Giovedì 26 marzo Martha Argerich e Gidon Kremer ospiti della rassegna Grandi Interpreti di Bologna Festival

Manifesto Bologna Festival  2015Giovedì 26 marzo, ore 20.30 al Teatro Manzoni, secondo appuntamento della rassegna Grandi Interpreti di Bologna Festival con un duo d’eccezione, Martha Argerich e Gidon Kremer.
La grande pianista argentina, fedele al Bologna Festival, ritorna con uno dei suoi musicisti prediletti, Gidon Kremer, violinista tra i più creativi, sempre alla ricerca del lato poetico dell’interpretazione.

In programma la Sonata op.30 n.3 di Beethoven, la Sonata in la maggiore di César Franck e due brani del compositore sovietico Mieczysław Weinberg (Varsavia 1919 – Mosca 1996), la Sonata n.5 op.53 per violino e pianoforte e la Sonata n.3 op.126 per violino solo.
Weinberg è autore molto amato da Kremer, da lui stesso riscoperto.

«Martha Argerich e Gidon Kremer, solisti mitici, collaborano come sempre confermando un universo musicale di forte originalità. La Argerich – afferma Mario Messinis direttore artistico di Bologna Festival – è più appassionata, a tratti genialmente tumultuosa, crede nella immediatezza comunicativa; Kremer è interessato alla intimistica levigatezza del suono, ad un estroso gusto miniaturistico. Ama i compositori della sua terra, come il sovietico Mieczyslaw Weinberg che riflette una concezione tardoromantica, molto diffusa in Russia e la lezione di Šostakovič, il suo maestro ideale».

Prossimo appuntamento
Talenti
7 aprile Quartetto Noûs
musiche di Stravinskij, Čajkovskij, Adès

Costo biglietti a partire da € 30
Biglietti Giovani (riduzione valida sino ai 30 anni compresi): € 8
per gli under 30 è inoltre prevista la riduzione 50% sui biglietti di platea settore A e B

Informazioni
Bologna Festival
051 6493397
www.bolognafestival.it

Vendita biglietti on line su www.bolognafestival.it, www.vivaticket.it, www.classictic.com

Biglietteria Bologna Welcome
(Piazza Maggiore 1/E)
tel. 051 231454, dal martedì al sabato, ore 13 -19
.

Paola Soffià
Ufficio Stampa Bologna Festival
tel 051 6493397
cell 3287076143
via Lame, 58
40122 Bologna

