Trabaci: Musica per organo e clavicembalo

Copertina cd Trabaci - Musica per organo e clavicembaloGiovanni Maria Trabaci (1575-1647) rientra in quella vasta categoria di autori famosissimi in vita, ben presto dimenticati una volta morti.
Nato a Montepeloso (oggi Irsina), in provincia di Matera, nel 1594 si spostò a Napoli dove entrò nel coro della chiesa della SS. Annunziata.
Qualche anno dopo fu nominato organista titolare dell’oratorio dei padri Filippini, oggi appartenente al complesso monumentale dei Girolamini.
Ebbe come docente, fra gli altri, il franco-fiammingo Jean de Macque, che avrebbe poi sostituito nel ruolo di maestro della Reale Cappella, primo italiano a ricoprire tale incarico prestigioso.
La produzione di Trabaci, conservata in parte nella biblioteca dei Girolamini, comprende numerosi pezzi sacri vocali e due volumi, pubblicati a Napoli rispettivamente nel 1603 e nel 1615, dedicati alla musica per strumenti a tastiera.
Un’ampia panoramica, relativa a queste due raccolte, è contenuta in un recente doppio cd della casa olandese Brilliant Classics (distribuita in Italia da Ducale Music).
L’esecuzione è affidata a Francesco Cera che, nel primo disco, suona un organo di fine Cinquecento, ancora in ottimo stato, collocato nella chiesa di Sant’Antonio di Salandra (Matera), mentre per i pezzi clavicembalistici si avvale della copia di uno strumento napoletano della metà del XVII secolo, conservato in Olanda.
Dall’ascolto complessivo si ricava, innanzitutto, come lo stile di Trabaci anticipi quei tratti salienti che contraddistingueranno la musica di Frescobaldi.
Inoltre è possibile farsi un’idea dei generi musicali in auge all’epoca nonché della costante ricerca, da parte del compositore, di dare vita a brani innovativi, ricchi di arditezze, in un periodo che, per sperimentazione, fu secondo solo al Novecento.
Tutto questo viene pienamente evidenziato anche grazie alla magistrale interpretazione del maestro Cera, attualmente uno dei massimi esperti del repertorio di Giovanni Maria Trabaci, abile nel riportarci alle suggestive atmosfere del Seicento.
Ricordiamo ancora l’apporto, nel Magnificat, della Polifonica Materana “Pierluigi da Palestrina”, diretta da Carmine Materazzo, piccolo ma significativo contributo ad un’incisione, sicuramente di riferimento, che restituisce al grande pubblico uno dei più interessanti compositori del suo tempo.
______________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Questa voce è stata pubblicata in Recensioni Cd e Sacd e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.