Il duo Rocchino-Ciocchetti propone tre Sonate comprese fra il Settecento ed il Novecento nell’ambito della rassegna “I Concerti dell’Accademia”

Foto Max Cerrito

Foto Max Cerrito

Il nuovo appuntamento con “I Concerti dell’Accademia”, rassegna affidata ai maestri Giovanni Borrelli (Direttore artistico) e Carmine Matino (Direttore di produzione), ha avuto come protagonista il duo formato dal violinista Patrizio Rocchino e dalla pianista Lidia Ciocchetti.
In programma una breve panoramica sul repertorio legato alla Sonata per violino e strumento a tastiera, che partiva dal 1700, anno nel quale Arcangelo Corelli pubblicò a Roma le 12 Sonate à violino e violone o cimbalo, op. 5.
Da queste era tratta la Sonata n. 3 in do maggiore, compresa fra le Sonate da chiesa, che costituiscono le prime sei della raccolta, mentre le rimanenti sono classificate come Sonate da camera.
La successiva Sonata n. 6 in la maggiore op. 30, n. 1 apparteneva invece ad un trittico beethoveniano, risalente al 1802 e dedicato allo zar Alessandro I di Russia, pubblicato l’anno dopo a Vienna, in parti staccate, dal Bureau d’arts et d’industrie
Chiusura con la Sonata in sol minore di Claude Debussy, datata 1917, concepita nell’ambito di un gruppo di sei brani, pensati per organici ridotti e talora insoliti, celebrativi del Settecento francese.
Il progetto si fermò a metà strada in quanto il musicista francese morì nel 1918 e la Sonata per violino e pianoforte risultò la sua ultima composizione in assoluto.
Uno sguardo ora a Patrizio Rocchino e Lidia Ciocchetti che, confrontatisi con un repertorio compreso nell’arco di un paio di secoli, legato alla produzione di autori molto famosi, hanno ben interpretato i brani proposti, evidenziando grande versatilità e buon affiatamento.
Pubblico partecipe ed entusiasta, anche se non molto numeroso (d’altronde la chiesa di San Gennaro all’Olmo, sede del concerto, è ubicata alla fine di via San Gregorio Armeno, la “strada dei presepi”, per cui in questo periodo raggiungerla di domenica mattina risulta particolarmente proibitivo), che ha chiesto un bis ed è stato accontentato con la riproposizione del movimento centrale della sonata beethoveniana.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Questa voce è stata pubblicata in Recensioni concerti e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.