Giovedì 30 luglio i “Riflessi” di Maria Gabriella Mariani al Centro Cerio di Capri in un evento concerto

Locandina MarianiGiovedì 30 luglio 2015, alle ore 19.00, presso il Centro Culturale Caprense “Ignazio Cerio” nella piazzetta di Capri, avrà luogo la presentazione del libro Riflessi Storia di storie senza storia (Tullio Pironti editore) e del CD di brani per piano solo, dal titolo Riflessi (Bongiovanni), entrambi recenti lavori della pianista compositrice e scrittrice Maria Gabriella Mariani.

La pianista scrittrice converserà con la Presidente del Centro Caprense, Prof.ssa Annamaria Palombi Cataldi, il giornalista scrittore Ermanno Corsi e con il pubblico, ed eseguirà al pianoforte alcuni brani tratti dalla raccolta musicale Riflessi: Fiori di fuoco, legato alla novella Fratelli di sangue; ADEDDY, alla novella Eddy; infine, La Canzone di Pulcinella, all’omonimo racconto, dedicato a Napoli, l’ultimo del libro e l’unico ad essere in forma di componimento poetico.

Il libro, la cui prefazione è di Mauro Giancaspro, è una raccolta di quattordici racconti.
Il cd musicale omonimo inciso dalla Mariani e presentato dal Direttore di Musica, Nicola Cattò, contiene brani per pianoforte che talvolta traggono l’ispirazione dai personaggi delle sue narrazioni, altre volte nascono, invece, molto prima della prosa.
Sempre e comunque essi non tradiscono la loro precipua identità di composizioni musicali con una vita indipendente.
Roberto De Simone dedica alla Mariani un complesso saggio sulle problematiche dei possibili modi del comporre musica oggi: “La musica di Maria Gabriella Mariani scorre con una sua consequenzialità priva di formalità scolastiche […] le composizioni, non prive di una loro diversità, vorrebbero strettamente collegarsi a novelle scritte dalla medesima compositrice, pur se – per fortuna in realtà -, l’ascolto prima e dopo la lettura delle stesse non mostra programmate e decise relazioni con il testo che avrebbe fatto germinare i suoni come musica a programma, come musica di commento, o come supporto di fondo descrittivo […] La sua musica potrebbe dichiarare l’impossibilità, il non senso, o la devianza logica, di un comporre relativo a immagini, parole e, conseguentemente considerare la possibilità di un’odierna creatività musicale obbligata a scansare i pericoli di riduzione del prodotto a marmellata del passato”.
I racconti abbracciano una pluralità di tematiche: voglia di emancipazione, male di vivere, profetiche sconfitte, desiderio di essere altro da sé, mediocrità della struttura sociale orrore e separazione provocati della guerra, poesia, psiche, amicizia, morte.
Un’allegorica ruota gigante è il trait d’union tra presente e passato, sogni e disillusioni. Basta attraversarla e tutto sembra possibile; una trentenne irrequieta che decide di tornare alla sua adolescenza per scrivere un finale diverso (La storia della vispa Teresa); un anziano notabile di paese chiamato a fare i conti con i propri interessi (La causa persa); il dolore della guerra che rivive attraverso la storia di due fratelli di sangue (Fratelli di sangue); il sacrificio di una madre che rinuncia alla sua bambina (A tutti quelli che si vogliono bene) e la rinuncia di un bambino che si sacrifica per amore del suo presunto padre Victor (Eddy); il dialogo surreale e ironico tra un professore di Paleontologia e un dinosauro (Quando c’erano i dinosauri); la rivalutazione, in punto di morte, di un’amicizia terminata (Il segreto di Cristofaro); un cavaliere che si immerge negli abissi di Ondine (Poesia. Storia di Ondine e del suo cavaliere); i brividi che può dare un incontro in una ordinaria serata di mondanità (New York New York); echi di un oscuro passato che riemergono attraverso l’incubo di una visione notturna (Echi, a cui è legato il brano musicale omonimo inciso nel cd). La novella L’uomo che non voleva tornare indietro trae spunto invece da un intenso colloquio con il suo Maestro Aldo Ciccolini.
Ogni storia un personaggio, e per ogni personaggio un viaggio nel tempo e nello spazio, una vita nuova, seppure attraverso nuove incognite e, appunto, nuovi “Riflessi”, resi attraverso una scrittura coinvolgente e uno stile particolarmente duttile, capace di adeguarsi ai differenti contesti narrativi, sospesi tra i diversi mondi possibili, attraverso i quali la Mariani racconta storie di personaggi reali e surreali, posti di fronte ad una scelta di vita, che si confrontano con il proprio passato, le proprie scelte, i propri affetti, i sogni e le inevitabili disillusioni. Nel segno dell’evoluzione e di una rinascita.

