Venerdì 29 maggio il Conservatorio di Napoli rende omaggio al Principe d’Avalos ad un anno dalla sua scomparsa

Francesco d'AvalosIl Conservatorio di Napoli rende omaggio al principe compositore Francesco d’Avalos ad un anno esatto dalla sua scomparsa.
Venerdì 29 maggio, alle ore 17.30, in sala Scarlatti, si ricorderà la figura del compositore napoletano, docente per quasi vent’anni di Alta Composizione al San Pietro a Majella e protagonista di grande rilievo della musica del Novecento, con un concerto con musiche di uno degli autori prediletti dal principe, Giuseppe Martucci, insieme a due significative composizioni dello stesso d’Avalos, per pianoforte e orchestra.
Protagonisti saranno l’Orchestra del San Pietro a Majella, diretta dal M° Francesco Vizioli e due pianisti di grande calibro come Francesco Libetta – interprete di molte delle pagine pianistiche di d’Avalos – e Francesco Caramiello, prestigioso rappresentante della scuola del Maestro Vincenzo Vitale.

Il concerto sarà preceduto da un ricordo della figura di Francesco d’Avalos con la partecipazione del Presidente e del Direttore del Conservatorio, Antonio Palma e Elsa Evangelista , i docenti Dinko Fabris, Daniela Tortora e Francesco Vizioli, il giornalista Nicola Muccillo, autore di alcune interviste al Maestro d’Avalos.

Il Conservatorio di Napoli, sotto la direzione di Elsa Evangelista, è stato molto vicino al Francesco d’Avalos negli ultimi anni della sua vita.
Nel 2013, durante il convegno di studi dedicato a Gesualdo da Venosa, il San Pietro a Majella ospitò la presentazione dell’autobiografia del principe (Aracne 2013) alla presenza dell’autore.

Ingresso libero

Per informazioni:
www.sanpietroamajella.it
tel.081 5644411

Prof. Giulia Veneziano
Responsabile dell’Ufficio Stampa
Conservatorio di Musica San Pietro a Majella
giuliaveneziano@gmail.com

_________________________________________________________

Francesco d’Avalos (1930-2014)
compositore, direttore d’orchestra, pensatore e saggista, esponente di una delle più antiche casate nobiliari ispano-partenopee, iniziato alla musica dal padre Carlo, musicofilo e collezionista di dischi, ha studiato pianoforte con Marta de Conciliis e Vincenzo Vitale e composizione con Renato Parodi sino al conseguimento del diploma presso il Conservatorio San Pietro a Majella.
Allo studio della musica ha affiancato sin da giovanissimo, grazie al dialogo con i suoi maestri Giorgio Punzo e padre Vittorio Ugo Capone, lo studio della filosofia, successivamente anche in ambito universitario, con una spiccata predilezione per l’idealismo tedesco che impregna di sé il prediletto repertorio sinfonico classico-romantico.
A partire dalla fine degli anni Cinquanta e per buona parte degli anni Sessanta è stato fondamentale per il suo itinerario e di compositore e di interprete il rapporto di studio con il direttore rumeno Sergiu Celibidache.
Ha insegnato contrappunto fuga e composizione presso i Conservatori di Bari (sino al 1979) e di Napoli sino al 1998.
La sua produzione compositiva annovera alcuni lavori cameristici, anche in stile ovvero à la manière de, ma soprattutto alcune grandi opere sinfoniche (Prima Sinfonia, Studio Sinfonico, Hymne an die Nacht, Seconda Sinfonia) e due fondamentali lavori teatrali, summa dell’intero suo esercizio compositivo: Maria di Venosa (1992) e Qumrãn (2002). L’attività direttoriale si è tradotta nel corso del tempo nella messa a punto di numerose incisioni discografiche di grande pregio, in primis la raccolta completa delle opere sinfoniche di Martucci (ivi inclusi i due concerti per pianoforte e orchestra).
Al centro di un vasto cenacolo di artisti, intellettuali, musicisti (napoletani, ma non solo) d’Avalos ha elaborato i fondamenti del suo pensiero musicale in due volumi apparsi a circa dieci anni di distanza l’uno dall’altro: La crisi dell’Occidente e la presenza della Storia (Brescia, Bietti, 2005) e Autobiografia di un compositore (1930-1957). Il Religioso Assoluto e l’Io Trascendentale (Roma, Aracne, 2013).
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Questa voce è stata pubblicata in Dal mondo della musica e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.