Mercoledì 2 dicembre Danilo Rea rilegge i Beatles e i Rolling Stones nel chiostro di Palazzo Caracciolo

Danilo ReaC’era un ragazzo che come noi amava i Beatles e i Rolling StonesDanilo Rea non fa parte di chi ancora oggi contrappone i Fab Four a Mick Jagger & co.
Il suo ultimo album, “Something In Our Way”, mette insieme rock e melodie per solo piano.
Mercoledì 2 dicembre presenterà la sua ultima fatica discografica per la prima volta a Napoli nell’ambito di “In Chiostro – Piano e Jazz a Palazzo Caracciolo”.
Dalle 19.30 in poi il suo originale ‘concerto-aperitivo’ rileggerà capolavori assoluti come “Let It Be”, “The Long and Winding Road”, “Yesterday”, “Paint It Black”, “Jumpin’ Jack Flash” e “As Tears Go By”, tra le varie canzoni riarrangiate per pianoforte dal musicista romano.
«Affrontare il repertorio dei Beatles non è una novità per me – spiega il pianista -: con le loro canzoni sono cresciuto e, dal vivo, li suono spesso. Sorprendente, invece, è stata la scoperta dei Rolling Stones: lavorando a questo progetto, mi sono reso conto finalmente di quanto sia potente la loro musica».
Non c’è genere musicale che non rientri nella sua sfera d’interesse.
Pianista compositore e interprete di gran classe, Rea è diplomato in Pianoforte al Conservatorio di Santa Cecilia e ha debuttato 40 anni fa sulla scena jazz con il Trio di Roma (Enzo Pietropaoli e Roberto Gatto), destinato a diventare uno dei gruppi di riferimento del panorama italiano.
Nella sua lunga carriera ha esplorato con gusto e consapevolezza il mondo della classica (è recente il suo sodalizio con Ramin Bahrami nel segno di Bach), la canzone d’autore (come partner privilegiato, tra i tanti, di Mina), infine il rock e del pop, amori giovanili mai dimenticati.
“Something in our way” è dominato da un accattivante senso di leggerezza, dal rispetto per l’invenzione melodica dei due giganteschi gruppi musicali, arricchito dalla verve improvvisativa del jazzista di rango.
Cornice speciale del suo ‘piece unique’ napoletano è il Chiostro di Palazzo Caracciolo, un gioiello architettonico nel cuore di Napoli, in via Carbonara.
Già residenza dell’omonima famiglia, tra le più importanti dinastie nobiliari italiane, è stato edificato nella sua struttura attuale nel 1584 sul luogo dove si ergeva un castello donato da Roberto d’Angiò a Landolfo Caracciolo.
Il chiostro coperto da un originale impluvium e arricchito da un grazioso giardino si propone come location ideale per appuntamenti musicali non banali, né di routine.
Un nuovo luogo per la musica a Napoli.

Ufficio Stampa
RARE comunicazione
Alfredo d’Agnese/Raffaella Tramontano
Mob.+39 3391966011/3928860966
adagnese@gmail.com/raffaella.tramontano@gmail.com

_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Questa voce è stata pubblicata in Prima del concerto e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.