Il maestro Giovanni Picciafoco propone una interessante panoramica dedicata alla letteratura organistica belga

Foto Fulvio Calzolaio

Foto Fulvio Calzolaio

La rassegna “Sette secoli di musica sacra per organo a Napoli – Vespri d’organo” ha ospitato il maestro Giovanni Picciafoco, organista titolare presso il Duomo di Nola.
L’artista si è confrontato con brani appartenenti alla produzione belga, in un arco di tempo compreso fra la fine del Cinquecento e l’Ottocento, partendo dalla Salve Regina di Peeter Cornet (ca.1575 – 1633), nato a Bruxelles, dove fu organista della chiesa di San Nicola e presso la corte di Alberto VII, arciduca d’Austria.
I successivi Preludio e Fuga erano di Matthias van den Gheyn (1721 – 1785), originario di Lovanio, virtuoso della tastiera che ricoprì per circa quarant’anni il duplice ruolo di organista della chiesa di San Pietro e suonatore di carillon (particolare strumento formato da un numero variabile di campane, collegate ad altrettanti tasti, ognuna delle quali emette una determinata nota).
Si è quindi passati a Cantabile e Final (dalla raccolta École d’Orgue, basée sur le plain-chant romain) di Jacques-Nicolas Lemmens (1823 – 1881), proveniente dalla zona di Anversa e allievo, al conservatorio di Bruxelles, di François-Joseph Fétis, che vedeva in lui una figura capace di rinnovare la tradizione organistica belga.
Forse non riuscì appieno in questo compito, ma in compenso è passato alla storia come docente prestigioso di autori del calibro di Guilmant e Widor.
In una panoramica belga impossibile non inserire anche César Franck (1822-1890) che, per quanto francese di adozione, era nato a Liegi ed aveva iniziato a studiare al locale conservatorio.
Il suo talento era tale che il padre, per dargli una adeguata istruzione musicale, decise di trasferirsi a Parigi, portando con sé tutta la famiglia.
L’intento era quello di tornare poi in patria e avviare il figlio alla carriera solistica, cosa che funzionò fino a quando Franck, nel 1845, stufo delle pressioni del genitore (che svolgeva anche la funzione di manager), abbandonò il Belgio e si recò nuovamente a Parigi.
Lì rimase fino alla fine dei suoi giorni, dove fu attivo in qualità di organista, docente e compositore apprezzatissimo.
Dalla vasta produzione di Franck, il maestro Picciafoco ha scelto Andantino, Offertoire e Pièce Symphonique en sol mineur, tratti dal secondo volume della raccolta “L’organiste” (1858-1863).
Ultimi brani della serata, la Sonata n. 1 in do minore, pubblicata postuma nel 1908, e la Toccata op. 29 (dal sesto volume della seconda serie della raccolta “24 pezzi per organo”) entrambi di Joseph Callaerts (1838-1901), nato ad Anversa e punto di riferimento dell’Ottocento organistico belga.
Per quanto riguarda l’interprete, va sottolineato come Giovanni Picciafoco proponga sempre programmi molto ben strutturati, di alta valenza storico-musicale, contraddistinti spesso da brani di raro ascolto, nei quali riesce a far emergere la sua bravura e ad abbinare una notevole sensibilità esecutiva ed una grande versatilità, per cui ogni recital del maestro rappresenta un evento da non perdere.
In definitiva, anche questo appuntamento, l’ultimo prima della pausa estiva, conferma la validità di una rassegna, che nel 2016 festeggerà il primo decennio di vita.
I ringraziamenti finali vanno quindi, oltre naturalmente a Giovanni Picciafoco, al maestro Mauro Castaldo, presidente dell’Associazione Trabaci e direttore artistico della stagione organistica, e a padre Leonardo Mollica, parroco della chiesa dell’Immacolata al Vomero, sede dei concerti, che ha messo a disposizione degli ospiti, susseguitisi nelle diverse stagioni musicali, uno strumento splendido come il Mascioni op. 1072 del 1985.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Questa voce è stata pubblicata in Recensioni concerti e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.