Da giovedì 14 maggio la stagione operistica del Teatro di San Carlo propone, al Teatrino di Corte di Palazzo Reale, “L’Isola disabitata” di Niccolò Jommelli su libretto di Pietro Metastasio

Logo Teatro di San CarloGiovedì 14 maggio, ore 20.30 e in replica fino a mercoledì 20 maggio, al Teatrino di Corte di Palazzo Reale, va in scena L’isola disabitata di Niccolò Jommelli su libretto di Pietro Metastasio.
L’opera del compositore aversano, per la prima volta in cartellone al Lirico di Napoli, vedrà sul podio Rinaldo Alessandrini, direttore tra i più esperti in assoluto di questo genere di repertorio, mentre la regia è affidata a Mariano Bauduin.
Le scene sono di Dario Gessati, i costumi di Marianna Carbone mentre le luci sono firmate da Guido Levi.

Rappresentata per la prima volta a Ludwigsburg nel 1761, L’Isola disabitata ha goduto di splendida fama ed è stata posta in musica oltre che da Jommelli, da svariati compositori tra cui Sarti, Traetta, Haydn, Spontini, Paisiello.
Alla base dell’opera il conflitto, di matrice illuminista, tra natura e cultura, espresso dall’allegoria dell’individuo solitario sull’isola deserta.
Isola dove Costanza, qui interpretata da Raffaella Milanesi, crede di essere stata abbandonata, insieme alla sorella minore Silvia (che avrà la voce di Silvia Frigato) dal marito Gernando (Davide Luciano).
Il dolore e l’ astio di Costanza sono temperati dalla gioiosa freschezza di Silvia che, giunta all’isola troppo piccola per ricordare il mondo civilizzato, gode della vita semplice nella natura.
Si scoprirà poi che Gernando non aveva abbandonato la sposa ma era stato rapito dai pirati e tenuto per anni prigioniero e ricomparirà nell’isola con l’amico Enrico (interpretato da Alessandro Scotto di Luzio) in cerca di Costanza.
Lieto fine e matrimonio in vista anche per Silvia e Enrico.
Bauduin immagina come location della vicenda Palazzo Donn’Anna, è lì che si ritroveranno i naufraghi dopo una lunga separazione.
“Palazzo Donn’Anna – spiega il regista – così abitato e disabitato, è un po’ la metafora della Scuola napoletana. Sembra che stia per crollare e invece finisce sempre per risorgere”.
Bauduin ha inserito in scena anche la figura di Matilde Serao (interpretata da Antonella Morea) a cui sarà affidato il compito di recitare l’antefatto della vicenda, ambientata alla fine dell’Ottocento.

L’sola disabitata si inserisce in quel recupero della grande tradizione partenopea che è uno dei leitmotiv delle ultime stagioni del Massimo napoletano un cammino intrapreso negli ultimi anni e che ha visto susseguirsi produzioni di successo come, Il Marito disperato e Il Maestro di Cappella di Domenico Cimarosa, La Furba e Lo Sciocco di Domenico Sarro e il Don Trastullo dello stesso Jommelli.

Costo del biglietto
Intero: 40 Euro
Ridotto: 30 Euro (titolari Carte dei programmi di Membership, gruppi di almeno 10 persone membri di enti, CRAL ed associazioni convenzionati con il Teatro di San Carlo)
Giovani under 30 (secondo settore di platea): 20 Euro

______________________________________________________

Teatrino di Corte di Palazzo Reale – giovedì 14 maggio 2015, ore 20.30
L’Isola disabitata
Azione teatrale di Pietro Metastasio
Musica di Niccolò Jommelli

Direttore, trascrittore ed editore: Rinaldo Alessandrini
Regia: Mariano Bauduin
Scene: Dario Gessati
Costumi: Marianna Carbone
Luci: Guido Levi
Interpreti
Costanza: Raffaella Milanesi
Enrico: Alessandro Scotto di Luzio
Gernando: Davide Luciano
Silvia: Silvia Frigato

Orchestra del Teatro di San Carlo

repliche:
venerdì 15 maggio 2015, ore 20.30
sabato 16 maggio 2015, ore 18.00
domenica 17 maggio 2015, ore 17.00
martedì 19 maggio 2015, ore 19.00
mercoledì 20 maggio 2015, ore 18.00
______________________________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Questa voce è stata pubblicata in Dal mondo della musica e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.