Maria Gabriella Mariani
Maria Gabriella MarianiConsiderata artista dalla “cifra distintiva complessa”, forse in virtù di quell’iter articolato e assai peculiare, che la rende musicista di grande spessore e appassionata donna di cultura, la Mariani, ha tra i suoi tanti estimatori la celebre pianista argentina Martha Argerich, che più volte l’ha esortata a portare in pubblico l’attitudine innata per l’improvvisazione, per anni relegata esclusivamente alla dimensione privata.
Precoce talento, avvicinatosi alla musica dall’età di 3 anni spontaneamente quanto casualmente, dai 13 anni ha tenuto concerti solistici, prima in Italia, poi in Francia, Spagna, Belgio, Stati Uniti.
Vincitrice di circa venti concorsi pianistici nazionali e internazionali, tra le sue diverse collaborazioni artistiche si ricordano quelle con il Trio di Trieste, Roberto De Simone e Aldo Ciccolini.
Il 29 Aprile 2014, proprio al grande pianista partenopeo adottato dalla Francia, e recentemente scomparso, ha dedicato la sua composizione “Pour jouer”.
In occasione di quell’omaggio istituzionale, Ciccolini, presente in sala, così si espresse: “Mi sono riconosciuto più volte durante l’esecuzione di quest’opera monumentale della mia ex allieva; un’esecuzione magistrale, che rivela una personalità eccezionale, quella della Mariani, una maestra con mezzi pianistici straordinari. E’ il primo lavoro che mi è dedicato. Non è mai troppo tardi”.
Dal 2008 ha approfondito le attività di compositrice e di scrittrice, che hanno trovato una collocazione organica anche nell’ambito dell’attività di concertista.
Autrice di saggi e contributi di natura scientifica, tra cui Schumann. Pensiero e fantasia (Gentile Editore) e di lavori interdisciplinari di musica/ letteratura/ arte/ architettura/ fisica quantistica, nati dalla sinergia con diversi istituti universitari italiani, ha scritto sei romanzi, tra cui Presenze (Sovera) e Consonanze Imperfette (Zecchini) con prefazione di Stefano Valanzuolo – presentati con successo in tutt’Italia.
Con essi altrettanti cd di sue composizioni inedite per piano solo, ben accolte dalla critica ed eseguite in anteprima assoluta presso prestigiose istituzioni concertistiche e culturali tra cui il Teatro di San Carlo, la Fondazione Ravello, l’Ambasciata del Governo Svedese – Fondazione Axel Munthe, Radio Svizzera Italiana, i Conservatori di Santa Cecilia di Roma e Giuseppe Verdi di Milano, il Conservatorio di San Pietro a Majella e la Biblioteca Nazionale di Napoli e presentate presso le Feltrinelli Libri e Musica da Messina a Trieste.
Il libro di racconti Riflessi Storia di storie senza storia e il Cd Riflessi sono i suoi più recenti lavori pubblicati, entrambi già recensiti da prestigiose riviste sia letterarie che di cultura discografica e musicale.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Questa voce è stata pubblicata in Libri e musica e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.