Un talento lèttone chiude la stagione dell’Associazione Alessandro Scarlatti

Foto Vincenzo Moccia

Foto Vincenzo Moccia

La stagione dell’Associazione Alessandro Scarlatti, chiusasi con il concerto de “I Turchini di Antonio Florio” e del soprano Roberta Invernizzi, ha avuto una coda che ha permesso agli abbonati di recuperare la data saltata lo scorso gennaio, quando il Teatrino di Corte di Palazzo Reale avrebbe dovuto ospitare le marionette dei Fratelli Colla.
L’occasione propizia è giunta grazie alle iniziative legate al semestre di presidenza lèttone, che hanno portato a Napoli il giovanissimo pianista Georgijs Osokins, nato nel 1995 in una famiglia di grandi tradizioni musicali, esibitosi alla presenza di numerose autorità del suo e del nostro paese, fra le quali Artis Bertulis (ambasciatore della Lettonia in Italia) e Dana Reizniece-Ozola, Ministro dell’Economia della Lettonia.
La serata si è aperta con un omaggio a Napoli, consistente nella proposizione di due sonate di Domenico Scarlatti (1685-1757), la K. 213 in re minore e la K. 466 in fa minore.
I successivi Vasaras vakara mūzika (Musica per una sera d’estate) di Pēteris Vasks (1946) e Arietta di Ādolfs Skulte (1909 – 2000), fornivano due esempi significativi della musica lèttone.
Il primo, risalente al 2009, è nato da una richiesta del pianista Vestards Šimkus, nell’ambito di un ciclo dedicato alle stagioni, mentre il secondo, datato 1948, è stato proposto da Osokins in una versione da lui concepita, aggiungendo una cadenza e variando il finale.
In entrami i casi si tratta di lavori ricchi di suggestioni e caratterizzati da una modernità molto moderata.
L’ultima parte del concerto era rivolta alla produzione di Fryderyk Chopin (1810-1849), con una panoramica che iniziava con la Barcarola in fa diesis maggiore op. 60, scritta tra l’autunno del 1845 e l’estate del 1846 (a torto considerata un lavoro minore), e si chiudeva con la Polacca in la bemolle maggiore, op. 53 “Eroica” (1842), pezzo grazie al quale il compositore polacco ha raggiunto una enorme notorietà anche fra chi non è appassionato di musica classica.
Veniamo quindi all’interprete che, nonostante la giovanissima età, mostra già di possedere i requisiti per portare avanti una brillante carriera.
In particolare ci ha impressionato la leggerezza del suo tocco, evidenziata soprattutto nei brani scarlattiani (nei quali ha messo in luce alcuni passaggi che precorrono la canzone classica napoletana) ed in quelli dei suoi connazionali.
Meno convincente, nel complesso, la carrellata chopiniana, specie nei brani più noti, ma considerata l’età, Osokins ha tutto il tempo per maturare ulteriormente.
In conclusione un recital caratterizzato da un programma molto raffinato (forse troppo considerando che diversi spettatori si trovavano al Teatrino di Corte solo per motivi di carattere istituzionale), che ha messo in luce un talento dalle enormi potenzialità, in parte ancora inespresse, da seguire con grande attenzione.
______________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Questa voce è stata pubblicata in Recensioni concerti e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.