifferentemente” (di Martucci-Mazzocco).
Finale rivolto nuovamente agli autori operistici, con “Almen se non poss’io” di Bellini (dalle Sei ariette, op. 4), “Che farò senza Euridice” di Gluck (da “Orfeo ed Euridice”), “Così amor mi fai languir” di Stradella (da “La forza dell’amor paterno”) ed infine il celeberrimo “De’ miei bollenti spiriti” (da “La Traviata” di Verdi).
Nel complesso un programma abbastanza corposo, che ha visto alternarsi un nutrito gruppo di cantanti, formato da Daniela Salvoni, Filomena Scala e Filomena Totaro (soprani), Valentina Fusaro, Valentina Dura e Francesca Curti Giardina (mezzosoprani), Luca Guida (controtenore) e Massimiliano Sebastiano (tenore) che si sono tutti impegnati al massimo.
Un cenno meritano anche Rosa Montano, ottima pianista accompagnatrice, ed il fisarmonicista Mimmo Matania, che ha fornito un valore aggiunto ai classici della canzone napoletana, nell’ambito di un concerto nato con lo scopo, pienamente raggiunto, di far trascorrere un paio d’ore nel segno della musica di qualità.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Questa voce è stata pubblicata in Recensioni concerti e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.