____________________________________

Mercoledì 26 marzo, ore 20.30 – Teatro Manzoni di Bologna

Martha Argerich pianoforte
Gidon Kremer violino

Mieczyslaw Weinberg: Sonata n.5 op.53 per violino e pianoforte

Ludwig van Beethoven: Sonata op.30 n.3 per violino e pianoforte

Mieczyslaw Weinberg: Sonata n.3 op.126 per violino

César Franck: Sonata in la maggiore per violino e pianoforte

Gidon Kremer, Violine, Martha Argerich, PianoMartha Argerich
Nata a Buenos Aires, inizia lo studio del pianoforte all’età di cinque anni con Vincenzo Scaramuzza. Bambina prodigio, inizia precocemente le sue esibizioni pubbliche.
Nel 1955 si trasferisce in Europa e continua gli studi con Seidlhofer, Gulda, Magaloff, Lipatti e Askenase.
Nel 1957 vince i concorsi di Bolzano e di Ginevra e nel 1965 il concorso Chopin di Varsavia.
Solista di statura eccezionale, si è esibita con le orchestre più prestigiose del mondo e con tutti i grandi direttori.
Il suo vasto repertorio spazia da Bach a Beethoven, Schumann, Chopin, Liszt, Debussy, Ravel, Bartók, Prokof’ev, Stravinskij, Šostakovič, Messiaen con una predilezione per i brani più virtuosistici della letteratura pianistica dell’Ottocento e del Novecento.
Sin dagli inizi della sua carriera si è dedicata anche alla cameristica: diciassettenne, accompagnò Joseph Szigeti.
Gidon Kremer, Mischa Maisky, Nelson Freire e Alexandre Rabinovitch sono solo alcuni dei musicisti con cui collabora abitualmente.
Ugualmente vasta è la sua discografia, che negli ultimi anni si è arricchita dei Concerti n.2 e n.3 di Beethoven e dei Concerti K.466 e K.503 di Mozart incisi insieme a Claudio Abbado; recentissima l’incisione live del concerto tenuto a Berlino in duo con Daniel Barenboim, con musiche di Mozart, Schubert e Stravinskij.
Nel corso della sua carriera Martha Argerich ha ricevuto moltissimi premi per le sue incisioni discografiche, tra cui il Best Piano Concerto Recording of the Year per il suo Chopin, il Grammy Award per i Concerti di Bartók e Prokof’ev, per Cenerentola di Prokof’ev con Mikhail Pletnev e per i Concerti di Beethoven con Claudio Abbado.
Numerosi anche i riconoscimenti alla carriera, dal Praemium Imperiale al titolo di Commandeur de l’Ordre des Arts et des Lettres.
Nell’intento di valorizzare i giovani musicisti nel 1998 assume la direzione artistica del Music Festival Argerich’s Meeting Point di Beppu (Giappone) che oltre ai concerti prevede masterclass con i maggiori interpreti di oggi; nel 1999 ha creato un concorso pianistico internazionale a Buenos Aires e nel 2002 il Progetto Martha Argerich a Lugano.

Gidon Kremer
Nato a Riga (Lettonia) nel 1947, Gidon Kremer inizia a suonare il violino all’età di quattro anni, sotto la guida del padre.
Studia alla Scuola di Musica di Riga e poi al Conservatorio di Mosca con David Oistrakh.
Vincitore dei concorsi Regina Elisabetta di Bruxelles (1967), Paganini di Genova (1969) e Čajkovskij di Mosca (1970), inizialmente svolge la sua attività concertistica esclusivamente in territorio sovietico.
Dopo il debutto viennese compie numerose tournées in vari paesi europei e negli Stati Uniti; nel 1978 ottiene l’autorizzazione a soggiornare fuori dal suo paese.
Una inesauribile curiosità musicale e una tecnica eccezionale ne fanno un artista in continua evoluzione, pronto ad affrontare anche autori poco conosciuti o lontani dalla tradizione “colta”.
Nei suoi programmi la musica contemporanea, verso la quale ha sempre mostrato grande interesse, trova spazio accanto ai capisaldi della letteratura violinistica barocca, classica, romantica oltre che novecentesca.
Ha fatto conoscere al grande pubblico lavori di Schnittke, Weinberg, Gubajdulina, Pärt, Kancheli, Nono, Silvestrov, Desyatnikov, Reimann, Vasks, Adams, Piazzolla, Nyman e Glass.
Sotto la spinta di questi suoi eterogenei interessi musicali, nel 1981, a Lockenhaus, crea il festival di musica da camera “Kremerata Musica”.
Nel 1997, fonda la Kremerata Baltica, un’orchestra da camera che riunisce i migliori giovani musicisti dei paesi baltici.
Con essa realizza tournées in tutto il mondo e progetti discografici.
Selezionata e poliedrica anche la schiera dei musicisti con i quali si esibisce in duo: Martha Argerich, Krystian Zimerman, András Schiff, Yuri Bashmet, Mischa Maisky, Yo-Yo Ma, Keith Jarrett, Thomas Zehetmair.
Ha lavorato al fianco di direttori come Bernstein, Karajan, Maazel, Abbado, Ozawa, Harnoncourt e Muti.
Sono più di un centinaio, molte delle quali pluripremiate, le incisioni discografiche realizzate nel corso degli anni.
Con ECM ha pubblicato le Sonate e Partite di Bach, il CD Hommage à Piazzolla e la Lockenhaus Edition, una raccolta di registrazioni dal vivo realizzata in occasione del trentennale del prestigioso festival.
Nel gennaio 2014 è uscito il suo ultimo CD, Mieczyslaw Weinberg.
Gidon Kremer suona un Nicola Amati del 1641.
____________________________________

Seguici su Facebook:

Critica Classica

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Questa voce è stata pubblicata in Prima del concerto e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.